HOME - Normative
 
 
10 Marzo 2014

Assistente cementa un ponte, per la Cassazione è legittimo sospendere il dentista


Durante una visita ispettiva in uno studio odontoiatrico del milanese era stata colta sul fatto una assistente alla poltrona mentre ricermentava un ponte inferiore e toglieva un punto di sutura di una estrazione avvenuta qualche giorno prima.

Il medico si era giustificato sostenendo "che si sarebbe trattato di un singolo episodio, commesso da un soggetto che, forse pressato dal paziente, aveva esorbitato dalle proprie mansioni senza averne ricevuto autorizzazione da lui e quindi in modo imprevedibile".

L'Ordine di Milano, dove il titolare dello studio in cui si è svolto il fatto è iscritto, nel giugno 2011 l'aveva sospeso per tre mesi, sanzione confermata anche dalla CCEPS per aver tenuto "un comportamento negligente, consistito nella omissione di ogni cautela idonea ad evitare che prestazioni a lui riservate fossero svolte da suoi collaboratori, a ciò non abilitati".
Decisione impugnata dall'iscritto che si era rivolto alla Cassazione ritenendo che "la condotta della collaboratrice non sarebbe stata ricollegabile ad alcuna ipotesi di dolo o colpa grave del sanitario, attesa la sua eccezionalità".

Giudicando il comportamento dell'odontoiatra colposo la Cassazione non accoglie il ricorso dell'odontoiatra sottolineando nella sentenza che "sarebbe stato onere dell'odontoiatra di cui si tratta porre in essere quegli accorgimenti che la sua non continua presenza presso lo studio rendeva necessari per garantire che il personale operante presso la struttura non perpetrasse condotte abusive. In tale quadro, tra le prime misure da assumere vi era proprio quella di impedire interventi abusivi sui pazienti in assenza del sanitario".

Articoli correlati

Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


Lavorava in uno studio autorizzato al posto del vero dentista


Il NAS di Napoli denuncia dentista ed odontotecnico per esercizio abusivo della professione


A denunciare un diplomato odontotecnico di 55 anni di Palermo, con l’accusa di esercizio abusivo della professione sanitaria, sono stati i carabinieri del NAS. Secondo quanto riportato dalla...


I militari del Nas di Napoli, hanno segnalato alle competenti autorità un odontoiatra di 72 anni per aver detenuto farmaci scaduti nel proprio studio, ed un 61enne per aver esercitato abusivamente...


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi