HOME - Normative
 
 
03 Febbraio 2014

Direttiva taglio, parere favorevole delle Commissioni riunite; prese in considerazione le richieste di modifica di ANDI


Sarà il Governo a decidere se gli studi odontoiatrici e quelli medici dovranno dotarsi della sorveglianza sanitaria in merito al rischio di ferite dovute dall'utilizzo di strumenti da taglio ed aghi emanando il testo definitivo del recepimento della Direttiva europea (che non lo prevede, almeno in modo così esplicito).
Le Commissioni riunite Lavoro e Affari Sociali della Camera nella seduta del 28 gennaio e quelle Lavoro ed Igiene Sanità del Senato nella seduta del 30 gennaio hanno infatti dato il parere favorevole al testo presentato ma con alcune osservazioni.

Al Senato, fa notare ANDI in una nota, nel testo licenziato dalle Commissioni Lavoro ed Igiene Sanità si chiede al Governo "di  valutare l'opportunità di riformulare la disposizione concernente l'obbligo di sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 1, comma 1, capoverso 286-sexies dello schema di decreto legislativo, al fine di chiarire che tale misura di prevenzione specifica deve essere adottata qualora risulti necessaria in funzione dei risultati della valutazione dei rischi, in aderenza a quanto previsto dall'articolo 14 della direttiva 2000/54/CE".

"Ovvero, come avevamo richiesto, di non rendere obbligatoria l'adozione per gli studi medici ed odontoiatrici della sorveglianza sanitaria per i dipendenti", sottolinea ANDI.

Meno attenzione per le richieste dei dentisti dalla Camera dove le Commissioni riunite di Lavoro ed Affari sciali pur sottolineando la richiesta di ANDI (lo ha fatto il relatore Andrea Cecconi) volta a "mitigare l'obbligo tassativo per tutti i datori di lavoro di adottare la sorveglianza sanitaria per i dipendenti all'interno degli ambulatori dentistici o, comunque, di limitarla ai soli casi ritenuti necessari", non hanno ritenuto di mettere nero su bianco la richiesta, anzi si chiede ai parlamentari di " non abbassare l'attenzione su un tema delicato come quello della vigilanza medica e della sicurezza sui luoghi di lavoro".

La decisione passa al Governo che dovrà emanare il testo definitivo.
"Si tratta ora di far recepire al Governo -commenta ANDI-  l'osservazione  formulata del Senato e l'azione di ANDI sarà quindi concentrata su questo delicato passaggio"

Sull'argomento leggi anche:

14 gennaio 2014: Direttiva ferite da taglio, la politica si interessa

9 gennaio 2014: Direttiva ferite da taglio presto il recepimento delle norme europee

Articoli correlati

Con l'approvazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto legislativo 19 del 19 febbraio 2014 -"Attuazione della direttiva 2010/32/UE che attua l'accordo quadro in materia di prevenzione delle ferite da...


E' stato pubblicato ieri 10 marzo sulla Gazzetta Ufficiale il decreto di recepimento della Direttiva CE 2010/32/UE, in materia di prevenzione da ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e...


Un convegno organizzato dalla CAO Roma ha fatto il punto. Santaniello: serve attenzione anche su temi extra-clinici tra i quali quello previdenziale e di sostegno alla libera professione


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Rimborsi e sussidi da parte di ENPAM per medici e dentisti danneggiati. Anche AIO ed ANDI vicine ai dentisti colpiti


Altri Articoli

O33Cronaca     11 Dicembre 2019

Ulss veneta cerca un igienista dentale

Contratto a tempo indeterminato presso l’Ulss numero 6 Euganea, domande entro il 9 gennaio 2020


Indicato per i casi di riabilitazione estetica e per il ripristino della funzionalità di pazienti affetti da edentulia parziale o totale. Scopri le soluzioni cliniche


Il commento, critico, del presidente Brugiapaglia, tra i primi presidenti CAO ad aver sospeso un iscritto per mancato aggiornamento


Il nuovo libro del prof. Luca Levrini per l’odontoiatra ed il logopedista presenta una sintesi che supera la barriera tra il mondo medi­co-chirurgico e quello riabilitativo


Quelli per i clienti e quelli ai dipendenti che si possono portare in detrazione. Come comportarsi per le cene ed altre spese di rappresentanza?


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi