HOME - Patologia Orale
 
 
28 Marzo 2018

Manifestazioni orali dell’iperparatiroidismo

di Lara Figini


L’iperparatiroidismo è caratterizzato da un’eccessiva presenza di ormone paratiroideo (paratormone-PTH) nel sangue. Il PTH viene prodotto dalle paratiroidi, quattro piccole ghiandole collocate posteriormente alla tiroide e regola i livelli di calcio nei tessuti e nel sangue; quando una o più paratiroidi lo producono in modo incontrollato, ne consegue un aumento dei livelli di calcio nel sangue (ipercalcemia). L’iperparatiroidismo può essere:

● primario (PHPT), caratterizzato da un’eccessiva secrezione di ormone paratiroideo (PTH) per iperfunzione da parte di una o più ghiandole paratiroidee dovuta generalmente alla presenza di un singolo adenoma delle paratiroidi (85% dei casi) o multiplo (4%);

● secondario, in cui vi è una condizione di secrezione di paratormone da parte delle paratiroidi appropriata, ma caratterizzata da una resistenza periferica all’azione del paratormone stesso che comporta una condizione di ipocalcemia e una conseguente iperplasia reattiva delle ghiandole. Tra le cause sono annoverate l’insufficienza renale cronica, la carenza di vitamina D, la sindrome da malassorbimento, terapia cronica con litio;

● terziario, che può essere osservato in pazienti con iperparatiroidismo secondario cronico di lunga data.

Quest’ultima condizione può portare a un’iperplasia secondaria delle paratiroidi con perdita della capacità di regolazione basata sulla calcemia e sull’autonomizzazione. Si ritrova classicamente in pazienti con insufficienza renale cronica.  

Il solo PHPT è il terzo disturbo endocrino più comune dopo il diabete mellito e la malattia della tiroide. Appartiene all’HPT secondario, la malattia renale cronica (CKD) la cui prevalenza mondiale è stata recentemente stimata tra l’8 e il 16%.

Gli effetti di livelli elevati di PTH sulla cavità orale sono stati studiati, discussi e descritti per molti anni, eppure ancora oggi si riscontra una mancanza di comprensione pertinente alle cause e agli effetti dell’iperparatiroidismo primario (P), secondario (S) e terziario (T).

In una recente revisione pubblicata su Clinical Oral Investigation di gennaio 2018 si è cercato di stimare e quantificare l’insorgenza delle manifestazioni orali, con le rispettive differenze tra iperparatiroidismo primario, secondario e terziario. Gli autori hanno eseguito una ricerca bibliografica mondiale mediante i maggiori database (Embase, PubMed ecc.) seguendo le linee guida PRISMA. 225 articoli sono stati inclusi nella revisione comprendente 245 pazienti, di cui sono stati estratti i dati. L’età media è risultata essere di 34.02 (fascia d’età da 1 a 83 anni), di cui 91 pazienti maschi e 154 femmine (rapporto 1:1,7 M/F).

I pazienti si sono presentati all’osservazione con sintomi quali asimmetria facciale o gonfiore (167/214 casi; 78,0%), dolore a livello orale (30/214; 14%), sintomatologie sistemiche (25/214; 11,7%) e neuropatia (6/214; 2,8%) emersi indipendentemente e anche in combinazione tra loro. Una patologia ossea, quale riduzione della densità, si è verificata il più delle volte nella mandibola (100/245 casi; 40,8%), mentre in 72 casi è stata riscontrata nella mascella (29,4%) e in 73 casi in entrambe (29,8%). All’esame radiografico nella maggior parte dei casi si sono rilevate radiotrasparenze (112/173; 64,7%), radiopacità in 9/173 casi (5,2%) e lesioni miste in 50/173 casi (28,9%). Una sorta di distruzione corticale è stata evidenziata in 61 casi (49,6%), la dislocazione dei denti è stata riportata in 58 casi (47,2%) mentre la perdita di lamina dura è stata riportata in 57 pazienti (46,3%) e un certo riassorbimento radicolare in 18 casi (4,6%).

I trattamenti riportati negli studi includevano innesti ossei per il trattamento di difetti di grandi dimensioni, somministrazione di vitamina D (calcitriolo, calcidiolo, calcitonina), assunzione di calcio (calcio gluconato, calcio carbonato), solfato di magnesio, dieta a basso contenuto di fosfato, somministrazione di corticosteroidi sistemici, bifosfonati e trapianto renale per pazienti con malattia renale cronica (CKD) o malattia renale allo stadio terminale (ESRD).

Per approfondire:

Articoli correlati

La costruzione, la gestione e il mantenimento di un buon rapporto con il paziente resta, al pari del valido risultato tecnico, la migliore forma di prevenzione del contenzioso in...


Le linee guida di pratica clinica si muovono all’interno del modello di medicina basata sull’evidenza. Se autorevoli, possono rivelarsi uno strumento straordinario. Non solo...

di Carla De Meo


Dental Cadmos, l'unica rivista italiana, peer-reviewed, indicizzata dai più autorevoli database bibliografici internazionali (Embase, Scopus e Web of Science), lancia una nuova App per...


Metodi per valutare la capacità decisionale


Altri Articoli

A finire nei guai tre diplomati odontotecnici, un assistente alla poltrona e un direttore sanitario. In provincia di Forlì-Cesena chiuso studio senza direttore sanitario 


Al Congresso SUMAI si è parlato anche di odontoiatri nel SSN: Magi, Ghirlanda, Fiorile pronti al dialogo con il Ministero per cercare di risolvere la questione


Un Evento EDRA Odontoiatria33 vuole capire il fenomeno attraverso il parere di illustri relatori e la fotografia delle scelte e delle motivazioni di studenti e professionisti


Capofila del progetto, in quanto Regione promotrice dell’iniziativa contenuta nel piano di lavoro, è la Basilicata


Presso FICO di Bologna un nuovo appuntamento con “La Piazza della Salute”, aperto a tutti e all’insegna dell’informazione e prevenzione partendo dalla salute dei propri denti fino a uno...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi