HOME - Parodontologia
 
 
08 Febbraio 2017

I cannabinoidi possono essere di aiuto al trattamento della malattia parodontale. I risultati da una ricerca USA

di Davis Cussotto


Sembrerebbe proprio di si, secondo una indagine retrospettiva sulla letteratura scientifica, pubblicato da Alvin H Danenberg parodontolo Americano, sul Journal of Neuroinflammation.

Nel nostro organismo esistono diversi recettori cannabinoidi, i più studiati sono i CB1 del sistema nervoso e i CB2 localizzati nel sistema immunitario in particolare nei linfociti T e nella milza.

La stimolazione di questi ultimi sembra essere responsabile principalmente della azione anti-infiammatoria e immunomodulatrice dei cannabinoidi.

Quando i recettori sono danneggiati si ha uno stato di sofferenza dell'organismo e l'apporto esterno di cannabinoidi può essere di giovamento.
Tra i cannabinoidi esogeni derivati dalla pianta della canapa il più utilizzato è il cannabidiolo CBD che non ha niente a che vedere con il tetraidrocannabinolo THC derivato dalla marijuana. Il CBD ha un effetto psicoattivo ridotto ed è stato oggetto di diversi studi su animali che evidenziano la capacità di ridurre la perdita di osso nel corso della malattia parodontale.

Il Dr Danenberg è un parodontologo che ha un visione olistico alla malattia parodontale che vede nell' alimentazione una determinante della salute umana; la mancanza o l'eccesso di elementi nutritivi alla singola cellula ha effetti su tutta la persona

Questo approccio nutrizionista alla patologia umana trova le sue applicazioni anche in parodontologia per la prevenzione del riassorbimento osseo.

"Sono in attesa di ulteriori studi clinici su umani -conclude -il ricercatore, ma sono convinto che integratori alimentari a base di CBD possono essere un ottimo supplemento terapeutico della malattia parodontale".

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @daviscussotto

Articoli correlati

Per il prof. Gagliani l’odontoiatria dovrà imparare a crescere in relazione a quelle che sono le mutate esigenze della popolazione puntando su di un sistema sinergico tra un privato finanziatore...

di Massimo Gagliani


Elaborate da SidP e validate dall’Istituto Superiore di Sanità diventano le uniche da rispettare in tema di “Trattamento della parodontite di stadio I-III”


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Il prof. Gagliani parte dalle evidenze in letteratura, a volte contraddittorie ma in generale interessanti e poi avanza una serie di considerazioni sull’utilità del Laser per la cura di alcune...

di Massimo Gagliani


Dal Congresso SIdP le novità e le tecnologie più all’avanguardia per la ricostruzione dei tessuti duri e molli attorno agli impianti dentari


Altri Articoli

Ad aprire le lezioni il prof. Carlo Guastamacchia. Ancora la possibilità di iscriversi ad una full immersion di tre giorno a gennaio


Il doppio libro sulla Restaurativa Adesiva dei settori latero-posteriori supera le 2 mila copie vendute. Albonetti (EDRA), merito della qualità e professionalità dell’Autore


Discordanti le indicazioni del Governo e quelle NHS. Per la British dental Association poca chiarezza che penalizza il paziente


Studi odontoiatrici ma anche laboratori odontotecnici devono “proteggere” i dati sensibili dei pazienti conservati nei computer e device. Il Garante pubblica un utile vademecum 


Si è tenuto sabato 9 ottobre 2021 nella splendida cornice di Villa Branca a Mercatale Val di Pesa (Firenze), l’Assemblea Annuale di APA,(Amici Per l’Africa) che si occupa del Soccorso Odonto...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio