HOME - Parodontologia
 
 
01 Aprile 2013

Lesioni cervicali non cariose e restauri di V Classe: ripercussioni sulle condizioni parodontali

di D.D. Nucera, G. Pantaleo, G. Santoro, A. Calderini


Obiettivi. Valutare la prevalenza di lesioni cervicali non cariose (Non-Carious Cervical Lesions, NCCL) in un campione della popolazione correlando la presenza alle abitudini di igiene orale, all'alimentazione, a eventuali patologie sistemiche e/o locali e stabilire se i restauri conservativi di V Classe abbiano ripercussioni sulle condizioni parodontali dei denti in oggetto.
Materiali e metodi. Arruolamento, secondo specifici criteri di inclusione ed esclusione, di 10 pazienti di età compresa tra 36 e 56 anni con lesioni cervicali. I denti affetti da NCCL sono stati inizialmente indagati in rapporto agli indici parodontali (profondità di tasca o Periodontal Probing Depth, PPD; indice di sanguinamento o Bleeding On Probing, BOP; indice di placca o Plaque Index, PI; Sensibilità dentaria). I denti sono stati successivamente suddivisi per randomizzazione in un gruppo test e un gruppo controllo (disegno split-mouth). I denti del gruppo test sono stati sottoposti a restauri cervicali con resina composita. Nessun trattamento è stato effettuato in quelli del gruppo controllo. Dopo 6 mesi gli indici parodontali sono stati nuovamente verificati. I risultati ottenuti sono stati sottoposti ad analisi statistica.
Risultati. Le NCCL sono risultate prevalentemente associate a tecniche errate di igiene orale domiciliare e in misura minore anche alla presenza di parafunzioni.
Sei mesi dopo il trattamento conservativo delle lesioni, al test t di Student per campioni appaiati: (a) la PPD è diminuita significativamente, come da ipotesi, nel gruppo test (p minore/uguale 0,001) ma non in quello di controllo dove, in assenza di trattamento, si è manifestato un peggioramento (p minore/uguale 0,009); (b) il BOP è diminuito significativamente, come da ipotesi, nel gruppo test (p minore 0,001) ed è aumentato in quello di controllo (test di Wilcoxon: Z = -2,03; p minore 0,043); inoltre, anche la differenza nel BOP fra gruppo test e di controllo, sempre attestata a distanza di 6 mesi dal trattamento, è risultata, come da ipotesi, statisticamente significativa (p minore/uguale 0,006). Inaspettatamente(c) il PI è diminuito significativamente sia nel gruppo test (p minore/uguale 0,012) sia in quello di controllo (p minore/uguale 0,017). Infine, sempre come da ipotesi, (d) a distanza di 6 mesi dal trattamento si sono osservati sia un miglioramento della Sensibilità dentaria nel lato test (test di Wilcoxon: Z = -2,42; p minore/uguale 0,016) sia un miglioramento del lato test rispetto al lato controllo (Wilcoxon: Z = -2,59; p minore/uguale 0,001).
Conclusioni. In base ai risultati ottenuti in questo studio preliminare (un trial clinico randomizzato a ridotta campionatura), il restauro conservativo di denti affetti da NCCL sembrerebbe migliorare la salute parodontale dei denti stessi, soprattutto per quanto riguarda il sanguinamento al sondaggio. Ulteriori trial clinici controllati randomizzati sono necessari per comprovare i risultati preliminari riportati.



Articoli correlati

Le lesioni cervicali non cariose spesso dopo il restauro con resine composite vanno incontro a fallimento, a causa di: mancata preparazione della cavità, uso di adesivi...

di Simona Chirico


Le lesioni cervicali non cariose spesso dopo il restauro con resine composite vanno incontro a fallimento, a causa di: mancata preparazione della cavità, uso di adesivi...

di Simona Chirico


Le lesioni cervicali non-cariose (NCCLS) sono definite come la perdita di tessuto dentale duro a livello della giunzione amelo-cementizia. L'eziologia delle NCCLS è considerata...


Le innovative Matrici Slick Bands™ per rilocazione coronale del margine, prodotte da Garrison, si adattano ai margini cervicali profondi assicurandone la corretta sigillatura ai fini della...


Con il composito fluido a nanoriempitivi Tetric EvoFlow, Ivoclar Vivadent presenta la versione evoluta di Tetric Flow. Le modifiche più significative riguardano la radiopacità, che è stata...


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Dai dati Ebipro, durante il lockdown tra tutti gli studi professionali sono stati i dentisti quelli che hanno presentato più domande. Ora ad essere in crisi sono altre professioni 


L’Ateneo palermitano ha realizzato una serie di strumenti e materiale informativo per dare risposte chiare e semplici ai quanti chiedono informazioni 


Con il nuovo stand espositivo virtuale, VOCO offre l’opportunità di informarsi rapidamente e in modo completo su prodotti, offerte e opzioni per il flusso di lavoro digitale ...


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio