HOME - Parodontologia
 
 
19 Settembre 2018

Riassorbimento radicolare dei denti adiacenti ai canini mascellari impattati

Quanto, dove e come si manifesta

di Lara Figini


Dai dati della letteratura emerge che i canini mascellari si manifestano impattati, con impossibilità di erompere regolarmente, con una prevalenza generale che va dall'1 al 3%, secondi soltanto ai terzi molari. Tuttavia, a differenza dei terzi molari il canino mascellare si trova in un'area molto più impegnativa, sia esteticamente che funzionalmente.

La conseguenza avversa più indesiderata e irreversibile dei canini mascellari impattati è il riassorbimento radicolare (RR) dei denti adiacenti, in particolare degli incisivi laterali, con potenziale danno irreversibile che può portare alla perdita degli elementi dentari. A causa di una generale mancanza di sintomi, il RR dei denti adiacenti ai canini impattati rischia di essere diagnosticato in ritardo.

Tuttavia, grazie all’introduzione della tomografia computerizzata a fascio conico (CBCT) è stata migliorata la sensibilità e l'accuratezza della diagnosi di RR in modo significativo.Grazie alla tomografia computerizzata (CT) i ricercatori hanno potuto diagnosticare una percentuale di RR rilevabile nel 38% degli incisivi laterali e nel 9% degli incisivi centrali (Ericson, 2000).


Ma fino a che punto sono responsabili i canini del RR dei denti adiacenti? Quali sono le porzioni radicolari più colpite da RR nei casi di canini impattati e qual è la gravità di RR?

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

In una revisione sistematica pubblicata su JADA di settembre 2018 si affronta questa tematica. Gli autori della revisione hanno eseguito una ricerca elettronica di tutti gli studi pubblicati sull’argomento mediante Cochrane Library, PubMed (Medline), Scopus e Web of Science e una parziale ricerca nella letteratura grigia utilizzando Google Scholar, Open Grey e ProQuest.

Gli studi inclusi nella revisione riguardavano pazienti (adolescenti, adulti e anziani) con canini permanenti superiori impattati in cui gli autori hanno valutato l'incidenza di RR nei denti adiacenti mediante CBCT.

Due revisori in modo indipendente hanno eseguito la selezione degli studi, l'estrazione dei dati e valutato il rischio di bias. I criteri di selezione includevano studi osservazionali.

Risultati

Tra i 953 studi registrati nei database sull’argomento, 18 sono stati inclusi nella revisione finale dagli autori. I risultati della meta-analisi hanno rivelato che la posizione più frequente dei canini impattati era nel 56,99% dei casi palatale; il terzo apicale è risultata essere la porzione radicolare maggiormente colpita da RR.

Il riassorbimento radicolare è risultato lieve nel 43,2% dei casi e grave nel 30,9% dei casi. Sebbene gli studi avessero diverse dimensioni del campione, il principale problema metodologico è risultato essere l'assenza di un gruppo di controllo e di follow-up.

Conclusioni

Dai dati emersi da questa revisione il riassorbimento radicolare RR degli incisivi mascellari è correlato ai canini mascellari impattati durante l'eruzione. L'eruzione ritardata o il trattamento dei canini colpiti può portare al riassorbimento degli incisivi laterali e centrali adiacenti.

Tutte le porzioni radicolari dei denti adiacenti ai canini impattati possono andare incontro a riassorbimento con diversi livelli di gravità, ma la porzione apicale sembra essere la più colpita.

Implicazioni cliniche

Conoscere fino a che punto i canini impattati sono associati a riassorbimento radicolare dei denti adiacenti prima di iniziare qualsiasi tipo di intervento, chirurgico e ortodontico, ed essere in grado di condividere queste informazioni con il paziente consente all’odontoiatra di effettuare la scelta del trattamento più appropriato.

Per approfondire

Articoli correlati

Obiettivi. Descrivere l’epidemiologia e il management dell’avulsione traumatica, il più invalidante, dal punto di vista estetico-funzionale, tra tutti i traumi orali. I pazienti che subiscono...


Obiettivi. Lo scopo del lavoro è la presentazione di un caso clinico di trasposizione canino/primo premolare superiore sinistri trattato seguendo le indicazioni della letteratura internazionale. La...


Il riassorbimento radicolare è una condizione che può interessare ogni campo dell’odontoiatria. Esso è caratterizzato da una perdita di sostanza a carico del cemento e della dentina della radice...


Quando l’ortodontista si trova a dover risolvere una disarmonia occlusale non può non considerare, tra le conseguenze del suo intervento, l’insorgenza di fenomeni di riassorbimento radicolare a...


Altri Articoli

E’ tempo di iscriversi al Congresso Internazionale più ricco del 2019 e di sfruttare le quote agevolate valide fino a fine mese su congressaio.it Dal 13 al 15 giugno l’Associazione Italiana...


Il medico Alberto Oliveti (nella foto) è stato riconfermato all’unanimità presidente dell’Adepp, l’associazione degli enti di previdenza privati italiani.Oliveti che è alla guida...


Se il 71% dei laureati nelle professioni sanitarie, a un anno dal conseguimento del titolo, ha già un lavoro per la professione di igienista dentale tale tasso di occupazione sale all’89%. Un dato...


Solo la società odontoiatrica autorizzata può fare pubblicità, se a farla è il marchio di unnetwork è da rimuovere.Lo ha previsto il Comune di Sarzana intimando la “copertura” di cartelloni...


ll NAS di Parma, “dopo approfondite indagini” presso un studio in provincia di Piacenza, hanno dennuicato 4 persone ritenuti responsabili, in concorso, dei reati di esercizio abusivo di una...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi