HOME - Patologia Orale
 
 
29 Novembre 2018

Mucosite orale nei bambini durante la chemioterapia: una ricerca italiana individua “COMEDY”, un nuovo pattern


Mentre la diagnosi precoce e i progressi nella terapia oncologica per i bambini continuano a migliorare, le complicazioni orali rimangono una causa significativa di morbilità e di potenziale mortalità. Dopo aver visitato, trattato e controllato il cavo orale di centinaia di bambini con leucemia o tumori solidi per oltre 25 anni, le prof.sse Elena Bardellini Alessandra Majorana (nella foto) dell’Università degli Studi di Brescia hanno definito un nuovo aspetto della mucosite orale durante la chemioterapia

La mucosite orale (OM) è una delle complicanze più debilitanti nei bambini che ricevono terapia antitumorale. I recenti progressi nella comprensione del suo meccanismo patologico indicano che OM è la conseguenza di una serie di eventi biologici dinamici e interattiviche coinvolgono gli epiteli e la sottomucosa in risposta agli agenti stomatotossici. Una serie di fattori come i regimi di trattamento, la durata del trattamento, l'intensità della dose, la qualità e la quantità di saliva influenzano il rischio individuale di mucosite. 

“Tuttavia la mucosite orale in alcuni casi può manifestarsi anche in assenza di tossicità farmacologica, ovvero in condizioni di stress psicologico associato a reflusso gastro-esofageo non erosivo”, dice la prof.ssa Elena Bardellini . 

La ricerca mostra che la maggior parte dei pazienti con reflusso gastro-esofageo non erosivo spesso soffre anche di ansia, depressione o altri disturbi emotivi. Allo stato attuale, l'eziologia e la patogenesi di questo reflusso rimangono poco chiare. I bambini sottoposti a chemioterapia talvolta manifestano dolore faringeo e difficoltà di deglutizione (disfagia).  

Come riportato nella recente pubblicazione del gruppo dell’Università di Brescia sul Journal of Paediatric Hematology Oncology, questi bambini presentano una specifica alterazione della mucosa orale con un aspetto opalescente diffuso, che causa dolore e limitazione dell'apertura della bocca. Questo caratteristico aspetto dipende da una reazione difensiva all'atto doloroso della deglutizione, cheli porta a stringere i denti per tutto il giorno. Il serramento prolungato induce edema della mucosa orale, con ipercheratosi. Le impronte dei denti sono visibili sulla mucosa orale e sulla lingua, che appare festonata. 

“Durante l’esame orale dei bambini ricoverati nel reparto di ematooncologia pediatrica dell’ASST- Spedali Civili di Brescia, - continua la prof.ssa Elena Bardellini- questi particolari pazienti chiudono gli occhi e curvano le spalle, sia come reazione difensiva al dolore faringeo sia come rifiuto psicologico al ricovero in ospedale. Tutti questi elementi configurano una precisa entità nosologica, che include serramento, mucosite orale, occhi chiusi e disfagia, che abbiamo riassunto nell'acronimo "COMEDY" (Clenching Oral Mucositis Eyes DYsphagia)”. 

Riconoscere il pattern COMEDY- afferma la prof.ssa Alessandra Majorana- nei bambini sottoposti a chemioterapia sarà di aiuto ad indirizzare il trattamento verso una combinazione di terapia convenzionale per il reflusso e psicoterapia per alleviare la depressione e l'ansia, accompagnato dall'uso di agenti di rivestimento della mucosa orale e farmaci antinfiammatori per ridurre il dolore orale. Infine conoscere questo nuovo Pattern della mucosite e le sue caratteristiche porterà a migliorare la gestione del bambino durante la chemioterapia migliorando la qualità di vita del bambino stesso”.  

Articoli correlati

Obiettivi: Valutare gli effetti del trattamento perimplantare non chirurgico con l’utilizzo di un antibiotico locale e compararli con un trattamento standard di levigatura non chirurgica...


Obiettivi. Descrivere i risultati della riabilitazione implantoprotesica effettuata su un gruppo di pazienti disabili assistiti presso il Servizio di Odontostomatologia per Disabili (CERRIS –...


I recenti progressi in implantologia hanno portato a un aumento del numero di pazienti trattati, con tassi di sopravvivenza degli interventi superiori al 95% in una popolazione...

di Lara Figini


ObiettiviDa anni i farmaci classificati come bifosfonati sono utilizzati nelle terapie di varie patologie reumatiche e oncologiche. Oltre all’azione curativa hanno dimostrato di avere effetti...


Introduzione. In questo articolo viene illustrato il caso di un paziente sottoposto a chemioterapia all’età di tre anni per un linfoma non-Hodking. I linfomi sono tra i tumori maligni più...


Altri Articoli

Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


In queste settimane su gruppi Facebook, ma anche alcuni di voi lettori ci hanno scritto, vi interrogate su come mai ci siano ancora in giro pubblicità che propongono prestazioni...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi