HOME - Normative
 
 
08 Ottobre 2015

Il Fisco a caccia di evasori accellera i controlli attraverso il Redditometro. Ecco cosa cambia dopo il decreto attuativo che ne aggiorna le procedure operative


E' da sempre lo strumento più criticato ed odiato dai contribuenti mentre l'Erario lo considera indispensabile per la lotta all'evasione fiscale soprattutto in questi ultimi mesi dell'anno che vedono impegnato il Fisco a scovare il numero massimo possibile di imposte non versate.

Il Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 16 settembre 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 settembre, aggiorna l'accertamento sintetico da redditometro a partire dal periodo d'imposta 2011.

"Con il decreto vengono aggiornate le regole da seguire negli accertamenti per le annualità successive (dal 2011 in poi), in sede di determinazione sintetica del reddito o del maggior reddito complessivo delle persone fisiche", spiega ad Odontoiatria33 Franco Merli (nella foto) Commercialista libero professionista e consulente fiscale ANDI Genova.

Con i nuovi aggiornamenti diventa sempre più importante il contradditorio tra Erario e contribuente e vengono accantonate le stime su base Istat che avevano creato molte polemiche.

Il contribuente selezionato sulla base delle discrepanze tra spese sostenute e reddito dichiarato, spiega Merli, "potrà dimostrare che le spese sono state finanziate con redditi diversi da quelli posseduti nel periodo d'imposta, con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione dell'imponibile, oppure che le risorse sono arrivate da soggetti diversi dal contribuente".

In sintesi, le novità non intaccano il meccanismo su cui si basa il redditometro: le Entrate confrontano i redditi dichiarati e le spese sostenute nello stesso anno considerando le spese certe (quelle risultanti dai dati in possesso dall'Agenzia delle Entrate), spese per elementi certi, incremento partimoniale e risparmio.
Se la differenza tra quanto il contribuente ha speso e quanto ha dichiarato supera il 20% è molto probabile ricevere una richiesta di chiarimento.

Le due novità sostanziali introdotte con il Decreto -continua Merli- riguardano le spese certe considerate nel calcolo e queste sono, ad esempio, quelle inerenti beni di cui l'Agenzia delle Entrate conosce il possesso come immobili, veicoli, natanti, cavalli. Difficile invece che vengano considerate altre tipologie di spese come quelle per cene,viaggi, divertimenti.
Per quanto riguarda, invece, il risparmio accumulato nel corso dell'anno, questo influirà nella determinazione del reddito presunto solo per la parte non utilizzata per consumi o investimenti".

"Il consiglio -conclude Merli- è comunque quello di tenere traccia di tutti gli incassi e le spese sostenute, soprattutto per quanto riguarda i movimenti sui conti correnti aziendali e personali".

Articoli correlati

Photocredit: Ministero del Lavoro

Congelato il redditometro ma rimane l’accertamento sintetico


Per la pubblicità stop solo per quella sul gioco di azzardo, modifiche su redditometro e spesometro


Entro fine anno devono essere effettuati dal Fisco i controlli sul periodo d'imposta 2009 ai fini del nuovo redditometro, in quanto dal prossimo anno tale periodo d'imposta non sarà più...


L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato martedì 11 marzo la Circolare n. 6/E/2014, con cui ha fornito indicazioni operative sull'utilizzo del nuovo redditometro, tenendo conto del parere del...


Scade domani 31 gennaio, per banche ed intermediatori finanziari, il termine per inviare al database dell'Agenzia delle Entrate il saldo a inizio e fine anno oltre il totla e complessivo dei...


Altri Articoli

Nella prima riunione raccolto il sostegno di PD, FI e Fratelli d’Italia. L’iter ora prevede audizioni di esperti e delle associazioni di pazienti


Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Il punto e le proposte del Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri ANPO per una nuova odontoiatria di comunità


Attivato dal dipartimento di Discipline chirurgiche, oncologiche e stomatologiche, iscrizioni entro il 7 gennaio


Se confermate rischiano di essere meno convenienti rispetto all’attuale sistema di agevolazioni fiscali. Ecco come potrebbe cambiare nel 2020 


 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


11 Dicembre 2019
Cercasi odontoiatra con esperienza a Brandizzo (To)

Il Centro Chirurgico, con esperienza di oltre 30 anni nel settore (vedi sito www.centrochirurgicosrl.it), cerca odontoiatra per collaborazione in conservativa, endodonzia e chirurgia estrattiva. E' richiesta la disponibilita' di due giornate a settimana. Inviare C.V.

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi