HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
15 Giugno 2006

Eziopatogenesi multifattoriale dei disordini temporo-mandibolari

di G. Salvetti, D. Manfredini, M. Bosco


Nell’ambito della complessa eziopatogenesi dei disordini temporomandibolari (DTM), numerose indagini sono state condotte allo scopo di quantificare l’importanza dei diversi fattori implicati nel determinismo di tali disordini. Il difficile approccio al sistema masticatorio, soggetto a numerose interferenze strutturali e funzionali, rende tuttavia ardue tali indagini e conduce a risultati non sempre soddisfacenti e conclusivi. Alla luce di tali premesse, lo scopo del presente studio è stato quello di analizzare il ruolo dei principali fattori clinici più frequentemente chiamati in causa nel determinismo dei DTM, attraverso un’accurata revisione della letteratura. Allo stato attuale delle conoscenze, la maggior parte degli autori concorda nel ricondurre l’insorgenza dei DTM a una eziopatogenesi di tipo multifattoriale alla quale concorrono fattori quali quello occlusale e scheletrico, parafunzionale, traumatico, psichico, sistemico-ormonale e posturale. Un’attenta analisi della letteratura dimostra che attualmente esistono pareri discordanti riguardo l’effettivo ruolo causale di alcuni fattori, suggerendo infine la necessità di un approccio multidisciplinare ai soggetti con DTM.

Etiopathogenesis of temporomandibular disorders
In the difficult field of TMJ disorders (TMD), several researches have been conducted to assess the relative importance of different risk factors. Nevertheless, studying masticatory system is not an easy task and it is also subjected to several structural and functional interferences. That makes these researches complicate and results of some investigations not conclusive. That being said, the aim of this study is to analyze the role of clinical factors more frequently associated to TMD onset by means of an accurate literature review. According to actual knowledge, most authors agree on the hypothesis of a multifactorial etiopathogenesis, with many contributing factors such as occlusal and skeletal abnormalities, parafunctions, trauma, psychic disorders, systemic-hormonal impairment and postural disturbances.
An accurate review of the literature shows that contrasting opinions exist about the true role of some factors and suggests the need of a careful multidisciplinary approach to TMD patients.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Pisa - CLSOPD
Cattedra di Protesi Dentaria
Titolare: prof. M. Bosco



Articoli correlati

Allo stato attuale i disordini temporomandibolari (TMDs) risultano avere una prevalenza che varia dal 5% al 12%. Il 65% dei pazienti affetti da tali disturbi riportano dolore associato, spesso anche...


Secondo l'American Association for Dental Research (AADR), la diagnosi differenziale dei disordini temporomandibolari e del dolore orofacciale è primariamente clinica, basata sulle...


ObiettiviL’obiettivo dello studio è approfondire le conoscenze sulla possibilità di definire il protocollo di riferimento nell’artrocentesi dell’articolazione temporomandibolare (ATM)...


ObiettiviValutare l’effetto della terapia conservativa per il trattamento di pazienti con disordini temporomandibolari (DTM).Materiali e metodiIn questi studio clinico retrospettivo, a un campione...


Obiettivi. Valutare l’esistenza di una correlazione tra alcune parafunzioni orali (deglutizione atipica e bruxismo) e alcuni tipi di malocclusioni (morso crociato posteriore monolaterale,morso...


Altri Articoli

Pubblicato in GU il Decreto con la norma che obbliga anche gli igienisti dentali all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture emesse nei confronti dei pazienti. Ecco le modalità


L’invito ai soci è quello di prescriverli sono se necessari ed informare i pazienti sull’utilizzo consapevole. Il presidente Fiorile invita ad aderire al Manifesto di Choosing Wisely Italy.


Il presidente Iandolo ribadisce la necessità di un intervento normativo. Intanto il Ministro Speranza si dice disponibile a ragionare su proposte SUMAI


In continuità con l’offerta formativa anche alla luce del nuovo Ordine Professionale, il bilancio durante la discussione delle tesi all’Università di Brescia


L’esperienza del dott. La Scala in un video in cui affronta i vantaggi clinici e di comunicazione con il paziente grazie al “communication packaging” e a BLACKBOX di IDI EVOLUTION


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi