HOME - Normative
 
 
17 Aprile 2015

Direttiva ferite da taglio, non serve la sorveglianza sanitaria se l'analisi del rischio non ha evidenziato pericoli. Ecco come prevenire


Entrata in vigore il 25 marzo 2014, il D. Lgs. 19/02/2014 n. 19 -Prevenzione delle ferite da taglio e punta- ha subito creato allarme negli studi odontoiatrici e medici in merito alla vigilanza sanitaria.

Ricordando che gli studi odontoiatrici, come le altre strutture sanitarie, devono evitare rischi dovuti all'utilizzo di strumenti taglienti e pungenti ed effettuare la valutazione dei rischi, se questa indica l'assenza di rischio, come si deve comportate il titolare dello studio? E' obbligatoria o non obbligatoria?

Sulla questione sia AIO che ANDI si erano espresse sulla non obbligatorietà di adozione della sorveglianza sanitaria e ANDI, la CAO Nazionale e la FNOMCeO avevano chiesto al Ministero della Salute chiarimenti in merito.

Il Ministero si era espresso precisando che, "nel caso in cui l'attività sanitaria venga prestata nel proprio studio medico o odontoiatrico dal singolo professionista abilitato, con prevalenza del suo apporto professionale ed intellettuale rispetto ad una disponibilità di beni strumentati, in assenza di complessità organizzative proprie di una struttura o di un servizio sanitario, tale luogo di lavoro, per definizione, risulta essere escluso dal campo di applicazione del titolo X-bis", quindi nessuna sorveglianza sanitaria, ma neppure analisi del rischio.

Nel caso, continua la nota ministeriale, "in cui negli studi medici ed odontoiatrici, con le caratteristiche sopra richiamate sia presente anche un collaboratore, la necessità o meno della effettuazione della sorveglianza sanitaria, quale misura di tutela della salute e della sicurezza del lavoratore non può che derivare dagli esiti delta valutazione dei rischi", già prevista dal D.lgs. 81/08.

Ma come si deve comportare lo studio odontoiatrico per ridurre ed eliminare i rischi?

Per garantire la salute dei propri collaboratori, indica la norma, il dentista titolare di studio ha l'obbligo di formare il personale sanitario e dotarlo di risorse idonee per operare in condizioni di sicurezza; riorganizzare le condizioni di lavoro ed adottare le tecnologie più adatte e meno rischiose; assicurare adeguate misure di sensibilizzazione attraverso un'azione comune di coinvolgimento dei lavoratori e attuare iniziative di prevenzione, sensibilizzazione, informazione  e  formazione  e monitoraggio per valutare il grado di incidenza delle ferite da taglio o da punta  nei luoghi di lavoro.

Sull'argomento leggi anche:

13 Marzo 2014: Direttiva ferite da taglio, cosa prevede e come devono comportarsi gli studi odontoiatrici

23 Gennaio 2015: Butta la spazzatura e si punge con un ago, si indaga sugli studi dentistici della zona. Ecco cosa prevede la normativa sullo smaltimento

Articoli correlati

Le infezioni post-operatorie implantari sono considerate una complicanza rara, con una prevalenza che varia dall'1,6% all'11,5% e di solito si verificano entro il primo mese dopo...

di Lara Figini


Da Diagram "due bravi fratelli" in aiuto al dentista ed ogni altro operatore del settore ospedaliero e sanitario, nella prevenzione di ferite da taglio o da punta. Direttiva 2010/32/UE recepita in...


E' capitato a un pensionato di Martellago, provincia di Venezia, che dopo l'incidente sta vivendo un dramma personale per via dei rischi di possibili contagi a malattie trasmissibili.Secondo quanto...


Con l'approvazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto legislativo 19 del 19 febbraio 2014 -"Attuazione della direttiva 2010/32/UE che attua l'accordo quadro in materia di prevenzione delle ferite da...


Entra in vigore oggi 25 marzo il D. Lgs. 19/02/2014 n. 19 -Prevenzione delle ferite da taglio e punta. Gli studi odontoiatrici, come le altre strutture sanitarie devono evitare rischi dovuti...


Altri Articoli

“I medici ignoranti danneggiano anche te.Pensate che il vostro dottore sia professionalmente valido? Chiedetegli se, ogni anno, partecipa alla formazione obbligatoria per la sua...

di Norberto Maccagno


Nella prima riunione raccolto il sostegno di PD, FI e Fratelli d’Italia. L’iter ora prevede audizioni di esperti e delle associazioni di pazienti


Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Il punto e le proposte del Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri ANPO per una nuova odontoiatria di comunità


Attivato dal dipartimento di Discipline chirurgiche, oncologiche e stomatologiche, iscrizioni entro il 7 gennaio


 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


11 Dicembre 2019
Cercasi odontoiatra con esperienza a Brandizzo (To)

Il Centro Chirurgico, con esperienza di oltre 30 anni nel settore (vedi sito www.centrochirurgicosrl.it), cerca odontoiatra per collaborazione in conservativa, endodonzia e chirurgia estrattiva. E' richiesta la disponibilita' di due giornate a settimana. Inviare C.V.

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi