HOME - Patologia Orale
 
 
30 Giugno 2008

Odontoma composto

di Alberto Pispero


Gli odontomi sono lesioni classificate come tumori odontogeni benigni, anche se in realtà, non presentando il tipico aspetto proliferativo dei tumori dovrebbero essere considerati amatomi.
Si presentano come masse di tessuto completamente calcificato formato da smalto dentina e cemento che può essere più o meno disorganizzato. La patologia colpisce più frequentemente soggetti di sesso maschile tra la seconda e la quarta decade di vita. L’eziologia rimane sconosciuta anche se talvolta si pensa che un trauma possa essere l’evento scatenante. Queste lesioni sono di solito asintomatiche e la loro scoperta è accidentale in seguito all’esecuzione di una ortopantomografia di routine.
Gli odontomi si distinguono in composti e complessi. Gli odontomi composti appaiono radiologicamente come masse radiopache irregolari riconducibili a piccole strutture dentarie più o meno sviluppate circondate da un orletto radiotrasparente e prediligono la mascella nella regione anteriore. Istologicamente le formazioni calcificate riproducono la normale struttura dentaria e la lesione è quindi costituita da piccoli denti malformati di numero variabile.
Gli odontomi complessi si presentano come una radiopacità unica con margini irregolari e circondata anche in questo caso da un orletto radiotrasparente. Si localizzano con maggiore frequenza nella regione posteriore della mandibola. Istologicamente i tessuti dentari appaiono molto disorganizzati e macroscopicamente la lesione non da forma a strutture dentarie. La presenza di queste lesioni non si associa di solito ad agenesia di elementi dentari. In alcuni casi però possono essere d’impedimento alla corretta eruzione di alcuni elementi dentari o possono dare complicanze infettive, provocate da perforazione della compatta ossea e comunicazione con la cavità orale.
Alcuni autori ritengono necessaria l’escissione di questa lesione solo se si manifestano i problemi sopraelencati in caso contrario il trattamento consigliato è quello di effettuare controlli frequenti. Altri autori invece consigliano una precoce escissione a causa della possibile evoluzione in senso cistico o ameloblastico e per la possibilità di spostamento e riassorbimento dei denti adiacenti. La rimozione della lesione è di solito semplice per la presenza di un piano di clivaggio facilmente individuabile, l’unica difficoltà può essere rappresentata da una localizzazione sfavorevole che rende difficilmente raggiungibile la lesione o dalla vicinanza con strutture anatomiche a rischio. Si ricorda che un clivaggio sottoperiosteo riduce sempre il sanguinamento e le possibilità di sezioni accidentali di rami nervosi.

GdO 2008;12

Articoli correlati

In occasione della Giornata Mondiale senza tabacco una guida informativa preparata sula relazione tra fumo e salute orale. 5 temi da condividere con i propri pazienti


Il fumo è il principale fattore di rischio per molte malattie degenerative croniche, in particolare respiratorie e cardiovascolari, ma molti effetti avversi si verificano nei fumatori cronici...


Fondazione ANDI e Società Italiana di Patologia e Medicina Orale hanno lanciato una App che offre la possibilità di conoscere con un Click i Centri di Sanità Pubblica e...


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


L’approfondimento odierno doveva essere sul nuovo Decreto con l’obbligo vaccinale (terza dose inclusa) esteso anche ai dipendenti non sanitari che da domani diventa operativo (ma come abbiamo...

di Norberto Maccagno


Verificate quasi 5 mila posizioni. Chi sorpreso a lavorare è stato denunciato per l’ipotesi di reato di esercizio abusivo della professione sanitaria. Ecco tutti i casi odontoiatrici segnalati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi