HOME - Patologia Orale
 
 
20 Febbraio 2017

Trattamento della xerostomia con un nuovo collutorio a base di polisaccaridi: i risultati di uno studio pilota statunitense

di Lara Figini


Tra le maggiori disfunzioni delle ghiandole salivari troviamo la xerostomia, frequentemente associata a una vasta gamma di problematiche orali e dentali che possono anche influire sulla qualità della vita e sullo stato nutrizionale del paziente.

Tra i rischi più frequenti legati alla xerostomia si annoverano:

  • demineralizzazione dei denti;
  • carie;
  • ipersensibilità dentale;
  • infezioni delle mucose;
  • traumi delle mucose;
  • la riduzione del gusto;
  • disfagia;
  • disfonia;
  • difficoltà da parte del paziente a portare apparecchiature dentali rimovibili ed altro.

Tutte queste complicazioni derivanti dalla xerostomia hanno un impatto negativo sulla salute del paziente.

Il trattamento della xerostomia sintomatica, o secchezza delle fauci, varia dall' utilizzo da parte del paziente di agenti topici, quali collutori o spray, ad approcci medici e chirurgici.

In letteratura sono presenti dati limitati sull'utilizzo di agenti topici volti ad aumentare l'umidità e la

lubrificazione della mucosa orale. Uno studio pilota pubblicato su Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol di gennaio 2017 indaga gli effetti nel trattamento della xerostomia di un collutorio innovativo, il Moisyn (Synedgen Inc., Claremont, CA), composto da sorbitolo, glicerolo, un conservante e umettante (betaina), e un sistema polisaccaride derivato dal chitosano brevettato e che da prove di laboratorio non ha mostrato tossicità cellulare orale, quindi considerato non citotossico, mucoadesivo , non irritante, e non sensibilizzante.

In questo studio pilota sono stati selezionati 57 pazienti affetti da xerostomia. I pazienti hanno riportato i loro sintomi orali e sistemici, prima e dopo l'uso per 1settimana di Moisyn in risciacquo e spray.

Gli autori hanno valutato inoltre la produzione di saliva a riposo e stimolata in seguito alla masticazione.


I risultati ottenuti nello studio sono stati i seguenti: la maggior parte dei pazienti ha riportato sollievo dai sintomi di secchezza orale e miglioramenti circa la consistenza della saliva (81,7% e 76,0%, rispettivamente) già da 30 minuti dopo l'uso del prodotto, dolore alle mucose orali diminuito e miglioramento del gusto. La salivazione non stimolata a riposo si è rivelata migliorata del 100%, e quella stimolata migliorata del 23,8%.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33


Per approfondire:

Management of dry mouth: assessment of oral symptoms after use of a polysaccharide-based oral rinse. Joel B. Epstein, Dana C. Villines, MA,Mabi Singh, e Athena Papas. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol gennaio 2017;123:76-83

Articoli correlati

La malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) sta diventando sempre più frequente e comporta versamento cronico di contenuto gastrico nell'esofago che può arrivare anche fino alla...


Le fratture mandibolari più frequenti sono localizzate a livello del condilo mandibolare e del corpuse possono verificarsi singolarmente o in combinazione tra di loro. La percentuale invece di...


Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Sono 2 i due collutori Biorepair® che sono stati eletti “Prodotto dell’Anno 2019” nell’ambito della quattordicesima edizione del Premio, riconoscimento che viene...


Altri Articoli

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


Istituto indica i DPI che gli operatori devono indossare a seconda delle mansioni, comprese quelle che prevedono una esposizione all’aerosol a meno di un metro


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP