HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
15 Aprile 2006

Dossier. Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno. Approccio ortodontico

di P. Cozza, F. Ballanti, M. Di Girolamo


La sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSAS) è caratterizzata dall’associazione dell’ostruzione parziale delle alte vie aeree e dall’apnea ostruttiva che disturba la normale ventilazione e il sonno. In questo lavoro gli Autori hanno effettuato una revisione della letteratura esistente riguardo tale sindrome. Sono state analizzate: la diagnosi, la gravità, le conseguenze, le complicanze e la terapia con particolare riferimento al paziente adulto affetto da OSAS. La diagnosi è clinica-strumentale secondo precise linee guida diagnostiche.Le possibili conseguenze (ipertensione, ischemie cardiache, cerebrali ecc.) ne fanno un fattore di rischio vascolare significativo. Per la terapia dell’apnea ostruttiva, sono stati studiati e proposti, negli ultimi anni, dispositivi ortodontici che possono essere divisi in due tipi: quelli che posizionano la lingua in avanti e quelli che sfruttano l’avanzamento mandibolare. L’applicazione di questi dispositivi interrompe o reduce in modo significativo l’OSAS di tipo medio e offrono al clinico modalità terapeutiche non invasive, confortevoli e reversibili.

Obstructive sleep apnea syndrome
An orthodontic approachObstructive sleep apnea syndrome (OSAS) is characterised by the association of partial upper airway obstruction and intermittent obstructive apnea that disrupt normal ventilation and sleep. After reviewing the literature, the Authors analyse diagnosis, severity, consequences, complications and therapy of this syndrome, with particular attention to adult patients. The diagnosis is clinical and instrumental according to detailed diagnostic guidelines. OSAS is considered a risk factor for hypertension, ischemic heart disease, stroke and pulmonary hypertension. As a result of growing interest in sleep apnea, a number of different orthodontic appliances have been proposed to treat this syndrome. These appliances may be divided into two types: those keeping the tongue in a forward position and those advancing the mandible. These appliances can cure or significantly reduce moderate OSAS by a non-invasive, comfortable and reversible treatment.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" - CLSOPD
Corso Integrato di Ortognatodonzia - Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia - prof.ssa P. Cozza
Corso ore: prof. C. Arcuri



Articoli correlati

Diversi studi di letteratura riportano che anche nei bambini il russare e l’apnea ostruttiva notturna (OSA) sono relativamente frequenti, con una prevalenza del 27% e del 5,7%...

di Lara Figini


La patologia interessa la stessa percentuale dei soggetti a rischio ipertensione (circa il 50% di maschi e 23% di donne i potenziali “a rischio” OSAS), quasi il doppio di quelli a rischio diabete...


7 italiani su 10 sarebbero a rischio OSAS, dai dati raccolti da Philips su un campione di quasi 70.000 persone attraverso il test effettuato su una loro piattaforma web, nell’ambito della campagna...


Sarà la migliorata capacità di fare diagnosi o una maggiore diffusione dell’obesità, fatto sta che i casi di Sindrome dell’Apnea Ostruttiva nel Sonno (OSAS), nell’ultimo decennio, sono...


Il recente convegno “Patologie sonno correlate: il ruolo dell'odontoiatra in un approccio multidisciplinare alle OSAS” - organizzato da Odontostomatologia e Pneumologia...

di Lea Fanti


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi