HOME - Parodontologia
 
 
18 Gennaio 2017

Il vaccino contro la malattia parodontale è più vicino, sarà sperimentato in Australia a partire dal 2018

di Adelmo Calatroni


Il primo vaccino al mondo contro una malattia gengivali grave come la parodontite cronica è stato annunciato dai ricercatori australiani dell'Università di Melbourne, che hanno pubblicato i loro risultati su NPJ Vaccines, rivista scientifica affiliata al gruppo Nature.

Eric C. Reynolds e i suoi colleghi ci stanno lavorando da 15 anni e i primi trial clinici sugli esseri umani potrebbero iniziare nel 2018.

La malattia parodontale di grado moderato o grave colpisce il 50% degli australiani di età superiore ai 65 anni, ma è diffusa in tutto il mondo; com'è noto distrugge il tessuto gengivale e l'osso che fa da supporto ai denti e si associa a malattie sistemiche come diabete, patologie cardiovascolari, artrite reumatoide, demenza e alcuni tipi di cancro.

La parodontite è causata dall'accumulo di certi ceppi batterici e il vaccino allo studio del team australiano è mirato al Porphyromonas gingivalis, l'agente patogeno che è ritenuto il principale responsabile della malattia, essendo in grado di alterare il normale equilibrio dei microrganismi presenti nel cavo orale. Reynolds è riuscito a individuare gli enzimi prodotti da questo batterio nei topi di laboratorio e ha pensato di stimolare la risposta immunitaria e la produzione di anticorpi specifici.

"Attualmente il trattamento della malattia parodontale avviene attraverso la pulizia professionale, - ricorda il professor Reynolds - a volte però non basta ed è necessario ricorrere alla chirurgia o prevedere una profilassi antibiotica. Questi metodi sono utili, ma in molti casi il batterio torna a stabilirsi nella placca dentale provocando uno squilibrio microbiologico tale da impedire la guarigione completa. La parodontite è molto diffusa e ha un alto potenziale distruttivo. Noi siamo molto fiduciosi che questo vaccino potrà migliorare la qualità della vita di milioni di persone".

Articoli correlati

Uno studio sperimentale ha analizzato la demineralizzazione con acido citrico degli innesti ossei autogeni per aumentare la rigenerazione ossea anche di difetti importanti

di Lara Figini


Se ne è parlato in un webinar organizzato da EDRA con Roberto Kaitsas e Maria Giacinta Paolone intervistati dal prof. Massimo Gagliani. La registrazione è disponibile online


Riflessioni e consigli del prof. Checchi in tema di salute orale e alimentazione, da condividere con i propri pazienti ma non solo


Nell’Agorà di oggi il prof. Gagliani evidenza una ricerca che nota come l’affollamento dentale tende ad aumentare con l’età e la malattia parodontale 

di Massimo Gagliani


È opinione comune che al giorno d’oggi le malattie più diffuse e importanti del cavo orale (gengiviti e parodontiti, carie dentale e cancro orale) siano prevenibili. Se...

di Edoardo Mancuso


Altri Articoli

Sarà possibile scaricarlo già dopo la prima dose, l’alternativa è il tampone. Ecco per cosa servirà e come ottenerlo


Chiarello: posticipare per consentire ai nostri consulenti di completare il conteggio delle nostre dichiarazioni


L’obiettivo dell’auto check-up è quello di sensibilizzarli sull’importanza di mantenere comportamenti sani per la tutela della salute, cominciando da bocca e denti


Alleanza per la Professione Medica presenta mercoledì 28 luglio il suo “Manifesto per il rilancio della sanità italiana”


Nuove scadenze per i versamenti delle tasse e degli acconti, contributi per chi acquista e sulla commissione del POS e bonus sanificazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I rischi dell’implantologia “fai da te”