HOME - Normative
 
 
23 Ottobre 2015

Gli studi odontoiatrici possono sponsorizzare attività sportive. La CCEPS conferma che non è sanzionabile lo studio che sostiene squadre agonistiche


Sempre più spesso studi odontoiatrici abbinano il loro nome o marchio per sostenere iniziative sportive: squadre di calcio, basket, pallavolo, nuoto etc.
Una sponsorizzazione che punta più che a promuovere lo studio durante l'evento agonistico a legare il proprio marchio ad un obiettivo sociale: promuovere e finanziare lo sport soprattutto giovanile, sempre in cerca di sostegno economico per riuscire a fare svolgere l'attività agonistica ai giovani.

Nonostante le liberazioni in ambito pubblicitario derivati dalla legge Bersani permettano agli iscritti all'Albo di promuovere la propria attività, a patto che la comunicazione sia informativa e rispetti il decoro professionale, non mancano gli Ordini provinciali che, comunque, sanzionano l'iscritto che poi è costretto a ricorrere in appello per vedere riconosciute le proprie ragioni.

A percorrere questa strada è stato un iscritto ad un Ordine del Nord Italia (il contenzioso con è ancora in corso e quindi preferiamo garantire l'anonimato NdR) che si era visto contestato una serie di inadempienze in merito ad alcune iniziative pubblicitarie attivate dallo studio tra qui quella di aver abbinato la dicitura, "Sponsor della XY Calcio", ad una comunicazione promozionale.

Nello specifico la Commissione irrogava all'iscritto, per la violazione all'art 56 del Codice deontologico, 25 giorni di sospensione in quanto in una parte del messaggio pubblicitario contestato veniva citato che lo studio era sponsor del XY Calcio e questo non veniva ritenuto una comunicazione informativa dell'attività svolta, ritenendo "il messaggio non funzionale all'oggetto e lesivo del decoro professionale".

"La presunta violazione del'art. 56 del Codice deontologico in relazione alla pubblicità della sponsorizzazione del XY Calcio -dice ad Odontoaitria33 l'avv. Silvia Stefanelli (nella foto), esperto di diritto sanitario in Bologna, che con altri legali hanno difeso il professionista- non è applicabile nel caso in questione in quanto il decreto Bersani consente alle strutture sanitarie di scegliere il mezzo che reputano più opportuno per effettuare pubblicità".

Dello stesso parere è la CCEPS che accoglie il ricorso su questo punto, riducendo la sanzione inflitta all'iscritto.

"Possono, invece, trovare accoglimento le doglianze mosse dal ricorrente -si legge sul parere della CCEPS- sulla violazione degli art.1 e 2 C.d., atteso che esse non hanno carattere immediatamente percettivo, bensì si configurano quali presupposti indispensabili e indicatori generali per l'applicazione delle disposizioni successive, nonché relative alla pubblicazione dello sponsor XY Calcio, atteso che il professionista risulta aver legittimamente utilizzato una tecnica pubblicitaria nel rispetto dei principi di veridicità e decoro".
Per questi motivi la CCEPS "ritiene di poter accedere alla richiesta subordinata di parte ricorrente relativa all'attenuazione della misura afflittiva".

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Nonostante la sconfitta patita ieri con il Montenegro, le Azzurre della Nazionale Femminile di Basket chiudono ugualmente al primo posto del Gruppo C del campionato di qualificazione a Euro Basket...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Probabilmente il corpo umano, macchina perfetta, non è proprio studiata al meglio per sopportare il carico di movimenti ripetitivi, che in un odontoiatra professionista si protraggono per...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Per l’Agenzia delle Entrate la causa ostativa non potrà trovare applicazione se i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza


Il problema è per gli studi al piano strada. La provocazione di Migliano: “se non venite voi a prenderli, ve li portiamo noi”


I centri dentistici DentalPro collaboreranno con la rete degli Empori Solidali delle Caritas diocesane per offrire cure gratis a determinati pazienti


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi