HOME - Patologia Orale
 
 
30 Settembre 2009

Dalla prevenzione alla riabilitazione funzionale del paziente affetto da cancro orale

di F. Carini, M. Baldoni, R. Gaini, L. Sbordone, R. Borloni, M. iaravino, D. Lauritano, G. Porcaro


OBIETTIVI. Lo scopo di questo lavoro è illustrare i punti chiave del programma di gestione clinica dei pazienti affetti da cancro orale.
MATERIALI E METODI
. Nelle fasi iniziali della patologia, radioterapia e resezione chirurgica costituiscono le terapie di riferimento e possono avere risultati sovrapponibili. Negli stadi avanzati, le stesse vengono variamente combinate, con l’obiettivo di embricare i rispettivi meccanismi di azione. Negli stadi avanzati, la chemioterapia rappresenta l’opzione di riferimento, spesso con funzioni solamente
palliative. Le sequele post chirurgiche spesso prevedono alterazioni anatomiche e fisiologiche che rendono impossibile l’utilizzo di presidi protesici tradizionali e richiedono l’utilizzo di tecniche di osteintegrazione avanzata.
RISULTATI. Nonostante i buoni risultati delle terapie chirurgiche e radianti nelle fasi precoci, il rischio di insorgenza di lesioni primarie in altre sedi resta del 4% ogni anno. In caso di lesioni avanzate in assenza di metastasi, il rischio di recidive locali e a distanza risulta elevato, nonostante l’utilizzo della radioterapia post chirurgica. La prognosi della patologie metastatiche e delle recidive resta grave, indipendentemente dalle terapie applicate. La riabilitazione orale di questi pazienti richiede un approccio multidisciplinare e una complessa pianificazione pre chirurgica.
CONCLUSIONI. Negli stadi precoci, l’obiettivo terapeutico è ridurre l’incidenza di secondarismi, eradicando la patologia con un attento bilancio tra efficacia e tossicità dei farmaci. Negli stadi avanzati, la terapia deve essere volta a incrementare la sopravvivenza del paziente, riducendo l’incidenza delle metastasi a distanza e delle complicanze correlate alla tossicità dei farmaci. Nelle patologie metastatiche e ricorrenti, occorre implementare l’efficacia della chemioterapia, assicurando un’adeguata qualità di vita al paziente.
Le attuali tecniche di chirurgia ricostruttiva, combinate agli impianti osteointegrati, hanno modificato sensibilmente la qualità di vita di questi pazienti, segnando la strada per una vera riabilitazione funzionale.



Articoli correlati

L’obiettivo dell’auto check-up è quello di sensibilizzarli sull’importanza di mantenere comportamenti sani per la tutela della salute, cominciando da bocca e denti


Così la considera il  27% della popolazione spagnola. I risultati di una indagine del Consejo General de Dentistas


I dati di una ricerca dell’Università di Milano con la CAO Nazionale. Prof. Carrassi: il rischio di dover far fronte ad una emergenza è reale, serve essere preparati


L’Istituto Superiore di Sanità precisa e porta alcuni dati. Brusaferro: i vaccini di cui disponiamo sono estremamente efficaci nel prevenire le forme gravi della malattia, se viene completato il...


Notizie positive sull’efficacia della riduzione del rischio di infezione ed anche sulla contagiosità. Risultati sempre positivi ma contrastanti sulla riduzione di efficacia del vaccino Pfizer per...


Altri Articoli

A poche ore dalla scadenza, il CDA ENPAM ufficializza il rinvio della comunicazione dei redditi prodotti nel 2020


Video incontro sul tema parlando di attrezzature e delle tecniche ma anche sull’utilizzo della fotografia come documentazione clinica e legale ma anche strumento di comunicazione


Evento di confronto organizzato Alleanza per la Professione Medica, alla presenza del ministro Speranza, per parlare della riforma della sanità e dei fondi che saranno destinato con il PNRR


Da SIASO una utile raccolta dei protocolli operativi che l’ASO deve seguire durante la giornata di lavoro


L’acquisizione apre significative opportunità per Dentsply Sirona all’interno del segmento dei bio-materiali.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio