HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
27 Maggio 2015

Trattamento del bruxismo con bite notturno e osservazione a lunga distanza: dati elettromiografici

di Lara Figini


Recenti statistiche indicano che il30% della popolazione adulta sia affetta dal fenomeno del bruxismo.

Nel 20% si riscontra un bruxismo diurno e nel 10 % un bruxismo notturno. Questa percentuale tende ad aumentare ulteriormente nella popolazione compresa tra i 25 e i 45 anni età, in quanto il digrignamento è strettamente legato a stati d'ansia e stress. Il bruxismo notturno (SB) è un disturbo del sonno considerato come uno dei principali fattori di rischio nel causare usura dei denti, la progressione della malattia parodontale, danni o il fallimento di protesi o impianti, problemi muscolo-scheletrici come l'ipertrofia muscolaremasticatoria e disordini temporomandibolari. Il trattamento più comune è il posizionamente di un bite durante la notte, che ha due funzioni, la prima di proteggere i denti la seconda di rilassare il muscolo massetere. Diversi studi hanno dimostrato che l'utilizzo di un bite di stabilizzazione durante la notte riduce l'attività masseterina nel 50% dei casi (Pierce CJ, Gale EN.1988 ; Clark GT et al. 1978), ma a un'osservazione a lunga distanza, altri studi hanno evidenziano il fatto che , una volta abbandonato il bite l'attività di digrignamento ritorna come prima nell'arco di due settimane. Diversi studi confermano gli effetti benefici del bite a breve distanza (Harada T, Ichiki 2006 ; Landry ML, 2006; Kato T 1999),

Ma è possibile ottenerli anche a lunga distanza , non "condannando" il paziente all'uso cronico a vita del posizionatore?

Un recente studio pubblicato sul Journal of Oral rehabilitation di aprile 2015 propone una metodica, in cui il paziente deve portare il bite a "intermittenza", con la quale, secondo i dati elettromiografici, sembra si riesca a ridurre l'attività di bruxismo anche a lunga distanza. In questo studio venti pazienti bruxisti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo "continuo" o al il gruppo "intermittente". I soggetti
nel gruppo "continuo" hanno portato il bite notturno per 29 notti continuativamente, mentre
quelli del gruppo "intermittente" hanno indossato il bite a settimane alterne, cioè l'hanno messo dalla prima alla settima notte, dalla quindicesima alla ventunesima notte e alla 29° notte.

E' stata registrata l 'attività elettromiografica del muscolo massetere durante il sonno a sei intervalli:

  • Prima dell'inizio al tempo 0 (baseline)
  • Subito dopo
  • 1, 2, 3 e 4 settimane dopo l'inserimento del bite

Sono stati analizzati il numero di eventi elettromiografici notturni masseterini, la loro durata e
l'attività totale del bruxismo.

Nel gruppo continuo si è visto che gli eventi elettromiografici masseterini notturni erano significativamente ridotti immediatamente e 1 settimana dopo l'inserimento del bite di stabilizzazione, e anche la durata risultava ridotta subito dopo l'inserimento (P <0- 05, test di Dunnett), ma nessuna riduzione si è osservata a 2, 3 e 4 settimane dopo l'inserimento. Nel gruppo "intermittente" invece gli eventi elettromiografici masseterini notturni e la durata risultavano ridotti significativamente subito dopo ma anche a distanza di 4 settimane dopo l'inserimento del bite (P <0-05, test di Dunnett).

L'utilizzo del bite notturno a settimane alterne per un mese, in base ai dati di questo studio, sembra garantire effetti benefici migliori non solo nell'immediato ma anche a lunga distanza, se paragonato all' utilizzo del bite tradizionale in modo continuativo per un mese . Se ulteriori studi in letteratura futuri dovessero confermare questi dati buone speranze potranno esserci per i pazienti affetti da bruxismo di non essere "condannati" al bite cronicamente.

A cura di: Lara Figini,
Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

The effect of intermittent use of occlusal splint devices on sleep bruxism: a 4-week observation with a portable electromyographic recording device. Autori: Matsumoto H, Tsukiyama Y, Kuwatsuru R, Koyano K.

J Oral Rehabil. 2015 Apr;42(4):251-8

Articoli correlati

L'erosione dentale è un problema comune nella società moderna e una delle cause è l'aumento del consumo di bevande acide prevalentemente quelle gassate, le bevande analcoliche,...


Per la diagnosi di carie interprossimali e per valutare il livello di osso crestale l'esame radiografico maggiormente utilizzato e considerato affidabile è rappresentato dalle bite-wing...


Applicare una tassa del 20% sulle bibite dolcificate e impiegare il ricavato per abbassare il prezzo della frutta e della verdura: è la misura drastica proposta dalla British medical...


Nada in Serbo-Croato significa speranza ed è il nome di una ragazzina di tredici anni affetta da sindrome di Down.   Suo papà  ha guidato per cinque ore dal Montenegro,...


Altri Articoli

Con le prime 600 lettere alle società odontoiatriche censite nelle Marche in Emilia Romagna e Toscana è cominciata la campagna informativa dell’ENPAM in vista della scadenza per versare lo...


Da qualche giorno i circa 150 mila napoletani che prendono giornalmente la metropolitana, e quelli che utilizzano la Circumvesuviana (oltre 25 milioni in un anno), attraverso i monitor posizionati...


Nonostante il locale adibito a studio odontoiatrico, all’interno di uno stabile ad uso abitativo sull’isola di Ischia, non fosse decisamente spazioso (10 metri quadrati), il finto dentista era...


Dei camici, o meglio, sull'abbigliamento che devono avere gli odontoiatri e loro collaboratori e/o, più in generale, coloro che esercitano una professione sanitaria, si parla molto poco, per non...


“L'Agenzia delle Entrate ha recentemente pubblicato l'elenco dei debitori che devono più di un milione di euro al fisco spagnolo e tra loro ci sono società proprietarie di cliniche...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi