HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
13 Febbraio 2017

L'impiego delle molle Kilroy per la disinclusione dei canini superiori

di Maurizio Cannata


L'esposizione di un canino superiore in inclusione ossea rappresenta sempre un momento di grande impegno, sia dal punto di vista diagnostico che terapeutico. Oggi, grazie alla Tomografia a fascio conico (CBCT), localizzare tridimensionalmente un elemento dentale incluso è relativamente semplice. Ciò facilita di molto l'allestimento di un adeguato piano di trattamento. Completata la fase diagnostica, le successive fasi operative vanno incontro a vari ostacoli, primo tra tutti la potenziale perdita di ancoraggio durante la trazione del canino.

In questo articolo, attraverso la discussione di un caso clinico, analizziamo le varie fasi dell'iter terapeutico che parte dall'esposizione del dente incluso fino ad arrivare al suo corretto posizionamento in arcata. Il lembo chirurgico deve avere un'estensione adeguata, tale da agevolare le fasi di asportazione della teca ossea, emostasi e incollaggio dell'attacco o del bottone sulla superficie dentale esposta, evitando danni alle strutture anatomiche vicine. Il dispositivo ideale di trazione dovrebbe avere una forza il più possibile costante ed adeguatamente direzionata, così da consentire la fuoriuscita del dente in breve tempo. L'ancoraggio opportuno sugli altri elementi dentali è in queste fasi un aspetto critico, per evitare il collasso degli elementi dentali prossimali verso il dente da esporre.

Il caso clinico in questione è stato trattato mediante tecnica MBT e molla Kilroy. La tecnica MBT ci ha consentito di svolgere preliminarmente le fasi di allineamento e livellamento degli elementi dentali e l'ottenimento di un adeguato spazio per l'elemento da esporre. L'arco terminale rettangolare impiegato in questa tecnica ha uno spessore e una rigidità adeguata ad evitare indesiderate perdite di ancoraggio. La molla Kilroy è un dispositivo ausiliario in acciaio da montare sull'arco ortodontico. Ha caratteristiche di grande elasticità ed è in grado di esercitare una forza costante, che permette di spostare il canino incluso verso il basso e verso l'esterno, consentendo l'esposizione del dente e al tempo stesso il suo spostamento verso la sua sede naturale. La combinazione della tecnica MBT con questo ausiliario consente di completare gran parte della terapia ortodontica prima dell'esposizione dei canini inclusi e rende inoltre superfluo l'uso di altri dispositivi di ancoraggio. La molla Kilroy, inventata da S. Jay Bowman e Aldo Carano, è prodotta dall'American Orthodontics e distribuita in Italia dalla Micerium.

Per approfondire:

The use of Kilroy Springs in the disimpaction of upper canines

  • Fig. 1: la molla Kilroy inserita sull'arco d'acciaio pronta per l'attivazione

  • Fig. 2: due molle Kilroy attivate mediante rotazione sull'elemento dentale da esporre e fissaggio con filo da legatura. Il vettore risultante sarà direzionato verso il basso e l'esterno

  • Fig. 3: evidente la notevole contrazione trasversale palatina, bisognosa di correzione

  • Fig. 4: il palato al termine dell'espansione trasversale

  • Fig. 5: l’esposizione del canino. Da notare la festonatura del lembo, nel rispetto delle strutture parodontali dei denti prossimali e l’emostasi. Il tunnel ricavato dall’estrazione dell’elemento deciduo verrà sfruttato per trazionare l’elemento incluso nella sua sede naturale

  • Fig. 6: le molle Kilroy inserite ed attivate sui due canini inclusi. Da notare sul 13 la presenza di una doppia trazione, data la posizione iniziale molto centrale

  • Fig. 7: appena la porzione di dente esposta lo consente, i bottoni vengono sostituiti da attacchi e la trazione continua mediante catenelle elastiche

  • Fig. 8: la derotazione dei canini viene completata con l’uso di arco tondo superelastico .014

  • Fig. 9: il caso al termine del trattamento

  • RX Preparatoria

  • RX Finale

Articoli correlati

Ne hanno parlato i professori Siciliani e Lombardo analizzando vantaggi e limiti degli allineatori ortodontici, sempre più diffusi sul mercato

di Arianna Bianchi


Eseguire trattamenti ortodontici a distanza o rilevare impronte a pazienti inviati da terzi senza poi continuare e seguire la terapia. Abbiamo chiesto agli esperti SIOF i rischi legali e deontologici


Chiesta attenzione verso le politiche di aziende sugli allineatori trasparenti e sulla possibilità di inviare i dispositivi direttamente a casa del paziente. Avviata interlocuzione con il...


In qualsiasi modo decida di parlare delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie in tema di ortodonzia (ovviamente non cliniche) ed in particolare per gli allineatori trasparenti diciamo più o...

di Norberto Maccagno


agora-del-lunedi     22 Novembre 2021

La nuova ortognatodonzia

Per il prof. Gagliani, potrebbe diventare una faccenda mediata da una diagnosi medica e da un servizio commerciale dell’azienda fabbricatrice dei dispositivi, relegando il professionista al mero...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Immagine d'archivio

Operava direttamente sui pazienti, denunciato e sequestrato il laboratorio. Utilizzava anche personale in nero. Garda il video della perquisizione


Pur legittimando l’obbligo vaccinale, i Giudici rilevano differenti trattamenti tra chi svolge l’attività come autonomo e chi come dipendente. Dubbi anche sulla sospensione dall’Albo


La pandemia ha ampliato gli adempimenti burocratici per lo studio odontoaitrico, per il dott. Cirulli la morte da burocrazia si evita con strategia mirate ed efficaci


L’odontoiatria digitale vista dal prof. Stefano Patroni, uno dei protagonisti del prossimo Congresso della Digital Dental Academy


Il 22 febbraio è possibile aggiudicarsi i 115 beni delle cliniche di Perugia e Foligno. Possibile partecipare a distanza così come visionare i beni online


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi