HOME - Normative
 
 
04 Novembre 2014

Paziente procura un danno fisico all'assistente durante un intervento. Per la Cassazione non ha nessuna responsabilità


Quante volte al giorno le ASO mettono a loro agio i pazienti, piccoli o grandi che siano, tenendogli la mano mentre il dentista cura una carie, esegue una estrazione, posiziona un impianto.
Un'attenzione sicuramente efficace per tranquillizzare il paziente ma che può rivelarsi pericolosa per l'assistente, almeno stando alla vicenda oggetto della sentenza della Cassazione numero 22523/2014.

Stando a quanto pubblicato l'assistente di uno studio odontoiatrico, durante un intervento di estrazione, aveva ricevuto dal paziente una stretta di mano molto energica che ha comportato, per l'ASO, problemi ortopedici con la riduzione della capacità lavorativa al punto da non poter continuare ad ottemperare alle sue mansioni, per questo dopo qualche tempo è stata licenziata da parte della dentista titolare dello studio.

L'assistente aveva intentato una causa nei confronti della paziente per lesioni chiedendo un risarcimento per i danni subiti.

La vicenda è finita nelle aule giudiziarie: nel primo grado di giudizio la paziente era stata giudicata non responsabile mentre nel successivo appello dell'ASO era stata condannata a risarcire l'assistente con 13mila euro.

Rivoltasi in Cassazione la paziente è stata ritenuta non colpevole in quanto, motiva la Suprema corte, nel processo d'appello, i giudici non avevano considerato che la paziente non era certamente calma e serena, stava subendo una estrazione ed era sotto anestesia. Per questo motivo i giudici avrebbero dovuto ritenere che la forte stretta di mano fosse stato un gesto imprevedibile in quanto la paziente non era nelle condizioni pisco fisiche per arrecare una danno volontario alla ASO.

Per i giudici della Cassazione "è il dentista che deve predisporre tutta quella serie di precauzioni che evitino incidenti del genere e più in generale possano prevenire gesti inconsulti dettati dall'estrema sofferenza".

Articoli correlati

L’On. Raffaele Nevi chiede al Governo di adoperarsi per posticipare la prima scadenza del DPCM dell’ASO per dare al Governo il tempo per approvare le modifiche


I lavoratori già in costanza di lavoro sono esonerati dal conseguire l’attestato di qualifica professionale per essere assunti come ASO. Andrea Tuzio ci spiega chi ne ha diritto e come...


I problemi potrebbero nascere per coloro che sono esentate in Italia dal conseguire l’attestato di qualifica. Il Ministero intanto ha definito le modalità di riconoscimento per i titoli conseguiti...


Giudicati inammissibili quelli sui pagamenti tracciabili e sul profilo ASO. Ora, per risolvere la problematica delle Assistenti non rimane che la modifica del Decreto


Odontoiatria33 ha avuto modo di leggere il documento che sarebbe stato presentato dal Ministero alle Regioni con l’ipotesi di modifica del DPCM


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni