HOME - Parodontologia
 
 
01 Aprile 2013

Il cuneo distale retromolare: tecniche chirurgiche a confronto

di L. Checchi, M. Montevecchi, P. Felice, V. Checchi


Obiettivi. L'approccio chirurgico alla zona retromolare può essere attuato con diverse tecniche. Scopo del lavoro è analizzare quanto proposto in letteratura per il trattamento di tale specifica area al fine di discuterne il razionale e le conseguenti indicazioni cliniche.
Materiali e metodi. La chirurgia ossea è una tecnica estremamente raffinata nella quale sono richieste al clinico scrupolose analisi d'insieme che, a loro volta, vanno rapportate alle specifiche peculiarità delle aree anatomiche interessate. Chiaro esempio di ciò è il trattamento delle tasche parodontali a carico della superficie distale dell'ultimo molare. Un approccio con chirurgia a lembo può essere raccomandabile in quanto, grazie alla chiusura primaria dei lembi, risulta meno traumatico nel postoperatorio, garantendo nel contempo accesso ogni qualvolta sia prevista una correzione della morfologia ossea.
Risultati e conclusioni. Le caratteristiche anatomiche dell'area retromolare, con gli specifici vincoli sia al disegno incisionale sia al corretto adagiamento finale, hanno portato allo sviluppo di molteplici tecnicismi che dipendono dallo spazio esistente, dalla profondità di tasca, dalla presenza e tipologia del difetto osseo, dalla presenza/assenza del terzo molare e dal tipo di tessuto molle presente (più o meno cheratinizzato). La combinazione di questi parametri richiederà una scelta clinica finalizzata all'eliminazione della tasca parodontale.



Articoli correlati

La malattia parodontale è una malattia infiammatoria e se non trattata può portare alla perdita dei denti, compromettendo la funzione masticatoria ed estetica. La malattia...

di Lara Figini


È opinione comune che al giorno d’oggi le malattie più diffuse e importanti del cavo orale (gengiviti e parodontiti, carie dentale e cancro orale) siano prevenibili. Se...

di Edoardo Mancuso


I denti, allo stato attuale, vengono per lo più estratti a causa di patologie croniche dei loro tessuti di supporto, come la parodontite da sola o in combinazione con una...

di Lara Figini


L’iperplasia gengivale (GH) è un ispessimento benigno della gengiva caratterizzato dall’aumento di dimensioni e di volume della stessa. Le cause di GH variano e...

di Lara Figini


La parodontite è una malattia infiammatoria cronica causata da un biofilm disbiotico in ospiti geneticamente predisposti. Risulta essere la sesta malattia più frequente al...

di Lara Figini


Altri Articoli

La notizia della settimana è certamente quella “dell’Italia che riapre”, come hanno titolato molti quotidiani. In realtà, come oramai tradizione in questo anno abbondante...

di Norberto Maccagno


Oltre il 59% della popolazione spagnola tra i 35 e i 44 anni necessita di un qualche tipo di protesi dentale


Come verificare se le certificazioni dei Dispositivi medici sono corrette, quali le responsabilità se non lo fossero ed in caso di “incedente” come ci si deve comportare? I consigli...


Firmato il protocollo di intesa tra Governo, Regioni e Province Autonome e FNO TRSM PSTRP per la somministrazione dei vaccini da parte di tutti i professionisti sanitari, compresi gli igienisti...


Iandolo (Cao): “Abbiamo di fronte quattro anni di lavoro a tutela della salute. Prima sfida, le vaccinazioni: adesione massiva ed entusiasta degli Odontoiatri”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente