HOME - Patologia Orale
 
 
01 Settembre 2011

Enfisema sottocutaneo cervico-facciale e mediastinico iatrogeno

di A. Perucchi, J. Kuttenberger


Obiettivi
Presentare un caso di enfisema sottocutaneo al fine di sensibilizzare i colleghi odontoiatri alla diagnosi precoce di tale patologia.

Materiali e metodi
Per la diagnosi radiologica consigliamo l’utilizzo di una tomografia assiale computerizzata (TAC) o di una tomografia volumetrica digitale (TVD). La paziente è stata curata con Augmentin® 2,2 g (amoxicillina + acido clavulanico) e Co-Amoxi-Mepha 625 mg® (amoxicillina + acido clavulanico) per prevenire una mediastinite.

Risultati e conclusioni
L’enfisema sottocutaneo è una complicazione rara in odontoiatria. La presentazione di questo caso clinico è ancora più particolare perché l’enfisema si è esteso fino al mediastino dopo un trattamento dentale restaurativo con un’otturazione di Classe V effettuata con contrangolo. Ogni odontoiatra o igienista deve dunque essere consapevole che dopo un trattamento con l’utilizzo di trapani o air flow può verificarsi una simile complicazione. L’importante è saperla riconoscere e diagnosticarla subito. Si manifesta con una tumefazione non sempre dolente, soffice, che alla palpazione dà una sensazione di crepitio. La diagnosi radiologica può confermare la diagnosi differenziale clinica. Il trattamento consiste solitamente in terapia analgesica e antibiotica. I sintomi spariscono in genere in 3-10 giorni, tuttavia è necessario un attento esame in un centro specializzato al fine di escludere la possibilità che l’enfisema mediastinico sviluppi una mediastinite che, se non curata, potrebbe anche essere letale. All’esame clinico dopo 5 giorni l’enfisema della nostra paziente si era riassorbito completamente e senza complicazioni; dopo 27 giorni, al riesame radiologico con TAC, non vi erano più tracce di infiltrazioni d’aria sottocutanee.



Articoli correlati

Non si può ancora curare un paziente da remoto, ma le nuove tecnologie possono aiutare il dentista a valutare, a distanza, i problemi clinici lamentati. L’ADA ha indicato le regole


L’ipersensibilità alla dentina (DH) è definita come un dolore minuscolo e acuto che deriva dalla superficie esposta della dentina in reazione a uno stimolo di origine...

di Giulia Palandrani


La malattia infettiva, nominata COVID-19 dall’OMS l'11 febbraio 2020, è determinata da un virus che fa parte di una famiglia costituita da quattro generi virali (alfa, beta,...

di Lara Figini


Nella pratica quotidiana, la carie è considerata la ragione più comune per la sostituzione o il rifacimento di un restauro dentale e, per il dentista generico, il rilevamento di...

di Lorenzo Breschi


Prima dell'introduzione del vaccino, la parotite era la malattia delle ghiandole salivari più comune ed era globalmente una delle malattie infettive più presenti nei bambini. In...

di Lara Figini


Altri Articoli

I ministeri competenti starebbero lavorando ad un Decreto per poter concedere anche ai professionisti il bonus da 600 euro ad aprile, che potrebbe essere esteso a mille a maggio


Disponibile da oggi il manuale: “Le infezioni nello studio odontoiatrico - manuale operativo di prevenzione del contagio per Odontoiatri, Igienisti e ASO”


Alessandro Baj

Test sierologici fine a se stessi o studi multicentrici di ricerca? Ne abbiamo parlato con il professor Alessandro Baj


Il Tavolo tecnico modifica il testo su mascherine e camici ed il CTS approva. Il prof Gherlone ci spiega le modifiche e parla del futuro del Tavolo Tecnico 


Alcune considerazioni del dott. Dario Bardellotto sulle possibili soluzioni per combattere gli inquinanti indoor chimici, fisici e biologici di uno studio dentistico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni