HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
25 Febbraio 2008

Aspetti clinici del secondo molare inferiore incluso

di S. Calasso, M. Cassetta, G. Galluccio, E. Barbato


L’incidenza dei secondi molari mandibolari inclusi è compresa tra lo 0,03% e il 4,25%, con una maggiore prevalenza di inclusioni monolaterali destre con inclinazione mesiale dell’elemento interessato. La fase di dentizione mista tardiva e l’inizio di quella permanente è indicata per il trattamento di tali quadri clinici,in genere tra gli 11 e i 14 anni. Qualora il secondo molare fosse lievemente mesio-inclinato l’approccio sarà unicamente ortodontico mediante il posizionamento di un separatore elastico o metallico; qualora il settimo molare mandibolare fosse inclinato severamente, sarà necessario o un riposizionamento chirurgico, o un approccio chirurgico-ortodontico o chirurgico radicale. Gli Autori mostrano un approccio chirurgico-ortodontico finalizzato alla correzione di un’inclusione bilaterale di secondi molari mandibolari. 

Impacted lower second molars

Introduction. The incidence of impacted lower second molar lies between 0.03% and 4.25%. Impacted teeth are most often on the right side and mesially inclined. The unilateral impaction is more frequent than the bilateral one. Aim of work. The Authors report a case where a combined surgical and orthodontical treatment allowed to correct a bilateral lower second molar impaction.
Therapeutic aspects. Late mixed dentition and early permanent dentition (11-14 years) are indicated for the treatment of this disturb. If the second molar is slightly tipped on its mesial side, orthodontics is the only treatment and an elastic or a metal separating should be placed. If the tooth is severely tipped, surgical repositioning or a combined surgical and orthodontical treatment or teeth extraction are necessary before uprighting.

Qualifiche Autori:
“Sapienza” Università di Roma
I Facoltà di Medicina e Chirurgia
Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia
Direttore: prof. E. Barbato



Articoli correlati

Le lesioni della carie iniziali (IL) attorno alle superfici dei denti che vanno incontro a terapia ortodontica sono una problematica molto frequente. La letteratura attuale...

di Giulia Palandrani


Lo sviluppo delle recessioni gengivali è stato associato al trattamento ortodontico; tuttavia, un’eziologia chiara è ancora sconosciuta.La recessione gengivale è definita...

di Davide Elsido


In ortodonzia, la forma dell’arco è considerata importante soprattutto per stabilità, occlusione ed estetica. L’arcata tende a ritornare verso la forma di pretrattamento...

di Davide Elsido


Studi di letteratura riportano che le malocclusioni, scheletriche e dentali, sono strettamente associate oltre a difficoltà di masticazione, a difficoltà di pronuncia e fonazione...


ObiettiviIl trattamento combinato chirurgico-ortodontico per il recupero dei canini mascellari inclusi si è sviluppato notevolmente negli ultimi anni, considerando non solo il management dei...


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


Il dott. Rubino ripercorre e commenta il periodo dell'emergenza sanitaria e rivolgendosi ai cittadini dice: è fisiologico voler voltare pagina per poter ricominciare, ma è disumano dimenticare o...


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni