HOME - Parodontologia
 
 
30 Marzo 2012

Ricerca di batteri implicati nella malattia parodontale mediante esame colturale e RT-PCR

di M. Gatti, M.S. Rini, F. Scandurra


Obiettivo
Confronto tra indagine colturale e metodica di reazione polimerasica a catena quantitativa (RT-PCR) del commercio per la rilevazione delle specie batteriche maggiormente implicate nella malattia parodontale.

Materiali e metodi
Lo studio ha valutato il profilo microbiologico di 64 pazienti con parodontite cronica: per ognuno sono stati eseguiti prelievi doppi di placca sottogengivale, in cinque siti per più di un elemento dentale mediante coni di carta sterili, e trasferiti in terreno di trasporto per l'esame colturale e senza terreno di trasporto per RT-PCR.

Risultati
L'esame colturale ha identificato, con la stessa percentuale di presenza della RT-PCR, P. intermedia (68,75%), F. nucleatum (87,5%) e T. forsythensis (50%), in percentuale inferiore P. gingivalis (56,2% vs 68,75%) e A. actinomycetemcomitans (6,25% vs 31,25%). T. denticola (87,5%) è stato ricercato solo con RT-PCR. Le resistenze riscontrate dalle specie isolate sono state in particolare quelle di P. intermedia (72,7%), P. gingivalis (77,7%) e T. forsythensis (37,5%) verso amoxicillina, con percentuali inferiori verso metronidazolo P. intermedia (40,9%), P. gingivalis (38,8%) e T. forsythensis (37,5%). Il 50% dei ceppi di F. nucleatum ha mostrato una resistenza nei confronti di clindamicina e il 44,4% dei ceppi di P. gingivalis ha mostrato resistenza nei confronti di ciprofloxacina.

Conclusioni
I dati ottenuti indicano che la RT-PCR è risultata più sensibile e specifica rispetto all'esame colturale; inoltre, si è dimostrata particolarmente utile per l'individuazione di specie patogene, implicate nelle parodontopatie, non coltivabili o non facilmente distinguibili in coltura, come T. denticola. D'altro canto, l'indagine colturale è l'unico sistema in grado di rilevare più specie batteriche contemporaneamente, evidenziare quelle inattese e soprattutto permettere la valutazione dell'antibiotico-resistenza, che la rendono ancora oggi il gold standard di riferimento per la diagnosi e il monitoraggio della malattia parodontale.



Articoli correlati

L’estetica sta diventando ogni giorno sempre più importante per i pazienti. In effetti, uno dei motivi principali per un consulto dentale è l’alterazione dell’aspetto del...

di Lorenzo Breschi


Approfondimento in occasione del terzo Simposio Internazionale sul trattamento dei tessuti molli parodontali e perimplantari a Firenze


I pazienti non sono regolari nelle visite parodontali e le cause potrebbero essere per difetti di comunicazione


I denti che vengono trattati con chirurgia parodontale ricostruttiva hanno una buona prognosi a lungo termine, anche nel caso di lesioni parodontali profonde intraossee....

di Lara Figini


La misurazione dell’osso alveolare residuo prima del trattamento parodontale è uno step fondamentale per avere informazioni sui tessuti duri, per stabilire la necessità e la...

di Lara Figini


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio