HOME - Parodontologia
 
 
18 Aprile 2016

Una panoramica completa sul trattamento non chirurgico di perimplantiti e parodontiti

di Anna Maria Melica


Lo Speciale Parodontologia, pubblicato sul numero di marzo 2016 di Dental Cadmos, "Passato, presente e futuro dei coadiuvanti locali e sistemici nel trattamento non chirurgico di perimplantiti e parodontiti: indicazioni e limiti" nasce dalla collaborazione di vari Autori, esperti in materia, che propongono un aggiornamento a tutto campo sul trattamento di due patologie che si riscontrano molto frequentemente nella pratica clinica.

Nel corso degli anni sono stati proposti diversi protocolli di terapia parodontale non chirurgica dalla strumentazione manuale di Scaling e Root Planning (SRP) a quadranti alla più attuale Full Mouth Instrumentation (FMI) in combinazione o meno con la terapia antibiotica sistemica.

La scelta del protocollo terapeutico più adatto si basa su una diagnosi corretta che a sua volta si fonda su un'attenta analisi dei dati clinici, radiografici e anamnestici.

Un'esauriente revisione delle evidenze scientifiche mette in luce le indicazioni e soprattutto i limiti dei coadiuvanti topici proposti e testati a oggi, in particolare gli antimicrobici, la terapia fotodinamica, l'applicazione del laser Er:YAG, i coadiuvanti chimici. Per quanto riguarda la terapia antibiotica sistemica viene sottolineato che l'indicazione è limitata ai pazienti affetti da parodontite severa o aggressiva, infatti soltanto evitando l'abuso di prescrizioni è possibile ridurre lo sviluppo delle resistenze batteriche.

Ampio spazio è dedicato all'impiego degli antibiotici topici che, applicati localmente in siti/tasche parodontali e/o perimplantari, rappresentano un'ulteriore strategia terapeutica a potenziamento del trattamento meccanico e in alternativa alla terapia antibiotica sistemica.

Per quanto riguarda il principio attivo i farmaci più studiati sono le tetracicline (tetraciclina cloridrato o HCl, doxiciclina e monociclina) e il metronidazolo, ma altrettanto importante è il veicolo o carrier capace di garantirne le proprietà farmacocinetiche.

Negli anni sono stati sviluppati carrier con diverse cinetiche di rilascio, i prodotti sviluppati sono distinti in quelli a rilascio lento o sostenuto (slow-release o sustained-release) e quelli a rilascio controllato (controlled-release). La doxiciclina iclato al 14% (Ligosan®) è veicolata da un carrier biodegradabile che ne permette il rilascio lento e controllato, grazie a questo mantiene la MIC (Minimum Inhibiting Concentration) efficace per 12 giorni e ha prodotto risultati positivi soprattutto in ambito perimplantare.

Sintesi a cura di: Anna maria Melica, Consulente Scientifico Dental Cadmos

A QUESTO LINK IL LAVORO ORIGINALE

Articoli correlati

I denti che vengono trattati con chirurgia parodontale ricostruttiva hanno una buona prognosi a lungo termine, anche nel caso di lesioni parodontali profonde intraossee....

di Lara Figini


Nelle giornate del 24 e 25 maggio si svolgerà a L’Aquila – presso il palazzo dell’Emiciclo, sede istituzionale del Consiglio Regionale – un importante incontro culturale...


L’obiettivo finale del trattamento parodontale è quello di rimuovere la patologia e di ripristinare un parodonto sano. Tuttavia, di fronte a prognosi scarse con grave...

di Lara Figini


L’obbiettivo è quello di venire incontro alle esigenze quotidiane dei clinici e per farlo SIdP ha sviluppato una App, Powerapp SIdP, che consente ad ogni clinico che stia eseguendo una visita...


La misurazione dell’osso alveolare residuo prima del trattamento parodontale è uno step fondamentale per avere informazioni sui tessuti duri, per stabilire la necessità e la...

di Lara Figini


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi