HOME - Parodontologia
 
 
18 Gennaio 2017

Il vaccino contro la malattia parodontale è più vicino, sarà sperimentato in Australia a partire dal 2018

di Adelmo Calatroni


Il primo vaccino al mondo contro una malattia gengivali grave come la parodontite cronica è stato annunciato dai ricercatori australiani dell'Università di Melbourne, che hanno pubblicato i loro risultati su NPJ Vaccines, rivista scientifica affiliata al gruppo Nature.

Eric C. Reynolds e i suoi colleghi ci stanno lavorando da 15 anni e i primi trial clinici sugli esseri umani potrebbero iniziare nel 2018.

La malattia parodontale di grado moderato o grave colpisce il 50% degli australiani di età superiore ai 65 anni, ma è diffusa in tutto il mondo; com'è noto distrugge il tessuto gengivale e l'osso che fa da supporto ai denti e si associa a malattie sistemiche come diabete, patologie cardiovascolari, artrite reumatoide, demenza e alcuni tipi di cancro.

La parodontite è causata dall'accumulo di certi ceppi batterici e il vaccino allo studio del team australiano è mirato al Porphyromonas gingivalis, l'agente patogeno che è ritenuto il principale responsabile della malattia, essendo in grado di alterare il normale equilibrio dei microrganismi presenti nel cavo orale. Reynolds è riuscito a individuare gli enzimi prodotti da questo batterio nei topi di laboratorio e ha pensato di stimolare la risposta immunitaria e la produzione di anticorpi specifici.

"Attualmente il trattamento della malattia parodontale avviene attraverso la pulizia professionale, - ricorda il professor Reynolds - a volte però non basta ed è necessario ricorrere alla chirurgia o prevedere una profilassi antibiotica. Questi metodi sono utili, ma in molti casi il batterio torna a stabilirsi nella placca dentale provocando uno squilibrio microbiologico tale da impedire la guarigione completa. La parodontite è molto diffusa e ha un alto potenziale distruttivo. Noi siamo molto fiduciosi che questo vaccino potrà migliorare la qualità della vita di milioni di persone".

Articoli correlati

I denti che vengono trattati con chirurgia parodontale ricostruttiva hanno una buona prognosi a lungo termine, anche nel caso di lesioni parodontali profonde intraossee....

di Lara Figini


Nelle giornate del 24 e 25 maggio si svolgerà a L’Aquila – presso il palazzo dell’Emiciclo, sede istituzionale del Consiglio Regionale – un importante incontro culturale...


L’obiettivo finale del trattamento parodontale è quello di rimuovere la patologia e di ripristinare un parodonto sano. Tuttavia, di fronte a prognosi scarse con grave...

di Lara Figini


L’obbiettivo è quello di venire incontro alle esigenze quotidiane dei clinici e per farlo SIdP ha sviluppato una App, Powerapp SIdP, che consente ad ogni clinico che stia eseguendo una visita...


La misurazione dell’osso alveolare residuo prima del trattamento parodontale è uno step fondamentale per avere informazioni sui tessuti duri, per stabilire la necessità e la...

di Lara Figini


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi