HOME - Patologia Orale
 
 
22 Febbraio 2016

Interazione fra amalgama e altri metalli presenti nel cavo orale: caso clinico

di Juan Manuel Gone Benites, Matteo BASSO


Nonostante l'uso dell'amalgama si sia notevolmente ridotto negli anni grazie all'avvento dei materiali compositi e polimerici, è ancora possibile osservare ricostruzioni di questo tipo che possono determinare a livello della cavità orale diversi effetti collaterali. Per esempio in presenza di altri metalli o leghe, come le leghe auree delle corone protesiche o l'acciaio di perni prefabbricati o dispositivi ortodontici, possono insorgere fenomeni di bimetallismo o galvanismo, con la generazione di potenziali elettrici favoriti dalla saliva che funge da mezzo di conduzione.

Il lavoro di Juan Manuel Gone Benites e Matteo Basso dell'Università degli Studi di Milano (Dental Cadmos 10/2014) dal titolo "Interazione fra amalgama e altri metalli presenti nel cavo orale"descrive un caso di lesioni mucose croniche provocate da questo particolare fenomeno.

Caso clinico

Una paziente di 48 anni lamenta una sensazione di sapore metallico in bocca e bruciore spontaneo nelle zone laterali della lingua, che si intensifica dopo l'igiene orale e l'assunzione di cibi acidi.

All'esame clinico si evidenziano lesioni eritematose dolenti alla palpazione sui lati della lingua e altre non dolenti nella parte posteriore delle guance (figg. 1-4); all'esame degli elementi dentari si osserva la presenza di due corone di metallo in sede 3.6, 3.7 (fig. 5) e nove otturazioni in amalgama distribuite sia nell'arcata superiore che in quella inferiore, quattro delle quali presentano fenomeni erosivi, danni o infiltrazione marginale.

  • Fig. 1 Lesione eritematosa nel lato destro della lingua, nelle vicinanze si osservano otturazioni in amalgama

  • Fig. 2. Lesione eritematosa nel lato sinistro della lingua

  • Fig. 3. Lesione eritematosa nella guancia di sinistra, vicino a delle corone in metallo

  • Fig. 4. Lesione eritematosa nella guancia di destra, vicino ad otturazioni in amalgama

  • Fig. 5. Presenza di due corone in metallo vicino a due otturazioni in amalgama


Le otturazioni in amalgama sono state fatte circa dieci anni prima e l'ultima visita odontoiatrica risale a quattro mesi fa in occasione della realizzazione delle due corone in metallo. Da questi dati si può pensare che il fattore scatenante del bruciore della lingua e del sapore metallico sia la presenza di più di un tipo di metallo nel cavo orale che provocherebbe differenze di potenziali elettrici (effetto pila), la presenza di corrente elettrica costante può rappresentare infatti una possibile causa di disturbi della mucosa.

Le otturazioni in amalgama sono state sostituite con materiale composito e nel corso della terapia si è osservato un miglioramento progressivo dei sintomi fino alla loro scomparsa e una gurigione completa delle lesioni mucose.

Gli Autori raccomandano un'attenta valutazione della situazione dei restauri conservativi presenti nel cavo orale, specie se di tipo metallico, e soprattutto in caso di riabilitazioni protesiche che prevedano l'utilizzo di leghe auree o di recenti materiali CAD-CAM (titanio e cromo-cobalto).

In caso di diagnosi di lesioni mucose localizzabili in aree topograficamente prossime a restauri in amalgama, la rimozione di questi ultimi dovrebbe rappresentare sempre un trattamento di prima scelta, sempre che non esistano chiare indicazioni per esami più approfonditi (biopsia).

Sintesi a cura di: Anna Maria Melica, Consulente Scientifico Dental Cadmos

Articoli correlati

Chi deve istallarlo, quali le soluzioni da adottare e le limitazioni tecniche. Maurizio Quaranta ci aiuta a capire 


I dubbi e le considerazioni di Maurizio Quaranta: Stabilite le sanzioni ora partiranno i controlli? I verificatori saranno in grado di verificare la presenza del separatore di amalgama? E come?


Via libera dal Consiglio dei Ministri alla disciplina sanzionatoria: fino a 100 mila euro per l’odontoiatra che non rispetta il regolamento sull’utilizzo del mercurio


Per il prof. Mangani l’amalgama non ha più senso di essere utilizzata perché esistono validissime alternative. Ecco quali e perchè


La pigmentazione grigio-bluastra del tessuto gengivale, definita tatuaggio da metallo o amalgama, è stata riscontrata nel 3,3% degli adulti negli Stati Uniti ed è causata dalla...

di Lara Figini


Altri Articoli

Rispetto a quello presentato dalla Senatrice Boldrini non compare più l’articolo che consentiva all’odontotecnico prove di verifiche di congruità in studio su richiesta e sotto la...


Il presidente CAO di La Spezia propone ai presidenti di Ordine una riflessione interna sul ruolo della ricerca scientifica ed il diritto di curare ogni paziente che vada oltre all’emergenza...


Le Regioni pressano il Governo per modificare la scadenza sul Green pass e semplificare le procedure per le quarantene


Un convegno online del SIOF ha fato il punto per dare indicazioni su come deve comportarsi l’odontoiatra. La sintesi dell’intervento del Dirigente INAIL


Alberto Pellegatta

Un appuntamento – previsto a Bologna dal 24 al 26 febbraio – dall’altissimo valore simbolico che sarà l’occasione per esaminare e discutere i cambiamenti in ambito...

di Lorena Origo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi