HOME - Normative
 
 
16 Aprile 2015

I dispositivi medici realizzati dall'odontotecnico possono non essere pagati se sprovvisti della certificazione


Spesso si considera la documentazione legata alle normative solo una questione burocratica, un passaggio di carte. Non si pensa, invece, alle conseguenze di quanto si dichiara o non si dichiara, in caso di controversie legali.
Quanto imposto dalla direttiva 93/42CE in tema di dispositivi medici su misura dove prescrizione, dichiarazioni di conformità e le restanti formalità burocratiche previste vengono sottovalutate, può essere un esempio di questo sottovalutare gli obblighi burocratici imposti dalla norma.

La dimostrazione arriva dalla vicenda sulla quale si è espresso il tribunale di Ivrea (To) con  la sentenza 2437/14, pubblicata in questi giorni.

Un laboratorio rivendica il pagamento delle protesi (dispositivi medici su misura) commissionate da uno studio odontoiatrico: oltre 37 mila euro il corrispettivo vantato.
Laboratorio che per ottenere il pagamento si rivolge al giudice che, emanando un decreto ingiuntivo, impone allo studio di pagare.
Lo studio si oppone al decreto ingiuntivo sostenendo di non aver mai commissionato le protesi fatturate dal laboratorio.

Il tribunale di Ivrea accoglie il ricorso, revocando il decreto ingiuntivo, in quanto il laboratorio non ha prodotto la documentazione prevista per la fabbricazione dei dispositivi medici su misura: prescrizione, dichiarazione e gli altri documenti previsti per legge.

Nella sentenza il giudice ricorda che "il medico dentista-odontoiatra deve formalizzare, in una prescrizione scritta, le caratteristiche del dispositivo su misura richiesto per un determinato paziente, specificandone le caratteristiche di progettazione che consentiranno la costruzione del dispositivo stesso. L'odontotecnico, in qualità di fabbricante, deve dare garanzia che il dispositivo su misura sia fabbricato in modo da non compromettere la sicurezza del paziente, dell'utilizzatore finale ed eventualmente di terzi e, in maniera più specifica, deve dimostrare di attenersi a quanto previsto dall'Allegato I del D.Lgs. 24 febbraio 1997, n. 46, riguardante i requisiti essenziali dei dispositivi medici".

Il laboratorio, stando a quanto pubblicato nella sentenza, avrebbe prodotto qualche prescrizione non firmata, contestate dal legale dello studio, ed alcune prescrizioni correttamente compilate dall'odontoiatra ma prive di dichiarazioni di conformità e relativa documentazione.

Giudice che non ritiene neppure ammissibile la scusante avanzata dal laboratorio che motivava la mancanza di documentazione in quanto "una parte del lavoro eseguito a mezzo di fattura e una parte senza fattura".
"Invero -motiva il Giudice- un siffatto modus operandi, rimasto comunque processualmente sfornito di prova, comporterebbe, oltre evidenti profili di responsabilità di natura tributaria, la nullità del "patto" stipulato per palese violazione della normativa di carattere pubblicistico che assume come fine primario la tutela della salute del paziente, con conseguente esclusione di qualsivoglia obbligazione di pagamento".

Opponendosi al decreto ingiuntivo lo studio odontoiatrico aveva, anche, contestato al laboratorio due lavori in ceramica, non tra quelli per cui era richiesto il pagamento, in quanto scheggiati chiedendo oltre 9 mila euro di danni.

Il perito nominato dal tribunale ha certificato la non responsabilità del laboratorio in quanto le "crepe" erano state causate dalla negligenza del medico odontoiatria "che ha richiesto all'odontotecnico l'allestimento dei manufatti protesici e ha poi inserito tali manufatti, non riscontrando eventuali precontati in occlusione o in lateralità".

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Ufficializzata dalla UE la volontà di posticipare l’entrata in vigore del nuovo Regolamento (UE) 2017/745 sui dispositivi medici


Quaranta (ANCAD) ricorda che la stessa legge regolamenta anche la vendita di anestetici ad uso odontoiatrico e mette in guardia depositi e dentisti


L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta (ANCAD) che denuncia: il commercio elettronico nel settore odontoiatrico rischia di ignorare leggi e controlli e favorire abusi


Per gli odontotecnici l’unico che può fabbricare la protesi è il laboratorio, per i dentisti quanto realizzato in studio non è un dispositivo protesico


Altri Articoli

Rinnovati i componenti della Commissione Albo Odontoiatri della provincia di Trento, questi gli eletti. 


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Partecipa al webinar gratuito in programma sabato 5 dicembre alle ore 10.00. con il dott. Flavio Frisardi e la Dott.ssa Serena Pizzagalli


I dentisti di Italia, Spagna, Inghilterra lamentano cali di pazienti simili. Una ricerca ADA indica dentisti in affanno per riduzione del numero di pazienti assistiti


Si chiama Marketing Automation lo strumento che consente di capire l’efficacia della propria campagna di comunicazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali