HOME - Parodontologia
 
 
28 Febbraio 2009

Il solfato di calcio nel trattamento dei difetti parodontali infraossei

di R. Farina, A. Scabbia, L. Bozzi, G. Barbè, E. Meotti, L. Trombelli


OBIETTIVO. Valutare l’efficacia clinica di un biomateriale a base di solfato di calcio (CaS) nella ricostruzione di difetti parodontali infraossei.
MATERIALI E METODI. 21 soggetti sono stati inclusi nello studio. 10 difetti sono stati assegnati al trattamento test (curettaggio a cielo aperto + CaS), 11 difetti sono stati assegnati al trattamento controllo (curettaggio a cielo aperto). Sono stati registrati profondità di sondaggio (PPD), livello di attacco clinico (CAL), recessione gengivale (REC), indice di sanguinamento locale (BS) e indice di placca locale (PS) immediatamente prima della chirurgia (baseline) e a distanza di 6 e 12 mesi.
RISULTATI. Nel gruppo test, CAL è variato da 8,6 ± 1,7 mm (baseline) a 5,8 ± 1,8 mm (6 e 12 mesi), mentre nel gruppo controllo è variato da 8,9 ± 2,0 mm (baseline) a 5,8 ± 2,6 mm (6 mesi) e 5,6 ± 2,5 mm (12 mesi). Nessuna differenza statisticamente significativa in PPD, CAL, REC o nelle loro variazioni è stata individuata tra i due gruppi a ciascun tempo di osservazione. Il gruppo test presentava un’incidenza maggiore di siti PS-positivi a 6 e 12 mesi e un’incidenza maggiore di siti BS-positivi al baseline e a 6 e 12 mesi.
CONCLUSIONI. Nei limiti del presente studio, il biomateriale a base di CaS considerato sembra avere un limitato effetto aggiuntivo sul curettaggio a cielo aperto nel trattamento chirurgico dei difetti infraossei.

Calcium Solphate in the reconstruction of periodontal intraosseus defects
AIM OF THE WORK To evaluate the clinical effectiveness of a calcium sulphate (CaS)-based biomaterial in the reconstruction of periodontal intraosseous defects.
MATERIALS AND METHODS. 21 subjects were included. 10 defects were assigned to test treatment (open flap debridement plus CaS-based graft), 11 defects were assigned to control treatment (open flap debridement alone). Immediately before surgery, 6 and 12 months after surgery, pocket probing depth (PPD), clinical attachment level (CAL), gingival recession (REC), local bleeding score (BS) and plaque score (PS) were evaluated. RESULTS. In test group, CAL varied from 8.6 ± 1.7 mm (baseline) to 5.8 ± 1.8 mm (6 and 12 months) while in the control group varied from 8.9 ± 2.0 mm (baseline) to 5.8 ± 2.6 mm (6 months) and 5.6 ± 2.5 mm (12 months). No statistically significant inter-group differences in PPD, CAL, REC and their changes were detected at each observation interval. Test group presented a higher incidence of PS-positive defects at 6 and 12 months and a higher incidence of BS-positive defects at baseline, 6 and 12 months.
CONCLUSIONS. Within the limits of the present study, the investigated CaS-based biomaterial seems to have limited adjunctive clinical effect with respect to the open flap debridement alone.



Articoli correlati

RiassuntoObiettivi: È stata valutata l’efficacia dell’osso e di una membrana connettivo-periostale autologhi (aCPRT) nella terapia rigenerativa di difetti ossei parodontali rispetto alla...


Altri Articoli

Si completata l'Assemblea Nazionale ENPAM, a fine giugno l’elezione del nuovo CDA


Le polemiche tra professionisti e Governo con i primi che accusano il secondo di privilegiare le imprese in termini di aiuti economici del post coronavirus, se assolutamente legittime mi sembrano...

di Norberto Maccagno


La norma interessa igienisti dentali e odontotecnici, ecco come avvengono gli accrediti automatici e le modalità per richiedere il bonus da 1.000 euro a maggio


Da sabato 23 maggio al 30 giugno si potranno richiedere consulti online agli odontoiatri dell’Associazione Nazionale Dentisti Italiani - ANDI


Lo potrà richiedere solo chi ha avuto un calo di almeno il 50% del fatturato. Ecco di cosa si tratta e come e chi può richiederlo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni