HOME - Parodontologia
 
 
07 Settembre 2012

Granulomatosi di Wegener: caso clinico e revisione della letteratura

di M. Biasotto, S. Chiandussi, F. Bullo, F. Costantinides, G. Tirelli


Obiettivi
La granulomatosi di Wegener (GW) è una rara vasculite di tipo sistemico, caratterizzata clinicamente da una triade patologica costituita da lesioni granulomatose necrotizzanti del tratto respiratorio, vasculite sistemica dei piccoli vasi arteriosi e venosi e glomerulonefrite necrotizzante. Viene riportato il caso di una paziente affetta da GW, il cui esordio clinico si è manifestato con un quadro di gengivite ulcerativa.

Materiali e metodi
Una paziente di 59 anni si è presentata presso il Reparto di Patologia e Medicina Orale della Clinica Odontoiatrica e Stomatologica dell'Università degli Studi di Trieste per la presenza di una gengivite ulcerativa e necrotizzante. L'obiettività clinica, gli approfondimenti sierologici e istologici hanno indirizzato verso un'iniziale diagnosi di granulomatosi oro-facciale. Durante le successive visite di controllo la paziente ha manifestato un'otite media sierosa bilaterale e una rinite acuta ulcero-necrotica, diagnosticata dall'otorinolaringoiatra. È stata prescritta una terapia steroidea sistemica (prednisolone 25 mg per 10 giorni), che ha favorito una parziale remissione della sintomatologia nasale e dell'orecchio e un notevole miglioramento delle lesioni orali.

Risultati
Considerando le manifestazioni cliniche e istologiche della patologia e i risultati degli esami ematochimici e strumentali (tomografia computerizzata maxillo-facciale, radiografia del torace), è stata formulata la diagnosi di GW.

Conclusioni
Le manifestazioni che coinvolgono le mucose orali, nasali e dell'orecchio possono rappresentare l'esordio della GW. Considerando che la sopravvivenza media dei pazienti non trattati è molto ridotta, l'odontoiatra e l'otorinolaringoiatra devono tenere sempre in considerazione questa condizione clinica, poiché una diagnosi precoce risulta di cruciale importanza per l'efficacia del trattamento.



Articoli correlati

Dalla Torre et al. hanno pubblicato su Clinical Oral Investigations uno studio che aveva lo scopo di rilevare una possibile associazione tra la qualità oggettivamente...

di Lucia Sardi


L’Helicobacter pylori (H. pylori) è un batterio a spirale gram-negativo che viene trasmesso per via oro-fecale, la cui temperatura ottimale varia da 36 a 42 °C e ha un pH...

di Lara Figini


La cheratocisti odontogena (OKC), anche conosciuta come tumore odontogeno cheratocistico, è localmente aggressiva e recidiva frequentemente, con la maggior parte delle recidive...

di Lara Figini


La sindrome della bocca che brucia (BMS) è una condizione idiopatica, cronica, caratterizzata da incessante bruciore orale o sensazione di bruciore, frequentemente accompagnata...

di Lara Figini


Altri Articoli

Per i prossimi quattro anni l’Associazione Italiana Odontoiatri è stata riconosciuta come provider di crediti ADA CERP per altri quattro anni, fino al 2023


1200 ortodontisti e assistenti dentali Invisalign provenienti da tutta Italia si sono trovati a Torino per discutere e analizzare le esperienze cliniche


Il parere di OPI, l’associazione Odontoiatria Privata Italiana, su ruolo del sindacato ma anche sul potere contrattuale dei collaboratori nelle Catene ed altro ancora


Può rappresentare una valida alternativa ai farmaci per favorire la collaborazione del paziente o sostituire in alcuni casi la sedazione. Le potenzialità dell’ipnosi nell’esperienza del...


Si è spento il direttore della clinica odontoiatrica dell’Università dell’Insubria e dell'Ospedale di Varese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi