HOME - Parodontologia
 
 
17 Maggio 2017

Laser in parodontologia: è opportuno parlarne?

di Prof. Massimo Gagliani


Il prof Giorgio Vogel, senza dubbio uno dei padri della Parodontologia Italiana, mi ha regalato questa bellissima considerazione che fece uno dei suoi primi maestri, il Prof Irving Glickmann, "milestone" della Parodontologia mondiale: "Se tu pensi alle implicazioni che ha la Parodontologia in tutte le discipline odontoiatriche puoi facilmente capire perché la Parodontologia sia l'Odontoiatria!".

E' evidente quindi che ogni nuova metodologia di cura in questo ambito non possa che suscitare delle attenzioni trasversali in tutti i contesti clinici.

L'uso del Laser sui tessuti molli è stato e rappresenta, oggi più che mai, una reale alternativa alle metodiche di cura tradizionali; la parodontologia non si sottrae a questo nuovo flusso e non poche sono le istanze scientifiche che sono emerse in letteratura.

Ne riporto un paio che potrebbero far aprire un dibattito che volentieri ospiteremmo in queste colonne.

In una revisione del 2013 Sgolastra e col. [1] si erano detti possibilisti riguardo i potenziali effetti adiuvanti generati dal laser nel curare le patologie parodontali; infatti gli Autori concludevano che il modesto guadagno ottenuto con la terapia tradizionale assistita dall'impiego del laser (Photodynamic Therapy) era blandamente giustificato nel breve periodo ma non aveva riscontri sufficienti nel lungo periodo.

Più recentemente, febbraio 2017, un'analoga revisione di autori cinesi [2] ha confermanto, attenuandoli, i risultati ottenuti dalla revisione precedente, ribadendo, in sintesi, che le evidenze scientifiche sulla reale efficacia della terapia fotodinamica laser assistita nella cura della malattia parodontale siano ancora assai scarse. Gli autori hanno messo in chiaro che la debolezza dei pur incoraggianti risultati ottenibili nel breve periodo risiederebbe anche nella scarsità di pazienti esaminati negli studi considerati validi per lo studio meta-analitico.

Laser e parodontologia; un tema ancora spinoso da affrontare evitando toni trionfalistici sul quale queste pagine saranno felici di ospitare ulteriori contributi.

A cura di: prof Massimo Gagliani, Coordinatore Scientifico area odontoiatrica gruppo Edra

Per approfondire:

1) Sgolastra, F., et al., Adjunctive photodynamic therapy to non-surgical treatment of chronic periodontitis: a systematic review and meta-analysis. J Clin Periodontol, 2013. 40(5): p. 514-26.

2) Xue, D., et al., Clinical efficacy of photodynamic therapy adjunctive to scaling and root planing in the treatment of chronic periodontitis: a systematic review and meta-analysis. Photodiagnosis Photodyn Ther, 2017.

Articoli correlati

Fondazione Querini Stampalia

Il 2° Simposio Internazionale Gardalaser – dal titolo “Laser e odontoiatria d’eccellenza: lo stato dell’arte e prospettive future” – avrà luogo a Venezia il 20 e 21...


Negli ultimi due decenni, l’usura dello smalto antagonista ai nuovi materiali dentali è diventato un criterio importante nella valutazione di questi stessi materiali.Il...

di Lara Figini


Geass è l’azienda italiana che da oltre trent’anni punta sulla qualità e sull’innovazione tecnologica offrendo al clinico soluzioni implanto-protesiche per raggiungere...


Altri Articoli

Pubblicato in GU il Decreto con la norma che obbliga anche gli igienisti dentali all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture emesse nei confronti dei pazienti. Ecco le modalità


L’invito ai soci è quello di prescriverli sono se necessari ed informare i pazienti sull’utilizzo consapevole. Il presidente Fiorile invita ad aderire al Manifesto di Choosing Wisely Italy.


Il presidente Iandolo ribadisce la necessità di un intervento normativo. Intanto il Ministro Speranza si dice disponibile a ragionare su proposte SUMAI


In continuità con l’offerta formativa anche alla luce del nuovo Ordine Professionale, il bilancio durante la discussione delle tesi all’Università di Brescia


L’esperienza del dott. La Scala in un video in cui affronta i vantaggi clinici e di comunicazione con il paziente grazie al “communication packaging” e a BLACKBOX di IDI EVOLUTION


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi