HOME - Normative
 
 
12 Novembre 2014

Il Dossier Formativo, semplificazioni per i liberi professionisti. 15 crediti per chi lo attiva e rispetta. Ecco come fare


Il Dossier Formativo è quello strumento per pianificare il proprio percorso formativo e verificare che questo sia coerente con la propria attività professionale.
Di fatto è il Dossier Formativo è un strumento virtuale attraverso il quale il professionista, obbligato a seguire la formazione ECM, programma il proprio percorso formativo.

La Commissione Nazionale per la Formazione Continua (CNFC) aggiornato, sul sito della Agenas, le modalità per realizzare il proprio Dossier Formativo definendo alcune regole.
In realtà per i liberi professionisti, ed i dentisti in particolare, sono poche le indicazioni che possono interessare.
 
1) Confermato l'obbligo, anche se in via sperimentale, di costruire il proprio percorso di aggiornamento attraverso il Dossier Formativo per il prossimo triennio formativo 2014-2016

2) L'odontoiatra dovrà realizzare esclusivamente il Dossier Formativo individuale indicando i propri obiettivi formativi scegliendoli tra quelli Tecnico-Profesisonali, di Sistema e di Processo. Però, di fatto, l'unico obiettivo formativo d'interesse odontoiatrico è quello "Tecnico-Professionali".
Indicando che il proprio aggiornamento si svolgerà per il 100% con questo obiettivo formativo, il professionista dovrà indicare gli obiettivi formativi specifici tra quelli elencati dal sistema, anche se si fatica a trovarne uno di interesse odontoiatrico. Il consiglio che arriva da ambienti vicini alla CNFC è quello di indicare "Epidemiologia  prevenzione e programmazione della salute con acquisizione di nozioni tecniche professionali". Gli stessi obiettivi sono indicati per gli eventi formativi a cui gli odontoiatri parteciperanno o seguiranno se si tratta di modalità FAD.

3) Secondo quanto indicato dal CNFC il professionista può modificare gli obiettivi solo nel II e III anno del triennio formativo, ma potendo di fatto scegliere un solo obiettivo, questa regola poco interessa l'odontoiatra.

4) I professionisti che attivano il Dossier Formativo e lo rispettano, almeno per il 70%, otterranno al termine del triennio formativo un bonus di 15 crediti formativi

5) E' comunque possibile acquisire crediti validi ai fini ECM anche al di fuori del Dossier Formativo, questi saranno inseriti nella propria anagrafica al fine del raggiungimento dei 150 crediti ma non andranno a concorrere per completate il percorso indicato nel Dossier.

Per capire come realizzare il proprio Dossier Formativo può essere utile seguire la guida pratica realizzata da Odontoiatria33

Articoli correlati

Prima riunione già operativa, l’obiettivo è cercare di capire come riuscire a rimodulare il sistema: revisione o riforma? Il commendo del presidente Nisio


Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


Sul sito la delibera che “allunga” di un anno la possibilità di raccogliere i crediti formativi necessari per i trienni scorsi ed indica il numero di quelli previsti per il 2020-2022


Alcune riflessioni dell’odontoiatra nominato nella Commissione che dovrà occuparsi di riformare il sistema, che invita i colleghi a segnalare proposte e criticità 


La decisione della Commissione Nazionale ECM di prorogare di un anno, fino al 31 dicembre 2020 la possibilità di ottenere i crediti formativi necessari arrivata in extremis a...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni