HOME - Parodontologia
 
 
30 Marzo 2006

Alterazioni dento-parodontali nella sindrome di Gardner

di L. Ramaglia, F. Morgese, A.E. di Lauro, R. Saviano


La sindrome di Gardner è un disordine genetico caratterizzato da polipi gastrointestinali a elevatissimo potenziale di trasformazione maligna, osteomi multipli, anomalie dentarie, cisti epidermoidi e ipertrofia congenita dell’epitelio pigmentato retinico. La frequente localizzazione mandibolare degli osteomi e le possibili anomalie dentarie, consentono all’odontoiatra di poter essere il primo specialista a porre un sospetto diagnostico di sindrome di Gardner.
Precedenti studi hanno evidenziato notevoli difficoltà nelle manovre di estrazione dentaria in pazienti affetti da sindrome di Gardner e sulla base di studi radiologici hanno attribuito tali difficoltà ad una maggiore compattezza dell’osso corticale interdentale. Il caso clinico presentato ha confermato tali difficoltà e, sulla base dell’analisi istologica condotta sugli elementi dentari estratti e sull’associato apparato di sostegno, lascia ipotizzare che le procedure exodontiche potrebbero essere ostacolate anche dalla assenza quasi completa dello spazio parodontale che sembrerebbe causata dall’iperplasia del cemento radicolare.

Dental and periodontal alterations in Gardner’s syndrome
Gardner’s syndrome is a genetic disorder characterised by gastrointestinal polyposis with a high degree of malignant transformation, multiple osteomata, teeth anomalies, epidermoid cysts and congenital hypertrophy of the retinal pigment epithelium.
Due to its frequent mandibular location and the presence of teeth anomalies, the dentist may be the first clinician to suspect Gardner’s syndrome (GS). Previous studies report difficulties related to tooth extraction in patients with GS that may be caused by cortical bone thickening between teeth as x-rays studies have shown. The case reported by the author confirmed those difficulties while histological examination of teeth extracted and their periodontal tissues allows to assume that extraction may also be complicated by the almost complete absence of periodontal space which seems to be caused by hypercementosis.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Napoli "Federico II"
Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche e Maxillo-facciali
Direttore: prof. S. Matarasso

Dental Cadmos 2006; 3: 79-85

Articoli correlati

I pazienti adulti in terapia cronica con farmaci antiaggreganti e anticoagulanti, per malattie cardiovascolari o perché a rischio di tromboembolia, stanno aumentando sempre di...

di Lara Figini


La domanda in odontoiatria è di quelle che possono fare discutere per mesi: è meglio provare a preservare un elemento dentale con ogni mezzo possibile o posizionare un impianto osteointegrato? Vi...

di Simona Chirico


Dispositivo piezolettrico o chirurgia tradizionale?

di Lara Figini


La parodontite è una delle malattie orali più diffuse in tutto il mondo. La principale conseguenza della parodontite è l’aumentata mobilità dei denti seguita dalla perdita...

di Lara Figini


Altri Articoli

Capofila del progetto, in quanto Regione promotrice dell’iniziativa contenuta nel piano di lavoro, è la Basilicata


Presso FICO di Bologna un nuovo appuntamento con “La Piazza della Salute”, aperto a tutti e all’insegna dell’informazione e prevenzione partendo dalla salute dei propri denti fino a uno...


Fino a sabato confronto tra gli esperti sui temi, classici e non, della patologia e della medicina orale


Gli odontoiatri in prima linea per individuare fenomeni di violenza, dall’Ordine di Medici di Napoli le “direttive” 


Oltre alla clinica anche il cambio di consegne alla presidenza e le elezioni di chi guiderà SIDO dal 2023 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi