HOME - Normative
 
 
16 Luglio 2014

Prende un'impronta ma è odontotecnico. Condannato anche per danni morali. Anche il titolare dello studio è colpevole ma non vengono condannati: il reato è prescritto


La vicenda è simile ai tanti casi di esercizio abusivo della professione che la cronaca ci racconta quasi giornalmente se non fosse per la condanna, in sede penale, sia del medico che dell'odontotecnico per danni morali nei confronti del paziente.
Contro questa condanna l'abusivo ricorre in Cassazione che conferma la condanna aprendo un nuova possibilità per sanzionare abusivi ma anche prestanome.

Questa la vicenda.

Nel 2005 un odontotecnico, ex titolare dello studio odontoiatrico poi ceduto a due dentisti regolarmente iscritti all'Ordine, continua a frequentare lo studio e seguire i pazienti effettuando, scrive la Cassazione,  "su pazienti che si erano affidati alle cure del medico titolare dello studio talvolta in parziale presenza di quest'ultimo, con il suo previo intervento o consiglio o supervisione e pertanto con il suo pieno e consapevole contributo causale alla consumazione di tali abusive prestazioni, integranti le contestate condotte delittuose".

I NAS durante un sopraluogo sorprendendo l'odontotecnico a rilevare una impronta e lo denunciano come denunciano i titolari dello studio. Dopo le indagini ed il processo, odontotecnici e dentisti vengono condannati anche per il danno morale nei confronti del paziente, "alla luce dell'ansia provocata dalle potenziali conseguenze negative per l'intervento subito da parte di un soggetto non abilitato".
Soprattutto contro questa motivazione, ma anche contro alcuni aspetti procedurali tra cui la rivendicazione dei termini di prescrizione, l'odontotecnico ed il dentista ricorrono in Cassazione che conferma la sentenza di condanna sia per il reato di esercizio abusivo della professione che per il risarcimento del danno morale.
Proprio su questo tema i giudici della Cassazione sostengono che, "innegabilmente, il paziente che si rivolge a un medico abilitato per ottenere una prestazione fa affidamento sulla professionalità soggettiva e sui controlli che sia gli ordini professionali sia le autorità amministrative svolgono in merito alla competenza e adeguatezza dei sanitario. Ne deriva che la pratica medica da parte di un soggetto non abilitato lede direttamente tale affidamento, determinando, nel paziente, uno stato d'animo di ansia, per il timore di future evoluzioni negative per la propria salute, e quindi un danno morale".
Unico motivo di ricorso accolto dalla Cassazione è quello che riguarda la prescrizione del reato. Essendo stato compiuto il 2 dicembre 2005, rilevano i giudici, il reato è di fatto estinto per prescrizione.

Quindi abusivo e prestanome l'hanno fatta franca pur rimanendo attivi gli eventuali procedimenti in corso in sede civile.

Articoli correlati

Immagine di repertorio

Scoperto dalla Guardia di Finanza di Forlì, è stato denunciato e gli studi posti sotto sequestro. Attivati anche accertamenti fiscali


Nei guai anche il titolare dello studio. A scoprila il Nas che ha sottoposto a sequestro l’immobile e le attrezzature utilizzate


Originaria dell’Ecuador pubblicizzava lo studio allestito nell’appartamento dove viveva. Scoperta dalla Polizia


Lei era titolare della società intestataria dello studio e lui curava i pazienti ma non aveva la laurea, scoperti a Paestum


Immagine di repertorio

A scoprirlo e denunciarlo il NAS di Catania ed i carabinieri di Pietraperzia, sequestrato anche lo studio. Cassarà (CAO Enna), ci costituiremo parte civile.


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni