HOME - Parodontologia
 
 
30 Marzo 2012

Variazione degli indici parodontali durante la giornata

di C. Bertoldi, C. Pellacani, L. Generali, V. Ponzini, A. Lucchi, S. Guaitolini, A. Forabosco


Obiettivi
Lo scopo è verificare se gli indici parodontali, su cui si basa in gran parte la scelta terapeutica parodontologica, possano essere influenzati dal periodo della giornata in cui sono rilevati.

Materiali e metodi
Sono stati arruolati, secondo precisi criteri di inclusione ed esclusione, 11 pazienti. Oggetto della valutazione sono stati il Full-Mouth Plaque Score (FMPS), il Full-Mouth Bleeding Score (FMBS) e il Periodontal Screening and Recording (PSR) al baseline (T0); la sperimentazione ha previsto il confronto delle misurazioni dei suddetti indici in tre momenti successivi della stessa giornata (T1 ore 8,30; T2 ore 11,30; T3 ore 14,00) in fase di mantenimento.

Risultati
Tutti gli indici considerati migliorano significativamente passando da T0 alle tre rivalutazioni finali. Confrontando tra loro T1, T2 e T3 si rileva che il FMBS rilevato in T1 (media ± deviazione standard 4,82 ± 2,95) risulta significativamente maggiore rispetto a quello rilevato in T2 (2,69 ± 1,49) e T3 (2,03 ± 1,51). Considerando i soli non fumatori si denota il significativo miglioramento degli indici da T0 alle rivalutazioni finali, senza significatività fra le tre rivalutazioni, mentre il FMBS non migliora significativamente da T0 a T1 e in T1 è maggiore rispetto a T2 e T3 nei fumatori.

Conclusioni
Pur considerando i limiti di questo studio, l'indice FMBS non si dimostra significativamente stabile nell'ambito della stessa giornata. Indicativamente tale risultato è particolarmente rilevante nei tabagisti, suggerendo anche un'ulteriore via patogenetica infiammatoria al danno parodontale.



Articoli correlati

Ultimo approfondimento del prof. Massimo Gagliani questa volta dedicata alla sinergia odontoiatra-igienista-paziente

di Massimo Gagliani


È opinione comune che al giorno d’oggi le malattie più diffuse e importanti del cavo orale (gengiviti e parodontiti, carie dentale e cancro orale) siano prevenibili. Se...

di Edoardo Mancuso


Un studio pubblicato sul Journal of Periodontology di settembre 2020, ha valutato la sopravvivenza di impianti dentali in pazienti fumatori (CS) e pazienti non fumatori (NS) con diabete...

di Lara Figini


“La presenza di placca in un sito implantare determina un rischio aumentato di circa 14,3 volte di insorgenza e progressione di una perimplantite”, ad evidenziarlo è il vice presidente...


È ormai assodato che il fumo ha effetti deleteri sia sulla salute sistemica che orale. Rappresenta uno dei fattori di rischio certi per la parodontite sia nei fumatori attivi...

di Lara Figini


Altri Articoli

Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


La presidente Elena Boscagin è la prima donna ad essere eletta nella CAO nazionale. Ci ha raccontato impressioni ed aspettative dopo la prima riunione 


Il rischio, scrive il presidente CAO di Cuneo, è che con la scusa della pandemia si possano allargare competenze professionali rischiando che atto medico ed atto sanitario vengano messi sullo...


Da sempre odontotecnici e odontoiatri di tutto il mondo si sono dibattuti per cercare il sistema per codificare e riprodurre la corretta dentatura umana secondo schemi ripetibili con un unico...


Su Wikipedia, alla voce “Artigiano Digitale”, si legge: “Un artigiano digitale (detto colloquialmente maker) è una persona che svolge attività di bricolage e, in generale, di fai-da-te...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente