HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
26 Luglio 2021

Come ridare un sorriso in maniera minimamente invasiva


di Giuseppe Marano

La paziente si è rivolta alla mia attenzione in quanto da lì a poco si sarebbe dovuta sposare e non le piaceva il suo sorriso, a causa del morso crociato di 4.3.

All’esame obiettivo veniva riscontrata anche la presenza di un 1.2 microdontico rispetto al controlaterale.

Veniva quindi formulato, come piano di trattamento, un allineamento di tutto il settore frontale superiore e inferiore, nonché la ricostruzione additiva di 1.2 per mezzo di resine composite.

A seguito di una scansione per mezzo di uno scanner iTero Element 5D veniva valutata immediatamente in poltrona la fattibilità del trattamento, grazie all’Assesment Tool, che ha inquadrato il caso come possibile, sebbene di difficoltà avanzata, proprio per la prominenza del 4.3.

Grazie al Clin Check, ho progettato la risoluzione del morso crociato nonché la distribuzione degli spazi mesiali e distali all’incisivo laterale superiore di destra, al fine di programmare una corretta riabilitazione conservativa, speculare al controlaterale.

Una volta terminata la fase attiva del trattamento ortodontico, ho eseguito sbiancamento domiciliare utilizzando gli stessi aligner come carrier per l’agente sbiancante e quindi, a distanza di due settimane, ricostruzione in composito di 1.2.

L’intero trattamento è durato complessivamente 8 mesi, con cambio settimanale degli aligner.


Fig. 1 foto intraorale ad inizio trattamento; si può osservare il morso crociato di 4.3 e la differenza di dimensione tra gli incisivi laterali superiori; la linea mediana interinicisiva non è centrata.


Fig. 2 Con il trattamento è stata creata la giusta distanza mesiodistale tra 11 e 13 per permettere la ricostruzione dell'incisivo laterale.



Fig. 3 Con il trattamento Invisalign Go sono stati raggiunti tutti gli obiettivi: il morso crociato è stato risolto, la linea mediana interincisiva centrata ed è stato possibile ridare una forma corretta all'incisivo laterale superiore di destra.



Fig. 4 Già dal piano di trattamento Clin Check è possibile programmare correttamente gli spazi e le distanze tra gli elementi dentari per poter eseguire i restauri post-ortodontici in maniera ottimale.



Con il contributo non condizionate di Invisalign

Articoli correlati

La multinazionale festeggia 10 milioni di sorrisi Invisalign con 10 milioni di grazie e dona 10 milioni di dollari ad Align Foundation per finanziare organizzazioni che...


Una serie di nuovi soluzioni con tecnologia e capacità avanzate progettata per migliorare l’esperienza di scansione, aumentare la produttività del trattamento e stimolare una...


La tecnologia dentale digitale ha recentemente acquisito una notevole popolarità ed è stata ormai ampiamente incorporata nel flusso di lavoro protesico e implantare.Per i...

di Lara Figini


Foto di archivio pre emergenza Covid-91

Una ricerca italiana pubblicata su Oral Disease di maggio, dimostra come con un approccio protesico completamente digitale si riesca a limitare il rischio di infezione da Covid-19 nello studio...

di Lara Figini


Altri Articoli

Tra i temi in discussione la valutazione su una possibile revisione delle procedure anti Covid indicate per gli studi odontoiatrici


Anelli: i sanitari a rischio sono tutti, non si faccia il 'tu sì tu no. La terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuta la categoria a continuare a lavorare in...


Giovedì 30 il termine ultimo per l’invio da parte di odontoiatri, igienisti dentali e strutture sanitarie dei dati delle fatture messe direttamente ai pazienti al Sistema Tessera Sanitaria


In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio