HOME - Normative
 
 
03 Febbraio 2014

Direttiva taglio, parere favorevole delle Commissioni riunite; prese in considerazione le richieste di modifica di ANDI


Sarà il Governo a decidere se gli studi odontoiatrici e quelli medici dovranno dotarsi della sorveglianza sanitaria in merito al rischio di ferite dovute dall'utilizzo di strumenti da taglio ed aghi emanando il testo definitivo del recepimento della Direttiva europea (che non lo prevede, almeno in modo così esplicito).
Le Commissioni riunite Lavoro e Affari Sociali della Camera nella seduta del 28 gennaio e quelle Lavoro ed Igiene Sanità del Senato nella seduta del 30 gennaio hanno infatti dato il parere favorevole al testo presentato ma con alcune osservazioni.

Al Senato, fa notare ANDI in una nota, nel testo licenziato dalle Commissioni Lavoro ed Igiene Sanità si chiede al Governo "di  valutare l'opportunità di riformulare la disposizione concernente l'obbligo di sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 1, comma 1, capoverso 286-sexies dello schema di decreto legislativo, al fine di chiarire che tale misura di prevenzione specifica deve essere adottata qualora risulti necessaria in funzione dei risultati della valutazione dei rischi, in aderenza a quanto previsto dall'articolo 14 della direttiva 2000/54/CE".

"Ovvero, come avevamo richiesto, di non rendere obbligatoria l'adozione per gli studi medici ed odontoiatrici della sorveglianza sanitaria per i dipendenti", sottolinea ANDI.

Meno attenzione per le richieste dei dentisti dalla Camera dove le Commissioni riunite di Lavoro ed Affari sciali pur sottolineando la richiesta di ANDI (lo ha fatto il relatore Andrea Cecconi) volta a "mitigare l'obbligo tassativo per tutti i datori di lavoro di adottare la sorveglianza sanitaria per i dipendenti all'interno degli ambulatori dentistici o, comunque, di limitarla ai soli casi ritenuti necessari", non hanno ritenuto di mettere nero su bianco la richiesta, anzi si chiede ai parlamentari di " non abbassare l'attenzione su un tema delicato come quello della vigilanza medica e della sicurezza sui luoghi di lavoro".

La decisione passa al Governo che dovrà emanare il testo definitivo.
"Si tratta ora di far recepire al Governo -commenta ANDI-  l'osservazione  formulata del Senato e l'azione di ANDI sarà quindi concentrata su questo delicato passaggio"

Sull'argomento leggi anche:

14 gennaio 2014: Direttiva ferite da taglio, la politica si interessa

9 gennaio 2014: Direttiva ferite da taglio presto il recepimento delle norme europee

Articoli correlati

Con l'approvazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto legislativo 19 del 19 febbraio 2014 -"Attuazione della direttiva 2010/32/UE che attua l'accordo quadro in materia di prevenzione delle ferite da...


E' stato pubblicato ieri 10 marzo sulla Gazzetta Ufficiale il decreto di recepimento della Direttiva CE 2010/32/UE, in materia di prevenzione da ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e...


“Il meccanismo delle detrazioni sanitarie - è più costoso, regressivo e diseguale territorialmente rispetto a quello degli oneri deducibili applicato alla Sanità Integrativa. Si tratta, inoltre,...


Da oltre mezzo secolo l’Acse, l’ambulatorio dei Padri Comboniani, di via del Buon Consiglio a Roma, rappresenta un punto di riferimento per tutte quelle persone costrette ai margini della vita...


Riconoscere, per legge, una valenza specialistica alla Laurea in Odontoiatria, in modo che i laureati possano partecipare ai concorsi per i ruoli dirigenziali di competenza nel Servizio Sanitario...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi