HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
30 Giugno 2009

Aspetti odontostomatologici della sindrome di Williams

di F. Canargiu, E. Bassetti, S. Proietti Arsella, A. Piras


OBIETTIVI. Descrivere il caso di un adolescente con sindrome di Williams, visitato presso il Reparto di Parodontologia dell’Università degli Studi di Cagliari. Il paziente presenta morso aperto anteriore e ipertrofia gengivale severa, con eruzione passiva ritardata. METODI. Il trattamento è consistito in un lembo riposizionato apicalmente con osteotomia e osteoplastica.
RISULTATI E CONCLUSIONI. La guarigione mostra l’allungamento delle corone cliniche. La sindrome di Williams è un raro disordine che fu descritto per la prima volta nel 1961. Si pensa sia causato da una microdelezione nel braccio lungo del cromosoma 7 ed è un disordine multisistemico, caratterizzato da diverse anormalità fisiche e di sviluppo, inclusi difetti congeniti cardiovascolari, ritardo mentale e difetti neurologici, problemi della crescita, problemi comportamentali, muscoloscheletrici, gastrointestinali, genitourinari, dentali, e aspetti cranio-facciali tipici.

Dental aspects of Williams syndrome
OBJECTIVES The authors report a case of a young patient of the University of Cagliari Periodontology Department with anterior open bite, severe gingival overgrowth and delayed passive eruption. METHODS. The treatment consisted of an apically positioned flap with ostectomy and osteoplasty.
RESULTS AND CONCLUSIONS. The authors show the healing of tissues and the crown lengthening procedure. Williams’syndrome is a rare congenital disorder that was first described in 1961; it is thought to be caused by a microdeletion in the long arm of chromosome 7. The syndrome is characterized by several developmental and physical abnormalities, including cardiovascular defects, mental retardation and neurological deficits, growth problems, genitourinary manifestation, gastrointestinal and musculoskeletal problems, behavioral disorders, typical craniofacial and dental features.



Articoli correlati

ObiettiviDescrivere un caso di displasia ectodermica (DE), ritardo mentale, osteopenia con particolare attenzione alla familiarità della patologia. Solo un fratello ha partecipato in parte...


Dal 19 al 21 aprile 2012 si terrà a Rimini (presso il nuovo Palacongressi) il Simposio Nazionale Osteology dal titolo "La rigenerazione tissutale nei casi semplici e complessi – Una visione...


OBIETTIVI. Il progresso scientifico e clinico, che ha accompagnato lo sviluppo più recente della professione odontoiatrica, ha introdotto e consolidato un approccio multidisciplinare al paziente,...


Nel 1997 a Milano, la Consensus Conference tenutasi sul problema della interrelazione tra postura e occlusione si era conclusa con l’elaborazione di un documento che sosteneva come non vi fossero...


La rivista che state leggendo ha più di 33 anni e, come potete vedere dall'intestazione, il suo obiettivo fondamentale è, da sempre, la prevenzione. Bene: uno dei miei primi editoriali,...


Altri Articoli

Per la terza dose si sta procedendo con le categorie a maggior rischio e poi agli altri operatori sanitari. Sileri: a gennaio verosimilmente sarà estesa a tutti i cittadini


Ad aprire le lezioni il prof. Carlo Guastamacchia. Ancora la possibilità di iscriversi ad una full immersion di tre giorno a gennaio


Il doppio libro sulla Restaurativa Adesiva dei settori latero-posteriori supera le 2 mila copie vendute. Albonetti (EDRA), merito della qualità e professionalità dell’Autore


Discordanti le indicazioni del Governo e quelle NHS. Per la British dental Association poca chiarezza che penalizza il paziente


Studi odontoiatrici ma anche laboratori odontotecnici devono “proteggere” i dati sensibili dei pazienti conservati nei computer e device. Il Garante pubblica un utile vademecum 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio