HOME - Patologia Orale
 
 
30 Settembre 2007

Più attenzione all'ispezione del cavo orale

di Renato Torlaschi


Quanto sono preparati odontoiatri e medici a riconoscere i primi sintomi del tumore del cavo orale?
La sensazione che ci sia una certa sottovalutazione del problema è confermata da un recente studio condotto in Gran Bretagna e pubblicato nel numero di settembre del "British Dental Journal".
Il cancro alla bocca, alla laringe e alla faringe colpisce 250.000 persone ogni anno nel mondo. La sopravvivenza non è molto elevata, ben inferiore alla metà dei pazienti, e anche in questo caso è strettamente correlata alla precocità della diagnosi. Purtroppo, spesso, la prima sintomatologia non è né specifica, né particolarmente evidente e lo stesso paziente è portato a trascurarla. I casi sono in aumento, particolarmente tra le donne e i pazienti più giovani, una fascia che finora sembrava poco esposta. Risulta così essenziale che anche odontoiatri e medici siano sensibilizzati a introdurre sistematicamente nelle loro diagnosi un'ispezione accurata con l'obiettivo di rilevare la possibile presenza di questo tipo di tumore.
La ricerca diffusa dalla rivista odontoiatrica britannica è stata condotta da Graham Ogden, professore di chirurgia orale e maxillo-facciale presso il Dundee Dental Hospital and School, in Scozia, in collaborazione con lo studente Lachlan Carter

I dati sono stati raccolti tramite un questionario proposto a tutti i medici di base e odontoiatri che praticano nella regione scozzese del Tayside, per un totale di quasi 500 professionisti.
Risposte sono state fornite dal 71 per cento dei medici e dall'84 per cento degli odontoiatri. I questionari erano costituiti da una decina di domande che avevano l'obiettivo di verificare le abitudini diagnostiche per le mucose orali, le conoscenze dei fattori di rischio e delle modalità con cui si manifestano i sintomi della malattia e in generale le opinioni rispetto alla prevenzione e alla disponibilità di informazioni in materia.
Com'era ovvio attendersi, i questionari mostrano che la quasi totalità degli odontoiatri (95 per cento) verifica abitualmente lo stato delle mucose del cavo orale dei pazienti, mentre tra i medici di base questa pecentuale scende al 20 per cento: poco, tuttavia il dato è superiore a quanto si registra negli studi dei medici di base italiani.
Quando i professionisti, siano essi medici generici oppure odontoiatri, si cimentano in un'indagine diagnostica tendono a concentrare la loro attenzione più su certi sintomi che su altri: è piuttosto inquietante che solo il 5 per cento dei medici interpellati riconosca nell'eritroplachia una manifestazione iniziale dei carcinomi orali e un elemento significativo nella diagnosi.
Anche la conoscenza dei fattori di rischio ha evidenziato qualche lacuna. La pericolosità del fumo ormai è ben nota e quasi tutti imedici e gli odontoiatri scozzesi lo hanno identificato come causa importante di tutte le neoplasie del cavo orale, ma già il secondo fattore più importante, l'alcool, è stato riconosciuto da meno della metà dei medici generalisti contro l'87 per cento dei dentisti.

I professionistio del Tayside chiedono di essere informati e formati. Ritengono che il curriculum di studi universitari dovrebbe ampliare le conoscenze fornite in merito ed enfatizzarne l'importanza; suggeriscono inoltre che venga fornita una formazione post-laurea ai medici di base e che vengano dffuse linee guida precise che prevedano l'inclusione dell'esame della mucosa orale nel normale iter diagnostico.
La ricerca degli studiosi scozzesi ha il merito di supportare con cifre e percentuali una situazione che si intuisce molto generalizzata e diffusa dentro e fuori dei confini del Regno Unito. Intuizione tuttavia trascurata, con la grave conseguenza che all'aumento dell'incidenza del carcinoma orale in molte parti del mondo non corrisponde un'adeguata attenzione alla prevenzione e alla dignosi precoce che ne costituirebbero le contromisure più efficaci.

GdO 2007; 13

Articoli correlati

Un studio pubblicato sul Journal of Periodontology di settembre 2020, ha valutato la sopravvivenza di impianti dentali in pazienti fumatori (CS) e pazienti non fumatori (NS) con diabete...

di Lara Figini


“La presenza di placca in un sito implantare determina un rischio aumentato di circa 14,3 volte di insorgenza e progressione di una perimplantite”, ad evidenziarlo è il vice presidente...


È ormai assodato che il fumo ha effetti deleteri sia sulla salute sistemica che orale. Rappresenta uno dei fattori di rischio certi per la parodontite sia nei fumatori attivi...

di Lara Figini


Gli italiani continuano ad amare le “bionde”, intese come sigarette. Secondo i dati anticipati dall’Istituto Superiore di Sanità, in occasione della Giornata Mondiale Senza...


Altri Articoli

Con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate viene posticipata la scadenza dell’invio dei dati per fatture emesse, e rimborsate, nel 2020


Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


Intanto il ritardo delle consegne delle nuove dosi sta rallentando la somministrazione anche nelle Regioni che avevano inserito gli odontoiatri tra i prioritari


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale