HOME - Normative
 
 
15 Ottobre 2015

Gli odontoiatri laureati in Albania non devono chiedere il riconoscimento del titolo al Ministero della Salute. Possibile iscrizione all'Albo dopo esame di abilitazione sostenuto in Italia


Mentre a Enna, sfidando il parere del Ministero dell'Istruzione, partono i corsi al corso di laurea in medicina presso il distaccamento italiano dell'Università romena, il Ministero della Salute precisa che il diploma universitario conseguito in Albania presso il l'Università privata Nostra Signora del Buon Consiglio non necessita di essere riconosciuto in Italia in quanto l'ateneo è una sede distaccata dall'Università Tor Vergata di Roma. Basta quindi che il neo laureato superi l'esame di abilitazione presso l'ateneo romano.

Il parere, datato 28 settembre 2015, arriva dopo un quesito posto dall'Ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri di Bari che si era visto sottoporre la domanda d'iscrizione di una neo dottoressa che si era laureata a Tirana nel 2014 ed aveva superato l'esame di abilitazione presso Università degli studi Tor Vergata di Roma.

Secondo il parere del Ministero della Salute chi abbia "superato l'esame di abilitazione in
Italia, non deve rivolgersi a questo Ministero ai fini del riconoscimento ai sensi del D.P.R. 394/99, ferma restando, per l'iscrizione all'Albo degli Odontoiatri di cittadini non comunitari, l'applicazione di quanto previsto dalle nonne sull'immigrazione".

Divulgando il parere ai presidenti OMCeO e CAO provinciali, la presidente FNOMCeO Roberta Chersevani ed il presidente CAO Giuseppe Renzo ricordano che "questa Federazione pur nel doveroso rispetto di quanto evidenziato dal Ministero della Salute, deve rilevare che, al di là degli aspetti giuridici della questione, l'automatico riconoscimento del diploma di laurea di cui trattasi, costituisce comunque un "vulnus" al principio della programmazione degli accessi al corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria".

Gli italiani che stanno studiando presso l'Università albanese Nostra Signora del Buon Consiglio sono crica 150.

Articoli correlati

La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


La CAO di Roma ogni anno premia gli iscritti che raggiungono questo traguardo


Un viaggio all'interno di un corso di studi ancora troppo spesso sottovalutato, ma con grandi prospettive


L'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Avellino ha istituito un bando per una borsa di studio da assegnare al neo laureato iscritto all'Albo dei medici ed a quello...


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


Intanto il ritardo delle consegne delle nuove dosi sta rallentando la somministrazione anche nelle Regioni che avevano inserito gli odontoiatri tra i prioritari


Dalle anticipazioni del Ministro Gualtieri, i possibili aiuti anche per i professionisti iscritti all’Ordine contenuti nel prossimo Decreto 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta