HOME - Parodontologia
 
 
01 Aprile 2013

Il cuneo distale retromolare: tecniche chirurgiche a confronto

di L. Checchi, M. Montevecchi, P. Felice, V. Checchi


Obiettivi. L'approccio chirurgico alla zona retromolare può essere attuato con diverse tecniche. Scopo del lavoro è analizzare quanto proposto in letteratura per il trattamento di tale specifica area al fine di discuterne il razionale e le conseguenti indicazioni cliniche.
Materiali e metodi. La chirurgia ossea è una tecnica estremamente raffinata nella quale sono richieste al clinico scrupolose analisi d'insieme che, a loro volta, vanno rapportate alle specifiche peculiarità delle aree anatomiche interessate. Chiaro esempio di ciò è il trattamento delle tasche parodontali a carico della superficie distale dell'ultimo molare. Un approccio con chirurgia a lembo può essere raccomandabile in quanto, grazie alla chiusura primaria dei lembi, risulta meno traumatico nel postoperatorio, garantendo nel contempo accesso ogni qualvolta sia prevista una correzione della morfologia ossea.
Risultati e conclusioni. Le caratteristiche anatomiche dell'area retromolare, con gli specifici vincoli sia al disegno incisionale sia al corretto adagiamento finale, hanno portato allo sviluppo di molteplici tecnicismi che dipendono dallo spazio esistente, dalla profondità di tasca, dalla presenza e tipologia del difetto osseo, dalla presenza/assenza del terzo molare e dal tipo di tessuto molle presente (più o meno cheratinizzato). La combinazione di questi parametri richiederà una scelta clinica finalizzata all'eliminazione della tasca parodontale.



Articoli correlati

L’utilizzo di una matrice di collagene xenogenica come alternativa all’innesto gengivale libero tradizionale nel trattamento e nella prevenzione delle recessioni gengivali in...

di Lara Figini


Una dieta malsana con elevata assunzione giornaliera di zuccheri liberi e aggiunti aumenta il rischio di obesità ed è un importante fattore di rischio metabolico per le...

di Lara Figini


Parametri parodontali e biomarker nella progressione della parodontite nei fumatori, le anticipazioni di uno studio longitudinale

di Lara Figini


La malattia parodontale è una malattia infiammatoria e se non trattata può portare alla perdita dei denti, compromettendo la funzione masticatoria ed estetica. La malattia...

di Lara Figini


È opinione comune che al giorno d’oggi le malattie più diffuse e importanti del cavo orale (gengiviti e parodontiti, carie dentale e cancro orale) siano prevenibili. Se...

di Edoardo Mancuso


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Luca è un dentista titolare di un piccolo studio di provincia, Anna (entrambi i nomi sono di fantasia) è la sua assistente: in studio sono solo loro due. Dal 15 ottobre prossimo, per via di...

di Norberto Maccagno


Venerdì 1 ottobre ad Asti al Dental Forum odontoiatri ed odontotecnici potranno esercitarsi con stanner e sotware giudati dagli esperti del team Grow Up


Sono stati gli agenti della polizia di Stato a denunciare un uomo di 53 anni per esercizio abusivo della professione medica. Secondo la stampa locale gli agenti del Commissariato di Secondigliano e...


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio