HOME - Parodontologia
 
 
27 Aprile 2016

Stretta correlazione tra obesità e perdita di osso alveolare: lo rileva  uno studio statunitense di laboratorio

di Lara Figini


L'obesità è una malattia sistemica caratterizzata da un fondamentale squilibrio tra l'assunzione di calorie/ energia e consumo di queste stesse (Pi-Sunyer et al. 1998). Negli ultimi decenni si è assistito a una crescente prevalenza di obesità con 2,1 miliardi di persone classificate come in sovrappeso o obesi nel 2013 (Ng et al. 2014). L'obesità è associata ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, cancro, asma, e osteoartrite (al. Guh et 2009). Studi epidemiologici hanno evidenziato inoltre l'associazione tra malattia parodontale e obesità (Chaffee e Weston 2010; Suvan et al 2011.) e hanno indicato che l'obesità è seconda solo al fumo come fattore di rischio per la distruzione dei tessuti parodontali di ordine infiammatorio (Nishida et al. 2005).

Diversi studi sugli animali hanno esplorato l'associazione tra obesità e la malattia parodontale e più nel dettaglio in uno studio di laboratorio statunitense pubblicato sul Journal of Dental Reasearch di febbraio 2016 si è dimostrato che la distruzione dell'osso alveolare indotta da contaminazione batterica è maggiore negli animali obesi rispetto agli animali di peso normale.

Gli autori hanno preso in considerazione dei topi di quattro settimane di età maschi C57BL / 6 (10 per gruppo) e li hanno divisi casualmente in uno dei seguenti gruppi:

- Gruppo 1 : in cui i topi sono stati sottoposti a una dieta ricca di grassi [acido palmitico (PA) - o acido oleico (OA) ] (HFD) (20% di calorie da acidi grassi FA) per 16 settimane

- Gruppo 2: in cui i topi sono stati sottoposti a una dieta calorica normale (10% di calorie da FA) per 16 settimane.

A partire dalla 10° settimana, i topi sono stati infettati per via orale con P. gingivalis (W50) o placebo per indurre la perdita di osso alveolare. Gli animali sono stati quindi sacrificati, e sono stati misurati la percentuale di grasso, l'infiammazione (fattore di necrosi tumorale [TNF] -α), e i marcatori del metabolismo osseo.

I risultati ottenuti dagli autori hanno evidenziato che gli animali sottoposti a dieta FA-arricchita pesavano significativamente di più rispetto agli animali sottoposti a una dieta a normale apporto calorico (P <0.05).
La perdita ossea alveolare si è dimostrata essere significativamente maggiore negli animali sottoposti a dieta HFD PA-arricchita (P <0.05).

Inoltre, gli osteoclasti hanno mostrato una risposta infiammatoria aumentata per P. gingivalis in presenza di livelli di PA dislipidemici in contrapposizione alle culture OA, che hanno risposto in modo simile ai controlli.

Dai risultati di questa ricerca di laboratorio statunitense su topi si evidenzia che l'aumento di peso e l'obesità da soli possono essere in grado di modulare il metabolismo osseo e possono pertanto influenzare la perdita di osso alveolare. Ovviamente sono necessari ulteriori studi clinici in vivo su umani per confermarne i risultati sull'uomo.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

- Pi-Sunyer FX, Becker DM, Bouchard C, Carleton RA, Colditz GA, Dietz WH, Foreyt JP, Garrison RJ, Grundy SM, Hansen BC, et al. 1998. Clinical guidelines on the identification, evaluation, and treatment of overweight and obesity in adults: executive summary. Expert Panel on the Identification, Evaluation, and Treatment of Overweight in Adults. Am J Clin Nutr. 68(4):899-917.

- Ng M, Fleming T, Robinson M, Thomson B, Graetz N, Margono C, Mullany EC, Biryukov S, Abbafati C, Abera SF, et al. 2014. Global, regional, and national prevalence of overweight and obesity in children and adults during 1980-2013: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2013. Lancet. 384(9945):766-781.

- Guh DP, Zhang W, Bansback N, Amarsi Z, Birmingham CL, Anis AH. 2009. The incidence of co-morbidities related to obesity and overweight: a systematic review and meta-analysis. BMC Public Health. 9:88.

- Chaffee BW, Weston SJ. 2010. Association between chronic periodontal disease and obesity: a systematic review and meta-analysis. J Periodontol. 81(12):1708-1724.

- Suvan J, D'Aiuto F, Moles DR, Petrie A, Donos N. 2011. Association between overweight/obesity and periodontitis in adults: a systematic review. Obes Rev. 12(5):e381-e404.

- Nishida N, Tanaka M, Hayashi N, Nagata H, Takeshita T, Nakayama K, Morimoto K, Shizukuishi S. 2005. Determination of smoking and obesity as periodontitis risks using the classification and regression tree method. J Periodontol. 76(6):923-928.

- J Dent Res. 2016 Feb;95(2):223-9.. Diet-Induced Obesity and Its Differential Impact on Periodontal Bone Loss. Muluke M, Gold T, Kiefhaber K, Al-Sahli A, Celenti R, Jiang H, Cremers S, Van Dyke T, Schulze-Späte U.

Articoli correlati

Può ridurre del 40% l’infiammazione. Le 7 ‘pillole’ di self care per la salute di denti e gengive da trasferire ai propri pazienti


SIdP ricorda come il lockdown possa aver messo a rischio le gengive, già a rischio di 8 milioni di italiani e consiglia al più presto una visita urgente 


Tra le tante opportunità di aggiornamento professionale per i soci della Società Italiana di Parodontologia, anche quella offerta dal canale SIdP Edu 


Una presidenza all’insegna della continuità promuovendo la formazione per gli odontoiatri ma anche l’informazione verso ai pazienti. Il neo presidente svela i progetti 


L’estetica sta diventando ogni giorno sempre più importante per i pazienti. In effetti, uno dei motivi principali per un consulto dentale è l’alterazione dell’aspetto del...

di Lorenzo Breschi


Altri Articoli

Tra le richieste anche quella di sostenere la produzione europea. Già oggi in commercio prodotti riciclabili che rispettano le indicazioni ministeriali, l’ambiente e risultando anche economici


Finisce davanti al giudice la richiesta di un ASO che riteneva i problemi a schiena e spalle fossero di natura professionale. Riconosciuto l’indennizzo per l’inabilità certificata


Fino al 28 ottobre sarà possibile iscriversi al test per l’anno accademico 2020-2021. 25 i posti disponibili, Roma la sede dei corsi 


Riferito ai 4 mesi di pandemia è a disposizione di imprese e attività professionali con alcune limitazioni. Possibile decidere di “cederlo” 


Lo rivela uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health. Secondo i ricercatori serve però tempo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio