HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
15 Aprile 2007

Il cambiamento della forma d’arcata e la posizione degli incisivi

di L. Paini, D. Farronato, C. Maspero


Scopo del lavoro è valutare la possibilità di modificare la posizione degli incisivi attraverso il cambiamento della forma d’arcata, prima che il torque incisale possa essere espresso dall’informazione del bracket, quindi su archi di sezione rotonda.
Sono stati studiati 30 casi di malocclusioni in cui si rendeva necessario un cambiamento di forma d’arcata. I pazienti sono stati bandati con prescrizione straight-wire e gli archi sono stati scelti come forma d’arcata sui modelli attraverso l’uso di un template all’inizio del trattamento, in modo da non subire modificazioni. Le sequenze di archi sono: intrecciato 0175, 016 NT, 018 SS, 18x25 SS. Sono state effettuate fotografie intraorali nelle seguenti proiezioni: frontale, lateralità destra e sinistra, overjet, occlusale inferiore e superiore. Le fotografie sono state ripetute a ogni cambio di arco. Dai risultati emerge che gli archi possono essere usati per controllare la posizione anteriore-posteriore degli incisivi. Infatti la forma d’arcata può “aggiungere” o “sottrarre” torque alla prescrizione esistente del bracket.

The change of arch form
The purpose of this study was to investigate the possibility of modifying incisor position by changing the arch form, before that incisor torque is expressed through the information inside brackets.
Thirty patients needing an arch form variation were treated. Patients were bonded with straight-wire prescription and the arch form was chosen on the models with the help of a template. The arch sequence was: twist 0175, 016 NT, 018 SS, 18x25 SS. Records were taken with intraoral photographs (front and lateral projections, overjet, lower and upper occlusal) repeated for every arch. Results show that archwires can be used to control antero-posterior position of incisor teeth: in fact archwires can “add” or “subtract” torque to an existing bracket prescription.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Milano
Insegnamento di Ortognatodonzia
Titolare: prof. G. Farronato



Articoli correlati

In ambito ortodontico sono stati proposti negli ultimi anni vari sistemi di ancoraggio scheletrico al fine di assistere e ridurre i tempi di trattamento ortodontico. I Mini-impianti hanno prodotto...


ObiettiviLo scopo del nostro lavoro è valutare i cambiamenti negli anni del concetto di spazio e come si siano evolute le tecniche per la risoluzione delle discrepanze dento-basali. In base ai...


Le inclusioni dentarie rappresentano un capitolo di largo interesse sia per l'odontoiatra di base sia per l'ortodontista. Compito dell'odontoiatra è infatti quello di decidere cosa fare in...


Obiettivi. Lo scopo di questo lavoro consiste nel valutare l’associazione di un dispositivo ortodontico preformato alla terapia ortodontica fissa.Materiali e metodi. Vengono presentati il...


Scopo del presente lavoro è esaminare l’associazione esistente tra forma di arcata e morfologia cranio-facciale (sagittalità e verticalità) in un campione di 715 soggetti in dentizione mista di...


Altri Articoli

Rinnovati i componenti della Commissione Albo Odontoiatri della provincia di Trento, questi gli eletti. 


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Partecipa al webinar gratuito in programma sabato 5 dicembre alle ore 10.00. con il dott. Flavio Frisardi e la Dott.ssa Serena Pizzagalli


I dentisti di Italia, Spagna, Inghilterra lamentano cali di pazienti simili. Una ricerca ADA indica dentisti in affanno per riduzione del numero di pazienti assistiti


Si chiama Marketing Automation lo strumento che consente di capire l’efficacia della propria campagna di comunicazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali