HOME - Normative
 
 
30 Gennaio 2014

POS in studio, si cambia ancora. Prorogato l'obbligo di sei mesi, ma poi scatta per tutti


E' appena stato pubblicato il Decreto che impone anche ai professionisti, che fatturano più di 200 mila euro, di accettare i pagamenti superiori a 30 euro attraverso bancomat e carte di debito e credito che già si cambia.

Nel Decreto Milleproroghe approvato ieri dal Senato -ora in discussione alla Camera- è stato approvato un emendamento proposto dal Governo che sposta la data di entrata in vigore dell'obbligo di 6 mesi.
Posticipato quindi al 30 giugno 2014 l'obbligo di ricevere pagamenti tramite POS, data i cui, comunque, l'obbligo scattava già per tutti.

Il precedente Decreto esonerava dall'obbligo, proprio fino al 30 giugno, aziende e professionisti con un fatturato nel 2012 inferiore a 200 mila euro.
Ricordiamo che ad oggi non sono previste sanzioni per chi non si adegua anche se la possibilità di utilizzare questi tipi di strumenti è sicuramente un ulteriore servizio che date ai vostri pazienti.

Articoli correlati

La richiesta durante il terzo International Clinical Engineering and Health Technology Management Congress, che si è tenuto a Roma


L’ansia severa o fobia nei confronti dei trattamenti dentali è molto comune. Si stima che ben il 75% degli adulti negli Stati Uniti manifestino una certa “paura del...

di Lara Figini


L’Associazione Specialisti Italiani in Ortodonzia lancia l’allarme anche in Italia: potenziali seri danni alla salute per chi effettua cure ortodontiche con gli allineatori trasparenti senza...


Attualmente l’odontoiatria restaurativa non può fare a meno di alcuni capisaldi come l’adesione, le resine composite e la diga di gomma per erogare restauri altamente...


Il ruolo diagnostico e il principio stomatologico, sono gli elementi peculiari che caratterizzano la professione odontoiatrica e per questo vanno difesi soprattutto dalle politiche...


Altri Articoli

FESPA denuncia la mancanza di dotazione minima strutturale degli ambulatori Odontoiatrici del Verbano Cusio Ossola che ora rischiano la chiusura


A rischio 17 mila posti di lavoro, emendamento che impedirebbe ad una fascia considerevole di popolazione di accedere a cure odontoiatriche di qualità e a costi accessibili


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Un evento che si conferma punto di riferimento dell’aggiornamento culturale del Sud Italia che ha fatto della sinergia tra le componenti del settore il punto di forza


Associazione Italiana Odontoiatri plaude la presentazione dell’emendamento che abilita le sole StP a esercitare l’odontoiatria


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi