HOME - Normative
 
 
04 Marzo 2014

Sistri salta l'obbligo anche per chi ha meno di 10 dipendenti e per le Società odontoiatriche


Dopo l'ennesimo rinvio della data di entrata a regime del Sistri, previsto per ieri 3 marzo ma posticipato al primo gennaio 2015, il Ministro dell'Ambiente sta per firmare un decreto attraverso il quale esenta imprese ed enti che producono rifiuti pericolosi con meno di 10 dipendenti all'iscrizione al Sistri ed al conseguente rispetto degli adempimenti.

"Le istanze avanzate dai piccoli produttori -si legge in una nota del Ministero- sono tenute nella massima considerazione. E' infatti in via di perfezionamento un decreto che assoggetta al Sistri solo imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti con più di 10 dipendenti nei settori dell'industria, artigianato, commercio e servizi".

Il decreto, viene precisato, contiene altre semplificazioni finalizzate a venire incontro alle esigenze dei produttori al fine di assicurare un "decollo della fase 2 che sia meno problematica possibile".
Una decisione che interessa da vicino i laboratori odontotecnici che producevano anche rifiuti pericolosi ma anche gli studi odontoiatrici organizzati in società in quanto non rientravano nell'esonero dall'iscrizione al Sistri previsto per i soli studi odontoiatrici i cui titolari sono liberi professionisti.

Sull'argomento leggi anche:

25 Febbraio 2014: SISTRI: si avvicina la scadenza per l'iscrizione ma sono ancora molti i dubbi. Chi dovrebbe aderire e chi no

Articoli correlati

Istituto indica i DPI che gli operatori devono indossare a seconda delle mansioni, comprese quelle che prevedono una esposizione all’aerosol a meno di un metro


Da mercoledì primo aprile sarà possibile presentare le domande. Ecco chi può richiederlo e come deve essere richiesto. Discriminati gli iscritti alle casse private


Per i giudici la legge è chiara, ma la sentenza ribadisce l’autonomia professionale dell’Igienista e la necessità della presenza contestuale dell’odontoiatra in studio 


In Gazzetta il testo del provvedimento che istituisce la cassa integrazione per i dipendenti degli studi professionali. Ma solo gli studi odontoiatrici più strutturati potranno accedervi


Stretta sulle procedure per utilizzare in compensazione i crediti tributari. Ecco cosa prevede la norma e i consigli dei consulente fiscale AIO


Altri Articoli

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


Istituto indica i DPI che gli operatori devono indossare a seconda delle mansioni, comprese quelle che prevedono una esposizione all’aerosol a meno di un metro


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP