HOME - Parodontologia
 
 
28 Febbraio 2007

Aggiornamenti sulla classificazione delle malattie parodontali

di C. Sanavia, O. Marchisio, A. Genovesi


Nella pratica clinica quotidiana l’utilizzo di sistemi di classificazione può favorire la diagnosi e la prognosi della patologia che interessa il singolo paziente determinando, come risultato finale, maggiori benefici dal punto di vista non soltanto clinico ma anche psicologico e motivazionale per il paziente stesso.
Per molti anni è stata utilizzata dalla maggior parte dei professionisti una classificazione delle malattie parodontali elaborata da alcuni ricercatori e clinici nel 1987.
Tale classificazione presentava alcune lacune e molti limiti. Tali termini sono stati colmati e modificati con l’avvento della nuova classificazione delle malattie parodontali dell’American Academy of Periodontology messa a punto nel 1999 durante l’International Workshop for Classification of Periodontal Disease and Conditions.
Questa nuova classificazione è così riccamente articolata da sembrare, a prima vista, molto complessa e quasi impossibile da utilizzare nella pratica clinica quotidiana.
Lo scopo di questo lavoro è stato quello di analizzare nei dettagli le principali modifiche e aggiornamenti apportati alla classificazione delle malattie parodontali durante il Workshop del 1999 al fine di facilitarne la comprensione e l’utilizzo quotidiano nella pratica professionale. 



Updating in periodontal disease classification

Using Classification Systems during the daily practice may promote diseases diagnosis and prognosis. This procedure will give both clinical and psychological benefits (for the patients compliance).
The Classification System for Periodontal Diseases and Conditions made in 1989 by a group of researchers and clinicians was been used for many years, but this classification shows gaps and restrictions.
The New Classification for Periodontal Diseases and Conditions made in 1999 during the International Workshop for Classification of Periodontal Disease and Conditions is more complete and fill these gaps. A lot of categories of periodontal disease are listed and, for this reason, its use during the daily practical clinic seems to be impossible.
The purpose of this study is to analyze the most important changes given by the New Classification for Periodontal Diseases. In this way will be easier use it during the daily practical.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Genova
Corso di Laurea in Igiene Dentale
Cattedra di Patologia Speciale Odontostomatologica
Titolare: prof. U. Covani

Prevenzione & assistenza dentale 2007; 1: 7-15

Articoli correlati

I denti che vengono trattati con chirurgia parodontale ricostruttiva hanno una buona prognosi a lungo termine, anche nel caso di lesioni parodontali profonde intraossee....

di Lara Figini


La misurazione dell’osso alveolare residuo prima del trattamento parodontale è uno step fondamentale per avere informazioni sui tessuti duri, per stabilire la necessità e la...

di Lara Figini


Definita la condizione di salute parodontale, tra i coordinatori del gruppo di lavoro il prof. Tonetti


Una inchiesta promossa da SIdP diventa un articolo scientifico pubblicato su Oral Diseases


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi