HOME - Patologia Orale
 
 
11 Maggio 2016

Associazione tra Sindrome della bocca che brucia, ansia e depressione

di Lara Figini


La sindrome della bocca che brucia (BMS) è una condizione cronica in cui i pazienti lamentano bruciore, prurito a livello della cavità orale in assenza di una causa organica.

Il dolore riportato dai pazienti può essere un profondo bruciore o formicolio o sensazione di scottatura, bilaterale, della durata di almeno 4-6 mesi, continuo durante il giorno, che non
peggiora mangiando o bevendo e che non influisce sul sonno. A queste caratteristiche cliniche, determinanti per effettuare diagnosi di BMS, se ne associano altre, comunemente presenti ma
non essenziali per la diagnosi, come:

- Disgeusia (Distorsione nel gusto)

- xerostomia (secchezza delle fauci),

- alterazioni sensoriali o chemosensoriali,

- cambiamenti di umore o alterazioni psicopatologiche

E' stata classificata come 'primaria' o idiopatica quando nessuna causa organica è riscontrata e 'secondaria' quando è la conseguenza di malattie sistemiche, locali o metaboliche.

Studi recenti hanno suggerito che l'ansia e la depressione sono frequenti co-morbidità nella BMS, ma sono associate anche con i sintomi specifici di BMS?

In un'analisi esplorativa, di uno studio pubblicato su ACTA ODONTOLOGICA SCANDINAVICA di maggio 2016 è stata indagata l'associazione tra ansia generalizzata e depressione con appunto i singoli sintomi di BMS e ve ne è stata trovata correlazione.

Quarantuno pazienti sono stati reclutati dagli autori in due gruppi (30 con BMS e 11 con altre patologie orali), I due gruppi non differivano in modo significativo nella percentuale di femmine (90% contro 82%), né in età, né in fumatori (2 vs 1) o in presenza di protesi dentali (3 vs 2). I partecipanti con BMS assumevano maggiormente farmaci sia psicotropi (9 vs 0) che farmaci non psicotropi (21 vs 11), ma la differenza non era statisticamente significativa.
I pazienti in terapia con psicofarmaci assumevano antidepressivi triciclici (nortriptyline n=3, amitriptilina, n =1), SSRI (citalopram n =1), benzodiazepine diazepam e temazepam in combinazione (n =1), zopiclone (n =1), gabapentin (n =1), flupentixol (n=1) e triptofano (n=1).

Gli autori hanno valutato i sintomi specifici di BMS e la loro intensità. L'ansia e la depressione sono state valutate utilizzando una misura standardizzata (Clinical Interview Schedule-Revised).

Dai risultati ottenuti in questo studio si è constatato che l'alterazione del gusto, il sapore metallico e la sensazione di avere un film sulle gengive erano associati a sintomi psichiatrici. Più in particolare, il sapore metallico e la sensazione di film sulle gengive sono risultati associati in modo significativo più alto con i sintomi depressivi; l'alterazione del gusto, alito cattivo e la paura di malattie gravi sono stati associati invece maggiormente con l' ansia.

I dentisti dovrebbero essere consapevoli dell'associazione di alcuni sintomi di BMS con ansia e depressione dei loro pazienti e, se necessario, prendere in considerazione la consultazione medica con colleghi psichiatri nel trattamento dei pazienti affetti da BSM.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoaitria33

Bibliografia:

Acta Odontol Scand. 2016;74(2):155-60. Individual oral symptoms in burning mouth syndrome may be associated differentially with depression and anxiety. Davies SJ, Underhill HC, Abdel-Karim A, Christmas DM, Bolea-Alamanac BM, Potokar J, Herrod J, Prime SS.

Articoli correlati

Intervista con il prof. Paolo Tonelli sui vantaggi e le implicazioni odontoiatriche di una pratica clinica che non deve essere considerata alternativa all’anestesia


L’efficacia della musicoterapia

di Lara Figini


Uno degli inconvenienti che spesso affligge operatore e paziente durante le procedure odontoiatriche è l' induzione del dolore causato dall'iniezione in fase di anestesia. In particolare, i...


Chi non ha mai provato un po' di ansia appena prima dell'appuntamento con il dentista? Ma se una lieve agitazione è normale, anzi molto comune, per alcune persone entrare in uno studio...


Certamente tra le cause che tengono lontano i pazienti dalle cure odontoiatriche c'è anche la paura del dentista: l'odontofobia. Poi ci sono i pazienti che dal dentista ci vanno, nonostante la...


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio