HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
30 Aprile 2009

Dalla terapia ortodontica intercettiva alla chirurgia ortognatica delle III Classi

di G. Perrotti, L. De Vecchi, L.A. Francetti


Le terze classi comprendono un vario gruppo di forme cliniche caratterizzate prevalentemente da una riduzione della crescita sagittale e trasversale del mascellare superiore rispetto alla crescita della mandibola che può essere normoconformata o tendente ad un ipersviluppo in senso verticale. Una corretta diagnosi di terza classe scheletrica rappresenta il mezzo più valido di prevenzione e trattamento precoce della malocclusione.
Sul piano sagittale vi sono forme di: - III Classi ipomaxillari normomandibolari (fig. 1); - III Classi ipomaxillari ipermandibolari (fig. 2); - III Classi con open-bite dento scheletrico (fig. 3).
In funzione della dimensione verticale scheletrica, si possono distinguere: - III Classi scheletriche normo-vertibite (fig. 4); - III Classi scheletriche deep-bite (fig. 5); - III Classi scheletriche open-bite (fig. 6).
I Rapporti scheletrici tra Mascellare e Mandibola (fig. 7) sono: - I Classe scheletrica: valori medi di A-N-B di 2° ± 2°; - II Classe scheletrica: valori di A-N-B maggiori di 4°; - III Classe scheletrica: valori di A-N-B inferiori a 0°.
La classe scheletrica è distinta dalla classe dentale (fig. 8): - I Classe dentaria evidenzia rapporti di normo-occlusione. La cuspide mesio-vestibolare del primo molare superiore cade nel solco vestibolare del primo molare inferiore. L’overjet ha un valore di circa 2 mm; - II Classe dentaria presenta rapporti di disto-occlusione. La cuspide mesio-vestibolare del primo molare superiore cade anteriormente al solco vestibolare del primo molare inferiore. In genere l’overjet è aumentato; - III Classe dentaria è caratterizzata da rapporti di mesio-occlusione. La cuspide mesio-vestibolare del primo molare superiore distalmente al solco vestibolare del primo molare inferiore. In genere l’overjet diminuito, quasi sempre negativo.



Articoli correlati

ObiettiviLo scopo di questo lavoro consiste nel descrivere il protocollo in uso presso il reparto di Ortognatodonzia del Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Ricostruttive e Diagnostiche...


Obiettivi. Lo scopo di questo lavoro consiste nel presentare i risultati del protocollo con dime termostampate attuato presso il Reparto di Ortognatodonzia del Dipartimento di Scienze Chirurgiche,...


Obiettivi. Scopo del lavoro è definire quali siano i criteri fondamentali nella scelta di una terapia chirurgica per il trattamento delle III Classi e quali siano i principi essenziali del...


In questa seconda parte dell'intevista in tema di chirirgia ortognatica si è voluto prendere in esame l'"ottica" del paziente, ovvero quanto questi interventi risultino impegnativi e...


Il professor Aldo Bruno Giannì, nato a Milano nel 1965, si laurea in Medicina e Chirurgia nel 1989 e consegue quindi nel 1994 la specialità in Chirurgia Maxillo-Facciale presso...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi