HOME - Patologia Orale
 
 
28 Aprile 2017

La perdita dei denti è un fattore di rischio per la demenza e la malattia di Alzheimer. I risultati di uno studio giapponese

di Davis Cussotto


Maggiore è il numero dei denti mancanti nell'adulto, maggiore è il rischio di ammalarsi di queste patologie.
A dimostrarlo è uno studio prospettico di 5 anni su 1.500 anziani condotto da Kenji Takeuchi, DDS, PhD, della Kyushu University in Giappone, pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society l'8 marzo 2017.

Sono 50 milioni le persone affette da demenza sul Pianeta e l'Organizzazione Mondiale della Salute calcola che triplicheranno entro il 2050.
Molte sono le ipotesi ma le cause della malattia non sono ancora esattamente conosciute.
Sull' onda di precedenti lavori, gli autori dello studio hanno voluto indagare, l'associazione tra la perdita dei denti e la demenza.

Lo studio è iniziato nel 2007 nel distretto Giapponese di Fukouka, dove sono stati reclutati 1.500 cittadini over 60 a cui è stato registrato il numero di elementi dentali residui.
I soggetti sono stati seguiti nel tempo dal sistema sanitario locale e in circa 350 di questi sono comparsi dei sintomi neurorologici di demenza, malattia di Alzheimer o demenza vascolare.
I soggetti con meno denti erano significativamente più soggetti a queste tre gravi patologie neurologiche.

4 le possibili ragioni secondo Takeuchi per spiegare l'aumentato rischio di demenza:

1) la ridotta masticazione e l'alterata occlusione riducono il flusso ematico cerebrale

2) la difficoltà masticatoria impoverisce la dieta

3) lo stato di infiammazione cronica che causa la perdita dei denti può portare alla demenza

4) la scarsa salute orale è lo specchio di una scarsa salute sistemica che può favorire la malattia.

I risultati mettono in evidenza l'importanza di promuovere la cura e il mantenimento della salute orale sin dalla tenera età per scongiurare questa grave malattia.

Davis Cussotto

Per approfondire:

Tooth Loss and Risk of Dementia in the Community: the Hisayama Study

Articoli correlati

A Gavirate, sul lago di Varese, ha avuto luogo dal 1 al 3 Settembre l'Alzheimer fest, un evento dedicato ai malati di Alzheimer e altre forme di demenza, e a tutte le figure coinvolte nei percorsi di...


E' partito da qualche giorno il nuovo progetto "assistenza odontoiatrica per malati di Alzheimer", avviato grazie all'Associazione Alzheimer Milano in collaborazione con l'Ospedale Luigi Sacco, con...


Si celebra domani giovedì 21 settembre la XXII giornata mondiale dell'Alzheimer una malattia di cui ancora poco si è capito, senza cure se non farmaci che rallentano il suo avanzare,...


I meccanismi patogenetici implicati nella malattia di Alzheimer non sono ancora noti, ma ci sono buoni motivi per sostenere che l’infiammazione a livello del sistema nervoso centrale gioca un ruolo...


La malattia di Alzheimer, una forma di demenza progressiva scoperta all’inizio del secolo scorso dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, è sempre più diffusa a livello mondiale. Se pensiamo alla...


Altri Articoli

Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


Al MidWinter di Chicago l’odontoaitria mondiale ha toccato con mano le novità del settore. Presente anche EDRA con la linea libri in inglese

di Davis Cussotto


Il coronavirus cambia qualcosa nell’atteggiamento da adottare da odontoiatra e personale dello studio? Il parere del consulente sulle procedure organizzative dello studio odontoiatrico


ANDI ricorda quanto previsto dalla 81/08 e consiglia 10 disposizioni da adottare. Il lavoratore obbligato ad informare se si manifestano i sintomi


Rimandati i congressi IAO, SIDP, il test del San Raffaele a medicina ed odontoiatria ed il Congresso in occasione dei 30 anni della Scuola di specializzazione in Ortognatodonzia di Roma 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni