HOME - Parodontologia
 
 
08 Ottobre 2012

Editoriale: Solo

di Giovanni Lodi


L'American Heart Association, in collaborazione con l'American Dental Association, ha licenziato un documento in cui si fa il punto sull'associazione tra malattia parodontale e malattia cardiovascolare, in particolare aterosclerotica (è disponibile nel sito della rivista Circulation: http://www.circ.ahajournals.org).
La notizia merita grande attenzione per più di un motivo.
Innanzitutto per l'argomento, oggetto di fortissimo interesse da parte della comunità scientifica, come dimostrano le circa 2.400 referenze reperibili in PubMed e la nascita di una sottospecialità: la perio-medicine. Poi per il rigore con cui gli autori hanno affrontato la letteratura disponibile, analizzandola in maniera esaustiva, fino a produrre una sintesi di tutto quello che è importante conoscere sull'argomento. Infine, per il prestigio delle due società scientifiche, considerate autorità assolute nei rispettivi campi.

Che cosa ci dice il documento?
Che il rapporto esiste, cioè che un soggetto con malattia parodontale ha un rischio maggiore di malattia cardiovascolare aterosclerotica.
Aggiunge, però, che questo rapporto non è di natura causale, ma si spiega verosimilmente con la presenza di fattori di rischio comuni a entrambe le patologie, più o meno noti.

Conclude affermando che la terapia parodontale non è in grado di prevenire malattie cardiache e ictus, né di modificare la storia clinica della malattia aterosclerotica.
L'anno scorso una revisione sistematica pubblicata dal British Medical Journal aveva dimostrato l'assenza di efficacia del trattamento parodontale nel prevenire complicanze della gravidanza.
Insomma, i trattamenti parodontali sono efficaci "solo" nel prevenire e curare le malattie dei tessuti di supporto del dente.
E guai se a qualcuno sembrasse poco.

Buona lettura.



Articoli correlati

I pazienti non sono regolari nelle visite parodontali e le cause potrebbero essere per difetti di comunicazione


Affrontare un dente strutturalmente compromesso è sempre stata una procedura impegnativa per i dentisti.I denti con carie profonda o con frattura della porzione coronale possono...

di Lorenzo Breschi


I denti che vengono trattati con chirurgia parodontale ricostruttiva hanno una buona prognosi a lungo termine, anche nel caso di lesioni parodontali profonde intraossee....

di Lara Figini


Nelle giornate del 24 e 25 maggio si svolgerà a L’Aquila – presso il palazzo dell’Emiciclo, sede istituzionale del Consiglio Regionale – un importante incontro culturale...


L’obiettivo finale del trattamento parodontale è quello di rimuovere la patologia e di ripristinare un parodonto sano. Tuttavia, di fronte a prognosi scarse con grave...

di Lara Figini


Altri Articoli

La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


Per l’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina di Roma sono 9700 nuovi casi in un anno in Italia. Attivata campagna di prevenzione con visite gratuite


Intelligenza artificiali, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale. Anche la prevenzione dei danni da fumo trova nuove...


Il punteggio medio nazionale registrato tra gli idonei è di 35,23. Ecco le previsioni dei punteggi minimi necessari per entrare senza aspettare i "ripescaggi" a medicina ed odontoiatria 


I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi