HOME - Parodontologia
 
 
08 Febbraio 2017

I cannabinoidi possono essere di aiuto al trattamento della malattia parodontale. I risultati da una ricerca USA

di Davis Cussotto


Sembrerebbe proprio di si, secondo una indagine retrospettiva sulla letteratura scientifica, pubblicato da Alvin H Danenberg parodontolo Americano, sul Journal of Neuroinflammation.

Nel nostro organismo esistono diversi recettori cannabinoidi, i più studiati sono i CB1 del sistema nervoso e i CB2 localizzati nel sistema immunitario in particolare nei linfociti T e nella milza.

La stimolazione di questi ultimi sembra essere responsabile principalmente della azione anti-infiammatoria e immunomodulatrice dei cannabinoidi.

Quando i recettori sono danneggiati si ha uno stato di sofferenza dell'organismo e l'apporto esterno di cannabinoidi può essere di giovamento.
Tra i cannabinoidi esogeni derivati dalla pianta della canapa il più utilizzato è il cannabidiolo CBD che non ha niente a che vedere con il tetraidrocannabinolo THC derivato dalla marijuana. Il CBD ha un effetto psicoattivo ridotto ed è stato oggetto di diversi studi su animali che evidenziano la capacità di ridurre la perdita di osso nel corso della malattia parodontale.

Il Dr Danenberg è un parodontologo che ha un visione olistico alla malattia parodontale che vede nell' alimentazione una determinante della salute umana; la mancanza o l'eccesso di elementi nutritivi alla singola cellula ha effetti su tutta la persona

Questo approccio nutrizionista alla patologia umana trova le sue applicazioni anche in parodontologia per la prevenzione del riassorbimento osseo.

"Sono in attesa di ulteriori studi clinici su umani -conclude -il ricercatore, ma sono convinto che integratori alimentari a base di CBD possono essere un ottimo supplemento terapeutico della malattia parodontale".

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @daviscussotto

Articoli correlati

Uno studio sperimentale ha analizzato la demineralizzazione con acido citrico degli innesti ossei autogeni per aumentare la rigenerazione ossea anche di difetti importanti

di Lara Figini


Se ne è parlato in un webinar organizzato da EDRA con Roberto Kaitsas e Maria Giacinta Paolone intervistati dal prof. Massimo Gagliani. La registrazione è disponibile online


Riflessioni e consigli del prof. Checchi in tema di salute orale e alimentazione, da condividere con i propri pazienti ma non solo


Nell’Agorà di oggi il prof. Gagliani evidenza una ricerca che nota come l’affollamento dentale tende ad aumentare con l’età e la malattia parodontale 

di Massimo Gagliani


È opinione comune che al giorno d’oggi le malattie più diffuse e importanti del cavo orale (gengiviti e parodontiti, carie dentale e cancro orale) siano prevenibili. Se...

di Edoardo Mancuso


Altri Articoli

L’evoluzione passa attraverso l’evoluzione e la ricerca della NewTom. Ne abbiamo parlato con il prof. Pierluigi Mozzo


I crediti da recuperare entro la fine del triennio, le novità, quali le modifiche sulle quali si sta lavorando, la questione sanzioni tra i temi toccati con il componente odontoiatra della...


Il dott. Mele commenta la motivazione data dal Garante alla pubblicazione del nome del dentista che avrebbe violato la privacy chiedendo al paziente se fosse sieropositivo e poi rifiutandosi di...


Agorà del Lunedì     26 Luglio 2021

L’anno che verrà

Riflessioni del prof. Gagliani sul periodo trascorso e quello che verrà dal punto di vista dell’aggiornamento culturale e della professione


Secondo uno studio realizzato da un team di ricercatori americani guidati da Kara Law, l'Italia è al nono posto nel mondo per produzione di rifiuti di plastica pro capite: gli italiani generano...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio