HOME - Normative
 
 
17 Giugno 2014

Laboratorio odontotecnico condiviso. Una opportunità per mettere in condivisione attrezzature e locali senza perdere la propria identità


In tempi di crisi contenere le spese puntando, però, sulla produttività può essere una necessita oltre che una opportunità.
Accorparsi costituendo una società è sicuramente una soluzione ma molti odontotecnici hanno paura di perdere la propria identità e, da individualisti, non riescono spesso a condividere progetti e clienti.

Una soluzione potrebbe arrivare dal Laboratorio Odontotecnico Condiviso.
Per informare il titolare di laboratorio sulle opportunità offerte da questo strumento, CNA/SNO ha predisposto un vademecum  a disposizione di tutti gli uffici territoriali che potranno supportare gli odontotecnici anche nella stesura del contratto.

Ma cosa è il Laboratorio Odontotecnico Condiviso?

È un accordo, spiegano dal CNA, tra due o più Odontotecnici che decidono di condividere lo stesso laboratorio, mantenendo la propria autonomia imprenditoriale.

Come si può realizzare?

Le soluzioni possono essere diverse, la più comune prevede che un odontotecnico, titolare di un Laboratorio, concede in uso una parte dei propri locali nei quale svolge l'attività, ad un altro odontotecnico, in possesso dei requisiti professionali, affinché questi eserciti, in piena autonomia, la propria attività.

E' buona prassi che tale accordo venga trascritto in un contratto.

La concessione in uso dei locali è solitamente a titolo oneroso: l'utilizzatore paga un canone
Il canone può comprendere:
• L'utilizzo di attrezzature del concedente
• Il consumo di prodotti del concedente
• La quota dei consumi di energia
• La quota delle altre spese (pulizia locali, condominiali, ecc.)

In pratica, spiegano dal CNA,l'utilizzatore potrebbe svolgere la propria attività (in possesso dei requisiti professionali), potendo utilizzare i locali e le attrezzature necessarie già presenti e nella disponibilità dell'impresa concedente.

Articoli correlati

ANTLO, SNO/CNA e Confartigianato odontotecnici rivendicano un lavoro unitario verso specifici obiettivi comuni ma anche una rappresentanza ad ampio respiro per gli odontotecnici in quanto...


Gli aiuti economici attivati dal Governo, quelli dalle Confederazioni, quelli che saranno richiesti ma anche le procedure da adottare per prevenire il contagio e le ipotesi sul futuro tra i temi...


Fu presidente nazionale degli odontotecnici SNO/CNA dal 1994 al 1998. Il ricordo dell’attuale presidente Cleri 


Il presidente degli odontotecnici dello SNO fa una analisi di una professione che, dice, rischia di essere assorbita dall’industria 


“L’accresciuta capacità professionale messa in campo dagli odontotecnici costituisce una garanzia per la salute degli utenti finali a cui sono destinati i dispositivi su misura da essi...


Altri Articoli

Concorso per esami con prova scritta ed orale. Le domande solo online entro il 17 dicembre 2020, questi i requisiti necessari per candidarsi


Video intervista al prof. Roberto Burioni per capire le varie differenze tra i test per individuare il Covid, il ruolo di dentisti ed igienisti dentali ed i consigli nella prevenzione del contagio in...


Rinnovate le cariche istituzionali per i prossimi 3 anni del Consiglio Direttivo, Collegio dei Probiviri, Collegio dei Revisori dei Conti


Per il dott. Massimo Corradini questa è una incongruenza. Le sue riflessioni ripercorrendo le tappe che hanno portato l’istituzione della professione odontoiatrica


La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina