HOME - Patologia Orale
 
 
30 Settembre 2008

Impiego dell'Er:YAG laser nella terapia delle osteonecrosi da bisfosfonati

di P. Vecovi, M. Manfredi, E. Merigo, C. Fornaini, M. Meleti, R. Guidotti, A. Ripasarti, M. Bonanini, J.P. Rocca, S. Nammour


Negli ultimi anni l’impiego di differenti lunghezze d’onda laser ha incontrato sempre un maggiore favore nell’ambito delle diverse discipline odontoiatriche. Presso l’Ambulatorio di Patologia e Medicina Orale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, abbiamo iniziato ad applicare questa tecnologia come ausilio alla terapia medica o chirurgica delle Osteonecrosi Mascellari (ONJ) nei pazienti trattati con bisfosfonati (BF).
Il laser a erbio offre in particolare l’opportunità di praticare resezioni parziali o totali del mascellare e della mandibola sostituendo gli strumenti rotanti tradizionali. L’elevata affinità di questa lunghezza d’onda per l’acqua e l’idrossiapatite permette di aggredire sia tessuti molli di rivestimento sia la base scheletrica. Questa tecnica permette inoltre di effettuare operazioni conservative vaporizzando progressivamente la quota di osso necrotico giungendo sempre più in profondità in prossimità dell’osso sano. Un indubbio vantaggio del laser a erbio è rappresentato anche dalla sua azione antibatterica e biostimolante, fenomeni ampiamente descritti in letteratura anche per questo genere di apparecchiature. I precoci processi di guarigione della mucosa come dell’osso sono più rapidi se comparati all’impiego delle frese tradizionali non solo per l’effetto biostimolante, ma anche per la superficie che si crea più favorevole all’adesione cellulare dei tessuti di rivestimento.

The ER:YAG laser in the treatment of biphosphonates-induced osteonecrosis of the jaws
INTRODUCTION. In the last years the use of different laser wavelengths in dentistry has become more frequent. At the Dept. of oral medicine of the university of Parma the authors started to use laser in the treatment of biphosphonates-induced osteonecrosis of the jaws(ONJ).
AIM OF THE WORK. The aim of this work was to describe the use of erbium laser as a support of medical and surgical therapy in the management of osteonecrosis of the jaws (ONJ) associated to bisphosphonates (BF)-use.
RESULTS. Erbium laser can be used for partial or  total bone resection of both jaws replacing traditional surgical instruments. Mucosal and bone tissues can be treated with this wavelength thanks to its high affinity for water and hydroxyapatite. In addition, this technique may be used for more “conservative” interventions with a progressive and deeper necrotic bone vaporization close to normal (healthy) bone. The advantages of this type of laser are its antibacterial and bio-stimulant effects, both described in literature. CONCLUSIONS. Using this technique the healing process is quicker in comparison to traditional surgical instruments; healing is promoted both by the bio-stimulant effect of laser as well as by the new bone surface that is more prone to cellular adhesion.



Articoli correlati

Combinato con fattori di rischio come estrazioni dentali, una scarsa igiene orale, l'utilizzo di apparecchi mobili o la chemioterapia, il denosumab può favorire lo sviluppo di osteonecrosi dei...


I mevalonati potrebbero frenare il processo di attivazione osteoclastico indotto dall'acido zoledronico (uno dei più diffusi bifosfonati utilizzati): un'interessante prospettiva per le...