HOME - Normative
 
 
27 Febbraio 2014

Esenzione dalla TARI per i produttori rifiuti speciali o pericolosi. Le indicazioni del Ministero


Per i produttori di rifiuti speciali assimilabili agli urbani che affidano (e possono dimostrarlo) lo smaltimento ad una azienda apposita, possono richiedere al proprio Comune una riduzione della tassa sullo smaltimento dei rifiuti (TARI). Solitamente non si paga la tassa per le superfici dello studio o del laboratorio odontotecnico "dove vengono prodotti i rifiuti".

Con l'approvazione della Legge di stabilità 2014 questo non è più scontato.
Infatti tra gli articoli approvati uno, il 649, indica che "per i produttori di rifiuti speciali assimilati agli urbani, nella determinazione della TARI, il comune, con proprio regolamento, può prevedere riduzioni della parte variabile proporzionali alle quantità che i produttori stessi dimostrino di avere avviato al recupero.", mentre il 661 stabilisce che "il tributo non è dovuto in relazione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero."

Quindi quale seguire?

In attesa di una "spiegazione legislativa", l'ex Ministro dell'Ambiente Andrea Orlando (ora sostituito da Gian Luca Galletti) il 13 febbraio scorso ha indicato di interpretare la norma secondo quanto disposto dall'art. 649, ovvero lasciando ai vari Comuni la facoltà di prevedere, o meno, riduzioni della TARI per professionisti ed imprese che affidano ad aziende per lo smaltimento dei propri rifiuti speciali.

Articoli correlati

Se già oggi l’assistenza odontoiatrica pubblica è una cenerentola tra qualche anno, con il pensionamento di molti degli attuali professionisti che vi collaborano, la situazione potrebbe...


L’Agenzia delle Entrate avvierà, a breve, una serie di controlli finalizzati a verificare la regolarità dell’applicazione del regime forfetario previsto dalla legge di Bilancio 2019, almeno...


Secondo quanto approvato nel Decreto Crescita, convertito in legge in via definiva ieri 27 giungo anche dal Senato, viene prorogato il termine dei versamenti delle tasse dal 30 giugno al 30 settembre...


Le nuove disposizioni sulla pubblicità sanitaria entrate in vigore dal primo gennaio con la promulgazione della Legge di Bilancio 2019 (Art.1, comma 525 e 536, legge n. 145/2018) sono in...


La differenza tra ambulatorio e studio odontoiatrico non è data dalla tipologia della prestazione eseguita ma dalla complessità organizzativa, e già la forma societaria indica la natura...


Altri Articoli

Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


“C’è ancora molta incertezza sulla questione dell’inquadramento contrattuale delle ASO per l’esenzione dall’obbligo di conseguimento dell’attestato di qualifica professionale previsto...


AIO sta valutando “molto concretamente” l’ipotesi di un ricorso al Tar Lazio, per modificare l’articolo 19 dell’Accordo Collettivo Nazionale degli Specialisti ambulatoriali con il Servizio...


Successo delle “Giornate in piazza di prevenzione orale”, progetto organizzato da UNID in alcune piazze italiane per promuovere salute orale, la correlazione tra le patologie odontoiatriche e le...


Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi