HOME - Parodontologia
 
 
30 Marzo 2012

Il metodo UniFe per la valutazione del rischio parodontale

di R. Farina, L. Minenna, G. Franceschetti, M.E. Guarnelli, L. Trombelli


Obiettivi
La progressione della parodontite è estremamente variabile tra individui sia in termini di decorso spontaneo sia in corso di trattamento. Solo alcuni dei determinanti del rischio sono rilevanti per la formulazione della diagnosi parodontale. Lo scopo del presente lavoro è illustrare, con l'ausilio di due casi clinici paradigmatici, come l'applicazione di un metodo semplificato per la valutazione del rischio parodontale (UniFe), elaborato e proposto dal Centro di Ricerca per lo Studio delle Malattie Parodontali e Peri-Implantari dell'Università di Ferrara, possa consentire di discriminare diversità nel rischio parodontale in pazienti con sovrapponibile severità della parodontite.

Materiali e metodi
L'applicazione del metodo di valutazione del rischio UniFe è stata descritta nei suoi step operativi. Il livello di rischio parodontale in accordo al metodo UniFe è stato poi calcolato in due pazienti affetti da parodontite di grado severo.

Risultati
Nonostante la stessa severità della parodontite, i due pazienti sottoposti a valutazione prognostica hanno mostrato livelli di rischio diversi. Il metodo UniFe ha permesso di evidenziare come la prognosi più sfavorevole fosse determinata dall'esposizione a fattori di rischio ambientali (fumo) e da una maggiore prevalenza del sanguinamento gengivale.

Conclusioni
Dati preliminari sembrano indicare che, tra i metodi attualmente disponibili, UniFe rappresenti uno strumento semplice e affidabile per la valutazione del rischio parodontale. L'utilizzo del metodo UniFe consente di discriminare livelli di rischio diversi in pazienti che hanno la stessa severità della malattia.



Articoli correlati

La parodontite è una malattia infiammatoria cronica derivante da un’infezione opportunistica del biofilm di placca endogena. La parodontite colpisce oltre il 50% degli adulti...

di Giulia Palandrani


Dai dati analizzati emerge una predisposizione alle problematiche parodontali

di Lara Figini


Leonardo Trombelli insegna all’Università di Ferrara, dove è titolare della cattedra di parodontologia e implantologia; è inoltre direttore del Centro di ricerca e servizi per lo studio delle...


ObiettiviScopo del presente lavoro è individuare i fattori prognostici dell'eruzione dell'incisivo permanente incluso.Materiali e metodiMitchell e Bennet valutano la distanza del dente incluso...


OBIETTIVI. L’obiettivo di questa revisione non è certo quello di stabilire conclusioni definitive sul legame tra colpo di frusta e disturbi temporo-mandibolari (DTM), bensì di fornire una visione...


Altri Articoli

Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


L’On. Raffaele Nevi chiede al Governo di adoperarsi per posticipare la prima scadenza del DPCM dell’ASO per dare al Governo il tempo per approvare le modifiche


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni